Shanghai, Gara 2: Primo storico centro per Bennani

Shanghai, Gara 2: Primo storico centro per Bennani

Il marocchino della Honda conquista un bellissimo trionfo davanti a Monteiro e López. Loeb manda K.O. Muller.

La Cina è il paese delle prime volte. Dopo la vittoria Lada (a Pechino sette giorni fa) e la conquista in Gara 1 del Titolo Costruttori da parte della Citroën, nel secondo round di Shanghai è andata in scena la sinfonia suonata da Mehdi Bennani.

Il marocchino della Proteam Racing conquista una bellissima e meritata vittoria, sfruttando al meglio la partenza dalla Pole Position della griglia invertita. Oltre che del primo successo del ragazzone di Fés, accompagnato da un festosissimo gruppo di parenti e amici, si tratta anche della prima vittoria di una Honda Civic WTCC versione TC1 e del primo successo per la squadra di Valmiro Presenzini.

I giapponesi possono godere anche per il bel secondo posto ottenuto da Tiago Monteiro (Team Castrol), che ha preceduto le C-Elysée di José María López e Sébastien Loeb. Quest'ultimo ha dimostrato di non voler mai alzare il piede dal gas nelle battaglie, anche se stavolta (forse) ha esagerato, quando ha speronato il suo compagno di squadra Yvan Muller al terzo giro. Ritiro obbligato per l'alsaziano, che praticamente vede sfumare ogni speranza di difendere il suo Titolo Piloti.

Altra bella prova per Norbert Michelisz, quinto con la Civic-Zengo Motorsport, seguito dall'idolo locale Ma Qing Hua e dalla prima delle Chevrolet, quella della Roal Motorsport affidata a Tom Coronel. Bellissima rimonta fino all'ottavo posto per l'altro pilota Roal, Tom Chilton, costretto a partire dalla pit-lane mentre il team di Roberto Ravaglia terminava le riparazioni dopo il problema alla posteriore destra accusato in Gara 1.

Amaro nono posto per Hugo Valente (Cruze-Campos), con il francese che scattava dalla prima fila, ma è stato rapidamente risucchiato dal gruppo e ha concluso davanti al compagno di squadra Dušan Borković.

Resta ancora a mani vuote la Lada Sport: ritirato Rob Huff per un contatto con la Cruze di Gianni Morbidelli (che ha finito tredicesimo dopo aver scontato il relativo Drive-Through), James Thompson e Mikhail Kozlovskiy hanno concluso a ridosso della Top10, davanti al pesarese della Münnich Motorsport.

Fuori anche Gabriele Tarquini per un problema al servosterzo che si era già manifestato in Gara 1; l'abruzzese ha provato a stringere i denti ed è scattato bene al via, mettendosi all'inseguimento di Bennani, ma poi ha dovuto alzare bandiera bianca. Sfumata, dunque, una possibile tripletta per la Honda.

In Classe TC2T Franz Engstler concede il bis con la propria BMW, precedendo John Filippi (Seat León) e il compagno di squadra Filipe Clemente De Souza, che si porta a casa la vittoria nel Trofeo Asia.

IL FILM DELLA GARA - Non si schiera Chilton, avendo terminato le riparazioni a pit-lane già chiusa. Al via ne approfitta bene Monteiro, che ha la piazzola davanti a sé vuota, mentre Bennani si invola, seguito da Tarquini e dal portoghese. Parte malissimo Valente, superato dalle Honda e incalzato dalle Citroën di Loeb e Muller, mentre Ma non è brillante e si ritrova 10°. Engstler prende subito il comando in TC2T e non lo mollerà.

In poche curve è già bagarre: Loeb affianca all'esterno Valente al termine del lungo rettilineo, ma spalanca la porta a Muller, che lo beffa e si prende la 5a piazza. López risale al 7° posto superando Michelisz, Ma fa altrettanto con Coronel ed è 9°, mentre Thompson guadagna la 15a piazza ai danni di Münnich.

Al terzo giro si verifica il fattaccio: al termine del lungo rettilineo, Muller attacca Valente, Loeb tenta di restituire la mossa che ha subito poco prima, ma centra in pieno il compagno di squadra distruggendo la posteriore destra dell'alsaziano e il passaruota anteriore sinistro della sua vettura. Ritiro obbligato per il Campione in carica, che rientra ai box furente. L'episodio viene messo sotto investigazione da parte dei Giudici e verrà valutato dopo la gara.

López supera poco dopo Loeb ed è 4°. Intanto Chilton ha iniziato la sua rimonta dal fondo occupando già il 15° posto. Al giro 5 altro contatto: i protagonisti sono Huff, che finisce a muro alla curva 3, e Morbidelli; il pesarese dovrà scontare un Drive-Through. Davanti, con Bennani che ha già un discreto vantaggio, Tarquini rallenta vistosamente, lasciando a Monteiro la 2a posizione. Il "cinghiale" rientra ai box e si ritira.

López risale in 3a piazza. Si crea un bel gruppetto agguerrito, con Valente (4°) seguito da Loeb, Michelisz e Ma. Il 9 volte Campione WRC si sbarazza della Cruze al giro 7, mentre Ma, tentando di imitarlo con Michelisz, finisce largo e viene superato da Coronel. Il cinese si riprende la posizione in due curve.

Michelisz riesce a superare Valente con un gran sorpasso alla curva 11; il francese è in netta difficoltà e perde altre due posizioni con i sorpassi subiti da Ma e Coronel. Prosegue la rimonta di Chilton, ora 9° dopo aver sopravanzato anche Borković. Il britannico, reduce dalla vittoria a Pechino, si mette alle spalle anche Valente.

Le ultime tornate sono una cavalcata solitaria per Bennani, che taglia il traguardo davanti a Monteiro e López, giungendo stremato, ma felicissimo, al Parco Chiuso.

Ora pausa di due settimane: si ricomincerà in casa della Honda, quando il WTCC farà tappa a Suzuka (25-26 ottobre) per i round 21 & 22.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Shanghai
Circuito Shanghai International Circuit
Piloti Tiago Monteiro , Mehdi Bennani
Articolo di tipo Ultime notizie