F3, Zandvoort: Dennis Hauger torna mastino in qualifica

Il pilota della Prema è stato autore di un ultimo giro spettacolare che gli ha consentito di conquistare la pole e di beffare un David Schumacher ormai certo del miglior crono. Doohan è quarto.

F3, Zandvoort: Dennis Hauger torna mastino in qualifica

Le sofferenze vissute a Spa-Francorchamps sembrano essere state già dimenticate per Dennis Hauger. Il pilota della Prema, che proprio in Belgio aveva vissuto un weekend complicato, è tornato a recitare con forza il ruolo del mattatore a Zandvoort conquistando una pole di forza nei caotici minuti finali del turno.

I piloti della F3 sono stati costretti ad una improvvisa interruzione con bandiera rossa a quattro minuti dal termine quando Yeany è finito in testacoda per poi restare fermo in traiettoria. Il pilota del Charouz Racing System è riuscito a ripartire autonomamente, ma la direzione gara aveva già deciso di interrompere il turno per non correre rischi.

Alla ripartenza quasi tutti sono tornati immediatamente in pista ad eccezione di Hauger che ha atteso qualche istante in più per non trovarsi imbottigliato nel traffico. La scelta ha dato ragione al leader del campionato.

Hauger ha realizzato dei parziali record nel primo e nel secondo settore per poi migliorare il proprio crono nel T3 e transitare sul traguardo con il miglior tempo in 1’24’’580.

Il norvegese ha conquistato una pole di forza che gli regala altri quattro punti in classifica preziosissimi in questo finale di stagione.

A masticare amaro è stato David Schumacher. Il tedesco del team Trident sembrava ormai accreditato della pole, ma nell’ultimo tentativo non è riuscito ad essere nuovamente incisivo ed alla fine ha pagato un gap di 1 decimo dal crono firmato Hauger.

Bel balzo nel finale di Victor Martins. Il francese della MP Motorsport, complice anche la scia gentilmente offerta dal compagno di squadra Collet, è riuscito a risalire sino in terza piazza facendo retrocedere Jack Doohan in quarta.

Il diretto rivale di Hauger in classifica è sembrato subito a proprio agio sul tracciato olandese, ma non ha mai trovato un giro perfetto e si è dovuto accontentare del crono di 1’24’’939.

L’ottimo stato di forma della Trident a Zandvoort è confermato anche dal quinto tempo ottenuto da Clement Novalak. Il francese, già in palla al mattino nelle Libere, è stato l’ultimo pilota a scendere sotto il muro dell’1’25’’ ed ha chiuso alle spalle del compagno di team per soli 22 millesimi.

Collet non è riuscito a migliorarsi nell’ultimo tentativo ed in Gara 3 prenderà il via dalla sesta casella, mentre Jak Crawford, dopo il miglior riferimento firmato nelle Libere del mattino, si è confermato ancora una volta il miglior portacolori della Hitech GP con il settimo crono in 1’25’’274.

Smolyar, Iwasa e Leclerc hanno completato la top ten, mentre Amaury Cordeel, grazie al dodicesimo crono, avrà la possibilità di prendere il via dalla pole di Gara 1 con al fianco Logan Sargeant.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph
1 Norway Dennis Hauger
Italy Prema Powerteam 13 1'24.580 183.319
2 Germany David Schumacher
Italy Trident 15 1'24.715 0.135 0.135 183.027
3 France Victor Martins
Netherlands MP Motorsport 15 1'24.885 0.305 0.170 182.661
4 Australia Jack Doohan
Italy Trident 15 1'24.939 0.359 0.054 182.545
5 United Kingdom Clement Novalak
Italy Trident 15 1'24.961 0.381 0.022 182.497
6 Caio Collet
Netherlands MP Motorsport 15 1'25.031 0.451 0.070 182.347
7 Jak Crawford
United Kingdom Hitech Racing 14 1'25.274 0.694 0.243 181.827
8 Russian Federation Alexander Smolyar
France ART Grand Prix 11 1'25.345 0.765 0.071 181.676
9 Ayumu Iwasa
United Kingdom Hitech Racing 14 1'25.403 0.823 0.058 181.553
10 Arthur Leclerc
Italy Prema Powerteam 13 1'25.422 0.842 0.019 181.512
11 United States Logan Sargeant
Czech Republic Charouz Racing System 13 1'25.556 0.976 0.134 181.228
12 Amaury Cordeel
Spain Campos Racing 10 1'25.567 0.987 0.011 181.205
13 Rafael Villagómez
Germany HWA AG 14 1'25.574 0.994 0.007 181.190
14 Denmark Frederik Vesti
France ART Grand Prix 11 1'25.612 1.032 0.038 181.110
15 Italy Lorenzo Colombo
Spain Campos Racing 10 1'25.612 1.032 0.000 181.110
16 United Kingdom Olli Caldwell
Italy Prema Powerteam 11 1'25.752 1.172 0.140 180.814
17 Ido Cohen
United Kingdom Carlin 14 1'25.752 1.172 0.000 180.814
18 Oliver Rasmussen
Germany HWA AG 14 1'25.786 1.206 0.034 180.742
19 United Kingdom Jonny Edgar
United Kingdom Carlin 13 1'25.799 1.219 0.013 180.715
20 Czech Republic Roman Staněk
United Kingdom Hitech Racing 14 1'25.886 1.306 0.087 180.532
21 Australia Calan Williams
Switzerland Jenzer Motorsport 15 1'25.892 1.312 0.006 180.519
22 Filip Ugran
Switzerland Jenzer Motorsport 13 1'26.047 1.467 0.155 180.194
23 United Kingdom Johnathan Hoggard
Switzerland Jenzer Motorsport 14 1'26.077 1.497 0.030 180.131
24 Italy Matteo Nannini
Germany HWA AG 15 1'26.157 1.577 0.080 179.964
25 Tijmen van
Netherlands MP Motorsport 15 1'26.261 1.681 0.104 179.747
26 United States Kaylen Frederick
United Kingdom Carlin 15 1'26.292 1.712 0.031 179.682
27 United States Juan Manuel Correa
France ART Grand Prix 11 1'26.409 1.829 0.117 179.439
28 László Tóth
Spain Campos Racing 11 1'26.638 2.058 0.229 178.965
29 Hunter Yeany
Czech Republic Charouz Racing System 14 1'27.507 2.927 0.869 177.188
30 Zdenek Chovanec
Czech Republic Charouz Racing System 13 1'27.726 3.146 0.219 176.745
condividi
commenti
F3, Zandvoort: Crawford brilla subito nelle Libere

Articolo precedente

F3, Zandvoort: Crawford brilla subito nelle Libere

Articolo successivo

F3, Zandvoort Gara 1: monologo di Leclerc, show di Hauger

F3, Zandvoort Gara 1: monologo di Leclerc, show di Hauger
Carica i commenti