F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: il diffusore di Max con i denti di squalo

Sulla RB16B è stato provato solo dal pilota olandese un diffusore dotato di due Gurney flap che nella parte più esterna avevano vistosi denti di squalo.

Red Bull: il diffusore di Max con i denti di squalo

La Red Bull ha fatto provare solo a Max Verstappen un diffusore modificato nella prima sessione di prove libere del GP di Monaco. Sulla RB16B dell’olandese, infatti, ha fatto il suo debutto una soluzione interessante nel posteriore: due Gurney flap che circondano il diffusore mostrano una seghettatura nella parte più esterna. Si tratta di un concetto che permette di aumentare il carico generando dei vortici, ma senza peggiorare la resistenza all’avanzamento.

È curioso annotare che la Red Bull fa delle soluzioni che in passato avevano contraddistinto le Mercedes: la seghettatura, infatti, si era osservata nel bordo d’uscita del profilo principale posteriore e sotto i flap aggiuntivi dell’ala anteriore.

Il particolare sulla monoposto di Adrian Newey è balzato subito all’occhio degli osservatori perché i tecnici Red Bull hanno cosparso quella specifica parte del diffusore di vernice flo wiz.

Red Bull RB16B, dettaglio del diffusore con i denti di squalo sui Gurney flap

Red Bull RB16B, dettaglio del diffusore con i denti di squalo sui Gurney flap

Photo by: Giorgio Piola

condividi
commenti
F1, Monaco, Libere 1: fra due Red Bull c'è la Ferrari!
Articolo precedente

F1, Monaco, Libere 1: fra due Red Bull c'è la Ferrari!

Articolo successivo

LIVE Formula 1, Gran Premio di Monaco: Libere 2

LIVE Formula 1, Gran Premio di Monaco: Libere 2
Carica i commenti