Verstappen: "Dopo questo podio possiamo sperare in grande per Monaco"

condividi
commenti
Verstappen: "Dopo questo podio possiamo sperare in grande per Monaco"
Di:
13 mag 2018, 16:30

L'olandese della Red Bull ha colto il terzo posto grazie al ritiro di Raikkonen ed al secondo pit di Vettel ma ha lodato il comportamento della RB14 nel settore più guidato ed ora spera in grande per il prossimo GP.

Scintille sotto la monoposto di Sergio Perez Force India VJM11 dopo che il messicano transita sui detriti lasciati da Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, Max Verstappen, Red Bull Racing RB14 e Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09, Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H e Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09, Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, Max Verstappen, Red Bull Racing RB14 e Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia la vittoria sul podio con Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 e Max Verstappen, Red Bull Racing
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Partenza: Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09, Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, Max Verstappen, Red Bull Racing RB14 e il resto del gruppo

Dopo un inizio di stagione tutt'altro che positivo e caratterizzato da numerosi errori, non ultimo il contestatissimo incidente di Baku con il compagno di team Daniel Ricciardo, Max Verstappen ha ritrovato la via del podio grazie ad un pizzico di fortuna dovuto al ritiro di Raikkonen ed al secondo pit stop che ha messo fuori dai giochi Sebastian Vettel.

Nonostante Max sia riuscito a cogliere un inatteso terzo posto, anche oggi l'olandese ha commesso un piccolo errore, una sbavatura, che avrebbe potuto pregiudicare il risultato finale.

In occasione della ripartenza dopo la neutralizzazione con Virtual Safety Car, Verstappen ha colpito con la parte sinistra della propria ala anteriore la posteriore destra di Sergey Sirotkin danneggiando la paratia laterale dell'elemento aerodinamico.

Nonostante la sua RB14 non fosse più equilibrata, Max ha proseguito senza chiedere il cambio del musetto ed è riuscito a gustare nuovamente lo champagne dal gradino più basso del podio. 

"Non direi che sono stato fortunato, ma sicuramente non è stato un bell'episodio perché ho perso parte dell'efficacia dell'ala anteriore. Ad ogni modo non sono stato particolarmente danneggiato da questo inconveniente".

La dea bendata sembra aver oggi protetto l'irruente olandese della Red Bull. Max, infatti, non solo non ha patito il danno all'ala anteriore, ma è riuscito a conquistare il terzo posto approfittando del ritiro di Kimi Raikkonen e della seconda sosta di Sebastian Vettel.

Verstappen ha sottolineato come la scelta compiuta dalla Ferrari sia stata errata, anche se ha riconosciuto le difficoltà di Vettel con le Pirelli ormai usurate.

"Per ottenere un risultato del genere devono accadere delle cose davanti a te, anche delle scelte sbagliate, ed è quello che è successo. Kimi ha avuto un problema al motore e Seb ha dovuto effettuare una sosta ulteriore perché credo che avesse finito le gomme e non credo che abbia tratto benefici dalle coperture fresche".

Come da tradizione, le vetture progettate da Adrian Newey godono di un ottimo carico aerodinamico, e la conferma di questa teoria si è avuta nel settore più guidato del tracciato dove le due RB14 sono state le monoposto più rapide.

Con questi presupposti le speranze di Verstappen di poter cogliere un risultato importante a Monaco sono giustamente elevate...

"Credo che a Monaco avremo una vettura competitiva. Qui eravamo molto veloci nell'ultimo settore, quello più guidato e con curve lente, e penso che potremmo ripeterci anche a Montecarlo". 

Articolo successivo
Fotogallery: dominio Mercedes nel GP di Spagna di F1

Articolo precedente

Fotogallery: dominio Mercedes nel GP di Spagna di F1

Articolo successivo

Mondiale Costruttori F1 2018: la Mercedes riscavalca la Ferrari

Mondiale Costruttori F1 2018: la Mercedes riscavalca la Ferrari
Carica i commenti