F3, Zandvoort Gara 1: monologo di Leclerc, show di Hauger

Nella prima gara del weekend di Zandvoort si è imposto il monegasco della Prema grazie ad una partenza perfetta, mentre Dennis Hauger ha regalato spettacolo con un sorpasso da brividi.

F3, Zandvoort Gara 1: monologo di Leclerc, show di Hauger

Chi si aspettava una gara noiosa è rimasto deluso. La prima corsa del weekend di Formula 3 a Zandvoort ha regalato spettacolo ed è stata tiratissima dal primo all’ultimo giro.

Ad imporsi, con un vero e proprio monologo, è stato Arthur Leclerc. Il monegasco della Prema ha posto le fondamenta del successo già in partenza quando ha approfittato di un avvio al rallentatore del polesitter Cordeel per prendere il comando delle operazioni.

Il pilota del Campos Racing è poi retrocesso in quarta posizione, alle spalle di Sargeant e Iwasa, e all’ingresso della prima sopraelevata è stato colpito nella posteriore destra da Smolyar per sprofondare a fondo gruppo.

Leclerc e Sargeant hanno duellato a lungo, con l’americano decisamente più veloce ma impossibilitato a trovare lo spunto necessario anche con il DRS spalancato a causa delle staccate al limite del monegasco.

La lotta per la prima posizione è stata neutralizzata al diciassettesimo passaggio quando Hoggard e Yeany sono entrati in contatto finendo violentemente contro le barriere di protezione nel primo settore del tracciato.

La safety car è entrata in pista per consentire ai commissari di rimuovere le monoposto ed alla ripartenza, avvenuta al giro 20, Leclerc è stato bravissimo nel prendere subito un buon margine su Sargeant.

Il pilota della Charouz Racing System ha dovuto controllare negli specchietti Iwasa e Crawford scatenati, ma è riuscito a non perdere un secondo gradino del podio ampiamente meritato, mentre Leclerc è transitato in scioltezza sotto la bandiera a scacchi.

Iwasa si è confermato una delle sorprese di questa stagione portando a casa un terzo posto di grande valore davanti ad un Jak Crawford in crescita in questa finale di stagione. L’americano della Hitech GP ha sofferto nei giri conclusivi la pressione di Caio Collet, ma ha sfruttato al meglio il DRS per tenere a bada il rookie brasiliano della MP Motorsport.

La lotta per il titolo ha visto Jack Doohan e Dennis Hauger concludere Gara 1 in settima ed ottava piazza, ma a regalare spettacolo è stato il pilota della Prema.

Hauger, scattato dalla dodicesima casella, si è portato subito in nona piazza al via per poi salire in ottava posizione quando Smolyar è entrato ai box per sostituire il musetto.

Il leader della classifica ha commesso una sbavatura al quattordicesimo giro quando ha provato a sopravanzare Martins finendo lungo, ed in quella occasione è retrocesso in nona piazza alle spalle di Novalak.

Hauger, però, è riuscito a sfogare la rabbia per l’errore nei giri conclusivi subito dopo la ripartenza. Al restart ha messo nel mirino il francese della Trident riprendendosi così l’ottava posizione per poi gettarsi daccapo all’inseguimento di Martins e freddare il francese con un sorpasso capolavoro concluso all’esterno della prima sopraelevata.

La top ten si è completata con Vesti e e Caldwell autori di una bella rimonta conclusa in nona e decima piazza, mentre Ido Cohen ha beffato Lorenzo Colombo nei giri conclusivi per conquistare la dodicesima piazza ed il diritto di scattare dalla pole in Gara 2.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph Punti
1 Arthur Leclerc
Italy Prema Powerteam 24 -
2 United States Logan Sargeant
Czech Republic Charouz Racing System 24 0.900 0.900 0.900
3 Ayumu Iwasa
United Kingdom Hitech Racing 24 1.500 1.500 0.600
4 Jak Crawford
United Kingdom Hitech Racing 24 2.400 2.400 0.900
5 Caio Collet
Netherlands MP Motorsport 24 2.700 2.700 0.300
6 Australia Jack Doohan
Italy Trident 24 3.000 3.000 0.300
7 Norway Dennis Hauger
Italy Prema Powerteam 24 3.800 3.800 0.800
8 France Victor Martins
Netherlands MP Motorsport 24 4.300 4.300 0.500
9 Denmark Frederik Vesti
France ART Grand Prix 24 7.000 7.000 2.700
10 United Kingdom Olli Caldwell
Italy Prema Powerteam 24 7.300 7.300 0.300
11 United Kingdom Clement Novalak
Italy Trident 24 8.100 8.100 0.800
12 Ido Cohen
United Kingdom Carlin 24 8.600 8.600 0.500
13 Italy Lorenzo Colombo
Spain Campos Racing 24 9.100 9.100 0.500
14 Germany David Schumacher
Italy Trident 24 9.700 9.700 0.600
15 Filip Ugran
Switzerland Jenzer Motorsport 24 10.400 10.400 0.700
16 Australia Calan Williams
Switzerland Jenzer Motorsport 24 10.500 10.500 0.100
17 Italy Matteo Nannini
Germany HWA AG 24 11.300 11.300 0.800
18 Oliver Rasmussen
Germany HWA AG 24 12.900 12.900 1.600
19 United Kingdom Jonny Edgar
United Kingdom Carlin 24 13.000 13.000 0.100
20 United States Kaylen Frederick
United Kingdom Carlin 24 13.300 13.300 0.300
21 Tijmen van
Netherlands MP Motorsport 24 14.000 14.000 0.700
22 Rafael Villagómez
Germany HWA AG 24 14.500 14.500 0.500
23 Amaury Cordeel
Spain Campos Racing 24 15.400 15.400 0.900
24 Russian Federation Alexander Smolyar
France ART Grand Prix 24 15.600 15.600 0.200
25 László Tóth
Spain Campos Racing 24 17.000 17.000 1.400
26 Zdenek Chovanec
Czech Republic Charouz Racing System 24 18.800 18.800 1.800
27 Czech Republic Roman Staněk
United Kingdom Hitech Racing 24 18.900 18.900 0.100
28 United States Juan Manuel Correa
France ART Grand Prix 24 58.000 58.000 39.100
Hunter Yeany
Czech Republic Charouz Racing System 15 9 laps
United Kingdom Johnathan Hoggard
Switzerland Jenzer Motorsport 15 9 laps
condividi
commenti
F3, Zandvoort: Dennis Hauger torna mastino in qualifica

Articolo precedente

F3, Zandvoort: Dennis Hauger torna mastino in qualifica

Articolo successivo

F3: addio Austin, la stagione si concluderà a Sochi

F3: addio Austin, la stagione si concluderà a Sochi
Carica i commenti