Scott Dixon sconfigge il trio Andretti e trionfa a Detroit

condividi
commenti
Scott Dixon sconfigge il trio Andretti e trionfa a Detroit
David Malsher
Di: David Malsher , US Editor
03 giu 2018, 07:42

Il pilota del Chip Ganassi Racing resiste alla pressione di Hunter-Reay e coglie a Detroit la vittoria numero 42 in carriera. Alexander Rossi, grazie al terzo posto odierno, è adesso il nuovo leader del campionato con 4 punti di vantaggio su Dixon.

Alexander Rossi, Andretti Autosport Honda
Ryan Hunter-Reay, Andretti Autosport Honda
Ryan Hunter-Reay, Andretti Autosport Honda
Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda
Alexander Rossi, Andretti Autosport Honda
Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda
Marco Andretti, Herta - Andretti Autosport Honda
James Hinchcliffe, Schmidt Peterson Motorsports Honda
Jordan King, Ed Carpenter Racing Chevrolet
Spencer Pigot, Ed Carpenter Racing Chevrolet
James Hinchcliffe, Schmidt Peterson Motorsports Honda
Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda
Ryan Hunter-Reay, Andretti Autosport Honda
Alexander Rossi, Andretti Autosport Honda
Alexander Rossi, Andretti Autosport Honda
Matheus Leist, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet

Marco Andretti è stato protagonista di una buona partenza ed ha tenuto subito alle proprie spalle Dixon, Robert Wickens, Alexander Rossi e Ryan Hunter-Reay, mentre la top ten si è completata con Will Power, Takuma Sato, Graham Rahal, James Hinchcliffe e Spencer Pigot.

Al giro numero 6 Newgarden ha effettuato la sosta imitato una tornata dopo da Hinchcliffe ma quest'ultimo è stato punito con un  drive-through per unsafe release.

Marco Andretti non è riuscito a fare il vuoto su Dixon e Rossi, mentre alle spalle dei primi tre si è assistito al sorpasso di Rahal ai danni di Sato per la quarta piazza ed il giapponese ha optato per effettuare la sosta al giro numero 20 imitato due giri dopo da Rossi, mentre Andretti è entrato al pit al giro 23 e Dixon al 24.

Dixon è stato subito velocissimo nonostante le gomme nere ed ha immediatamente pressato Rahal, con gomme rosse, al giro 26 per poi prendere il comando delle operazioni al giro 32 e fare subito il vuoto sugli inseguitori.

Rahal, infatti, si è trovato distante ben dieci secondi dalla vetta al passaggio numero 36 ed ha dovuto controllare negli specchietti Hunter-Reay.

Poco dopo Rene Binder è finito a muro in curva 7 e Dixon e Rahal ne hanno approfittato per effettuare la sosta. Quest'ultimo, tuttavia, si è reso protagonista poco dopo di un passaggio troppo violento sul cordolo in curva 13 che l'ha fatto finire a muro e costretto la direzione gara a dichiarare la full course caution.

Dixon si è così trovato al comando seguito da Hunter-Reay, Andretti, Rossi, Jones, Sato, Power, Newgarden, Pigot e Wickens quando le operazioni sono riprese al giro 54.

Si è subito assistito ad un duro duello tra Sato e Jones per la quinta piazza con il giapponese bravo a prevalare, ma i primi quattro ne hanno approfittato per prendere il largo anche se Hunter-Reay ha faticato non poco nel tenere a bada Andretti.

Sfortunato il debutto di Santino Ferrucci. Il pilota della F2 è infatti stato spedito a muro da Kimball in curva 7 al giro 57. 

La ripartenza è avvenuta quando mancavano otto giri alla fine e Rossi è stato bravissimo nel superare Andretti all'esterno di curva 3 per salire in terza piazza, mentre due giri dopo è stato Wickens a salire in ottava posizione dopo aver passato Newgarden.

Nonostante Hunter-Reay si sia trovato a solo un secondo di ritardo, Dixon non ha commesso errori ed è riuscito ha centrare in questo modo la sua quarantaduesima vittoria in carriera e salire in seconda posizione in classifica piloti davanti a  Will Power, mentre Rossi, grazie al terzo posto odierno, è adesso il leader del campionato.

Quarta posizione finale per Marco Andretti, al miglior risultato dalla gara di Toronto della scorsa stagione, bravo nel resistere alla pressione di Sato nel finale, mentre Power non è riuscito ad avere la meglio su Jones e si è dovuto accontentare della settima piazza davanti a Wickens, Newgarden e Pigot.

Pos.PilotaTeamTempo/GapInterval
1 9 new_zealand  Scott Dixon  Chip Ganassi Racing 1:39'24.6189  
2 28 united_states  Ryan Hunter-Reay  Andretti Autosport 1.8249 1.8249
3 27 united_states  Alexander Rossi  Andretti Autosport 4.1771 2.3522
4 98 united_states  Marco Andretti  Andretti Herta Autosport 11.5191 7.3420
5 30 japan  Takuma Sato  Rahal Letterman Lanigan Racing 11.8757 0.3566
6 10 united_arab_emirates  Ed Jones  Chip Ganassi Racing 13.7649 1.8892
7 12 australia  Will Power  Team Penske 15.0733 1.3084
8 6 canada  Robert Wickens  Schmidt Peterson Motorsports 21.4715 6.3982
9 1 united_states  Josef Newgarden  Team Penske 21.5622 0.0907
10 21 united_states  Spencer Pigot  Ed Carpenter Racing 21.9523 0.3901
11 5 canada  James Hinchcliffe  Schmidt Peterson Motorsports 22.3158 0.3635
12 26 united_states  Zach Veach  Andretti Autosport 23.0621 0.7463
13 18 france  Sébastien Bourdais  Dale Coyne Racing 23.3441 0.2820
14 14 brazil  Tony Kanaan  A. J. Foyt Enterprises 26.1877 2.8436
15 4 brazil  Matheus Leist  A. J. Foyt Enterprises 26.5471 0.3594
16 20 united_kingdom  Jordan King  Ed Carpenter Racing 27.0156 0.4685
17 22 france  Simon Pagenaud  Team Penske 29.8038 2.7882
18 88 colombia  Gabby Chaves  Harding Racing 33.7246 3.9208
19 23 united_states  Charlie Kimball  Carlin 34.0911 0.3665
20 59 united_kingdom  Max Chilton  Carlin 34.8584 0.7673
21 32 austria  Rene Binder  Juncos Racing 3 Laps 3 Laps
22 19 united_states  Santino Ferrucci  Dale Coyne Racing 15 Laps 12 Laps
23 15 united_states  Graham Rahal  Rahal Letterman Lanigan Racing 25 Laps 10 Laps

 

 

 

Prossimo articolo IndyCar