Ad Hockenheim sono scintille a non finire, Harald Proczyk vince il titolo con la Opel

condividi
commenti
Ad Hockenheim sono scintille a non finire, Harald Proczyk vince il titolo con la Opel
Di: Francesco Corghi
24 set 2018, 08:55

In due gare combattutissime l'austriaco riesce a trionfare nel primo round e a chiudere terzo nel secondo battendo nella volata finale Halder, Langeveld e un Engstler autore di una furibonda rimonta.

Harald Proczyk è Campione 2018 dell'ADAC TCR Germany Series grazie al successo ottenuto in Gara 1 ad Hockenheim e il podio conquistato in Gara 2.

Il pilota della HP Racing International era tornato al comando della classifica già sabato grazie al trionfo nel primo round al termine di una bella battaglia con la Honda Civic Type R FK7 di Mike Halder e la Hyundai i30 N di Luca Engstler, saliti entrambi sul podio davanti a Niels Langeveld impegnato con l'Audi RS 3 LMS della Racing One.

I quattro, tutti in lizza per il titolo, hanno dato spettacolo in una gara condizionata dalla Safety Car, entrata per due volte sul tracciato. La prima per rimuovere la Opel Astra di Jasmin Preisig, fermatasi in pista, poi la seconda in seguito ad un contatto fra l'Audi di Antti Buri e la Cupra di Pascal Eberle nella bagarre per la Top5, con il finlandese della LMS Racing finito nella ghiaia. 

Leggi anche:

In griglia c'erano state diverse retrocessioni: la sostituzione del motore ha fatto indietreggiare Luke Wankmüller dal 7° al 28° posto, Benjamin Leuchter e Niko Kankkunen hanno invece perso 5 posizioni per non aver rispettato le bandiere in qualifica.

Al via Engstler ha bruciato il poleman Proczyk prendendo il comando delle operazioni, ma nei primi giri il quartetto in lotta per il campionato si è dato battaglia a lungo. Proczyk ed Halder hanno passato Engstler al secondo passaggio, Langeveld ha rimontato fino al quarto posto mettendosi all'inseguimento di Engstler.

Proczyk è riuscito a staccare Halder, che a sua volta ha allungato su Engstler alle prese con gli assalti di Langeveld, il quale è riuscito a sopravanzarlo al penultimo passaggio per poi cedergli nuovamente la posizione all'ultimo.

In Gara 2 è successo veramente di tutto, con Halder che alla fine è riuscito a trionfare davanti a Langeveld, Proczyk ed Engstler.

Il pilota della Opel Astra si aggiudica così il trofeo di questa stagione, ma non senza sudare. Langeveld era partito benissimo dal terzo posto prendedosi il primo fin dall'inizio, con Halder al suo inseguimento e Proczyk salito terzo al giro 5.

Engstler, retrocesso dal 9° al 19° posto in griglia per guida scorretta in Gara 1, è stato protagonista di una prestazione con il coltello tra i denti, dando e ricevendo colpi su colpi che alla fine lo hanno visto superare gli avversari fino ad arrivare quarto alle spalle di Proczyk.

Anche stavolta la Safety Car è stata protagonista, addirittura per tre volte in azione. La prima per recuperare la Hyundai di Théo Coicaud spedita a muro alla curva 1 in un contatto, poi la Cupra di Pascal Eberle, capottatosi dopo una collisione fra tre auto, mentre l'ultima per un incidente tra Maurits Sandberg e J.C. Reynolds nelle retrovie.

Langeveld ha perso la prima posizione per una toccata subita da Halder, lasciando strada anche a Proczyk, poi risuperato nel finale visto che l'austriaco era ormai certo del titolo anche con il terzo posto.

In classifica Proczyk chiude a 421 punti, seguito da Engstler a 415, Langeveld a 403 ed Halder a 366. 

 
Articolo successivo
Ad Hockenheim arriva la prima e fondamentale pole position per Proczyk

Articolo precedente

Ad Hockenheim arriva la prima e fondamentale pole position per Proczyk

Articolo successivo

Svelato il calendario 2019, Yokohama nuovo fornitore di gomme

Svelato il calendario 2019, Yokohama nuovo fornitore di gomme
Carica i commenti