Phillip Island, Q1: Rea in pole con 14 moto in 1"

Solo il pilota della Honda scende sotto all'1'32". Quarto e quinto tempo per Checa e Biaggi

Phillip Island, Q1: Rea in pole con 14 moto in 1
14 moto in un secondo: è questo il responso della prima sessione di prove ufficiali del Mondiale Superbike 2012, andata in scena a Phillip Island quando in Italia erano le prime ore del mattino. Ad ottenere il miglior tempo è stato Jonathan Rea, che con la sua Honda è stato l'unico pilota capace di infrangere il muro dell'1'32" in 1'31"959, crono leggermente migliore rispetto a quello messo a segno da Carlos Checa nelle libere. Il campione del mondo per ora si è dovuto accontentare del quarto tempo, alle spalle delle altre due Ducati di Jakub Smrz e del sorprendente Davide Giugliano, velocissimo all'esordio. Entrambi i piloti del Team Althea però hanno dovuto i fare i conti con delle scivolate, nelle quali però fortunatamente non hanno riportato conseguenze fisiche. Dietro a Checa, chiude la top five Max Biaggi, che con la sua Aprilia è staccato di poco più di tre decimi e tallonato da un'altra delle sorprese di giornata, ovvero Niccolò Canepa, sesto con la Ducati del team Red Devils Roma. Dopo aver brillato nei test collettivi di inizio settimane, le Kawasaki invece per ora si sono dovute accontentare del settimo e dell'ottavo tempo con Tom Sykes e Joan Lascorz. Chiudono la top ten le due BMW di Marco Melandri e Michel Fabrizio. Restando nel box della Casa bavarese bisogna segnalare l'impresa di Leon Haslam: il pilota britannico ha saltato le libere, ma nelle prove ufficiali ha percorso tre giri ad appena 24 ore da un intervento chirurgico al malleolo tibiale. Un gesto quasi da eroe, soprattutto se si pensa che è stato capace di girare a 1"5 dalla pole. Non è andata altrettanto bene all'altro infortunato di lusso, ovvero Eugene Laverty: il pilota dell'Aprilia, sceso in pista con la frattura del terzo metacarpo della mano sinistra, è stato vittima di una nuova caduta ed è stato trasportato al centro medico dell'autodromo per accertamenti. Più indietro gli altri italiani, con Ayrton Badovini e Lorenzo Zanetti che occupano la 18esima e la 19esima posizione. Raffaele De Rosa, che è al debutto tra le derivate di serie dopo diverse stagioni nel Motomondiale, completa invece la classifica in 25esima ed ultima posizione.

World SBK - Phillip Island - Q1

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Jonathan Rea
Articolo di tipo Ultime notizie