Bezzecchi: "E' stata una bella gara, ma non ho capito perché mi abbiano penalizzato"

condividi
commenti
Bezzecchi:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
24 set 2018, 09:58

Il pilota della Prustel GP non sembra condividere il suo arretramento al 18esimo posto in griglia, ma con la sua rimonta fino al secondo posto ha lanciato un segnale importante al rivale Jorge Martin, che però ha incrementato a 13 punti il suo vantaggio con la vittoria di Aragon.

Marco Bezzecchi, Prustel GP
Marco Bezzecchi, Prustel GP
Marco Bezzecchi, Prustel GP
Marco Bezzecchi, Prustel GP
Marco Bezzecchi, Prustel GP
Marco Bezzecchi, Prustel GP

"E' stata una bella gara, ma non ho capito perché mi abbiano penalizzato". Non ci ha girato troppo intorno Marco Bezzecchi quando si è presentato ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD, dopo aver concluso al secondo posto il GP d'Aragon di classe Moto3, al termine di una strepitosa rimonta dal 18esimo posto in griglia.

Il pilota della Prustel GP ha dovuto fare i conti con una penalità di 12 posizioni, essendo ritenuto dalla Direzione Gara tra quelli che avevano rallentato troppo nelle fasi conclusive delle qualifiche. Una penalità che non lo vedeva d'accordo, ma che comunque non ha fatto venire meno le sue motivazioni. Anzi, è partito determinatissimo a rimontare perché sapeva che il rivale Jorge Martin avrebbe provato a scappare dalla pole position.

"Martin è partito subito forte, ma me lo immaginavo, quindi ho fatto i primi giri che piuttosto mi sarei ammazzato pur di rimontare. Ci sono riuscito, ma quando sono arrivato secondo lui aveva già quattro secondi di vantaggio. Se fossi rimasto davanti, avrei distrutto la gomma, quindi ho preferito battagliare un po' nel gruppo e sono stato un attimo dietro. Poi ho cercato di rimettermi davanti, ho cercato di portare a casa più punti possibile ed ho chiuso secondo". 

Leggi anche:

La penalità in griglia lo ha anche obbligato a modificare il set-up della sua moto oltre all'approccio alla gara: "Noi avevamo pensato ad una strategia, ma partendo sesto. L'idea era quella di fare un cambio un po' più lungo per prendere le scie. Poi quando mi hanno detto che sarei partito 18esimo, abbiamo cambiato la moto perché sapevo che a quel punto bisognava uscire forte dalle curve. Abbiamo fatto un'altra strategia, completamente diversa, che mi ha permesso di tirare il gruppo. Alla fine sapevo di avere Enea dietro e all'ultimo giro ho fatto l'ultima curva con una marcia in meno, così sono uscito forte e non mi ha fregato".

Ora i punti da recuperare su Martin sono 13, ma probabilmente quella di ieri è stata una risposta importante allo spagnolo: "Non si molla, non è certo questo che mi butta giù. Se ti fai buttare giù da un podio è finita". 

 
Prossimo articolo Moto3
Mondiale Moto3 2018: Martin allunga a +13 su Bezzecchi, "Diggia" ora è a -41

Articolo precedente

Mondiale Moto3 2018: Martin allunga a +13 su Bezzecchi, "Diggia" ora è a -41

Articolo successivo

Fotogallery: ancora un sigillo per Martin nel GP d'Aragon di Moto3, ma Bezzecchi non molla

Fotogallery: ancora un sigillo per Martin nel GP d'Aragon di Moto3, ma Bezzecchi non molla
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Moto3
Evento Aragon
Sotto-evento Domenica, gara
Location Motorland Aragon
Piloti Marco Bezzecchi
Team Prustel GP
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Intervista