La Jordan 191 tornerà in pista al Masters Historic Racing

In occasione dell'evento di Donington, che si terrà il 2 ed il 3 aprile, tornerà in pista la splendida Jordan 191 con cui Andrea de Cesaris ha disputato il Gp di Spa-Francorchamps del 1991.

La Jordan 191 tornerà in pista al Masters Historic Racing

La Jordan del 1991 di proprietà dell'ex pilota Volvo dell'European Touring Car Championship, James Hanson, prenderà parte all'evento di Donington in programma il 2-3 aprile aperto alle auto di Formula 1 da 3,5 litri ed a tutte le altre monoposto costruite dopo il 1985.

Hanson guiderà la splendida Jordan nelle due sessioni dimostrative di 20 minuti durante il weekend dell’Historic Masters che si svolgerà a porte chiuse. La 191 è l'auto con cui Andrea de Cesaris occupava la seconda posizione nelle fasi finali del Gran Premio del Belgio 1991 prima di essere costretto al ritiro per la rottura del motore.

La vettura è stata anche condotta da Michael Schumacher in occasione delle libere che hanno segnato il suo debutto assoluto in Formula 1.

"Le auto di F1 di quest'epoca sono veloci, rumorose e davvero belle da guidare", ha detto Hanson a Motorsport.com. "È un peccato che molte vetture con motori di 3,5 litri siano finite come pezzi da museo. Una monoposto come la Jordan non è affatto complicata da guidare".

Greg Thornton, due volte vincitore del FIA Masters Historic F1 Championship, ha in programma di partecipare a Donington con un trio di Coloni con motore Cosworth che ha acquistato: una C3 del 1989, una C3C dall'anno successivo ed una C4 del 1991 C4.

Thornton, che gestisce l'organizzazione Titan Historic Racing, ha rivelato di aver messo insieme un consorzio che ora possiede un totale di otto auto utilizzabili per le demo Masters.

L'ex pilota di F1 Tony Trimmer è uno dei papabili per portare in pista una delle tre Coloni al fianco di Thornton, mentre l’altro nome che potrebbe sedersi al volante è quello dell’ex pilota Coloni Roberto Moreno, anche se la sua presenza è in dubbio a causa delle restrizioni agli spostamenti.

Gli eventi, denominati Masters Single-Seater Demos, lo scorso anno erano riservati esclusivamente alle vetture da 3,5 litri, ma da quest’anno saranno aperti anche alle vetture di F3000, GP ed IndyCar per ampliare il numero di partecipanti.

Il boss dell’Historic Masters, Ron Maydon ha dichiarato a Motorsport.com: "Abbiamo provato l'anno scorso, e si è rivelato difficile nelle circostanze attuali, ma vogliamo sicuramente fare un altro tentativo.

"Abbiamo aperto anche ad altre categorie perché ci sono un sacco di vetture interessanti che non sono auto da 3,5 litri di F1 e vogliamo accoglierle tutte".

Maydon ha parlato di "un interesse concreto" da parte dei potenziali partecipanti, ma ha rifiutato di prevedere quante auto potranno essere presenti al Masters di Donington a causa delle restrizioni di viaggio attualmente in vigore.

Ha escluso ogni possibilità che si possa disputare un campionato completo, ma Hanson e Thornton credono che possa essere fattibile creare un calendario per le vetture di F1 da 3.5 litri.

"C'è del grande potenziale perché ci sono un sacco di auto in circolazione", ha detto Thornton.  "Una volta che i proprietari vedranno queste dimostrazioni vorranno partecipare anche loro".

La seconda delle dimostrazioni avverrà al Masters Historic Festival di Brands Hatch il 29-30 maggio, mentre quelle successive si terranno a Zandvoort a luglio ed infine a Jerez ed a Portimao ad ottobre.

condividi
commenti
Rinviato il Festival di Goodwood, salta la 'prima' del Pure ETCR
Articolo precedente

Rinviato il Festival di Goodwood, salta la 'prima' del Pure ETCR

Carica i commenti