SBK, Aragon, Superpole Race: Rea vince ancora su pista umida

Jonathan Rea conquista il successo numero 101 nella Superpole Race disputata in condizioni miste. Ancora doppietta Kawasaki, con Alex Lowes in seconda posizione. Chiude il podio un ottimo Garrett Gerloff. Davies è quarto, ma è crisi Ducati ufficiale, con Redding ottavo e Rinaldi undicesimo.

SBK, Aragon, Superpole Race: Rea vince ancora su pista umida

Nella domenica di Aragon ecco che cambia tutto: dopo due giorni di asciutto è arrivata la pioggia a cambiare le carte in tavola, costringendo i piloti della Superbike a disputare la Superpole Race in condizioni miste. Cambiano le situazioni, ma non il vincitore: anche sull’asfalto insidioso, Jonathan Rea si impone vincendo in scioltezza la sua gara numero 101.

Il pilota Kawasaki è colui che al meglio è riuscito ad interpretare le condizioni particolari della pista, montando due intermedie con cui ha tagliato il traguardo infliggendo 3.5 secondi al compagno di squadra. Alex Lowes regala infatti la seconda doppietta del weekend a Kawasaki, tagliando il traguardo in seconda posizione. C’è grande soddisfazione anche in casa Yamaha, con un Garrett Gerloff che si conferma in ottima forma ed è il pilota che chiude il podio.

Lo statunitense del team GRT ha beffato i più favoriti, chiudendo in terza posizione e provando ad avvicinarsi a Lowes, anche se invano. È rimasto ai piedi del podio Chaz Davies, che ad Aragon riesce ad esprimersi al meglio, ma non è andato oltre la quarta posizione. Il gallese però è il primo dei piloti Ducati, che invece sono arretrati e non sono mai riusciti a tenere il passo dei primi.

È apparso in estrema difficoltà infatti Scott Redding, partito dalla seconda casella e in lotta per la prima posizione nelle prime curve. L’alfiere Aruba.it Racing – Ducati però non è andato oltre l’ottavo posto finale, in crisi con la scelta sbagliata di gomme. La squadra ufficiale aveva deciso di montare due gomme da bagnato, condannando di fatto i piloti a una gara faticosa, anche Michael Ruben Rinaldi è passato sotto la bandiera a scacchi in 11esima posizione.

Autore di una grande rimonta è invece stato Michael van der Mark, unico pilota ad optare per due gomme slick. L’olandese ha portato la sua BMW dalle retrovie alla quinta posizione finale, riuscendo a precedere anche Toprak Razgatlioglu, sesto dopo un duello con Alvaro Bautista, che è passato sotto la bandiera a scacchi in settima posizione.

Come detto, Redding è ottavo davanti ad un Kohta Nozane che agguanta la sua prima top 10 grazie al nono posto, mentre in decima posizione troviamo l’altra Honda di Leon Haslam. Bene anche l’esordio in condizioni miste per Andrea Locatelli, che ha tagliato il traguardo in 12esima posizione, mentre sorride decisamente meno Tom Sykes, costretto a rientrare ai box a metà gara.​

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 10 19'47.979      
2 22 United Kingdom Alex Lowes Kawasaki 10 19'51.485 3.506 3.506  
3 31 United States Garrett Gerloff Yamaha 10 19'53.030 5.051 1.545  
4 7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 10 19'56.887 8.908 3.857  
5 60 Netherlands Michael van der Mark BMW 10 19'58.154 10.175 1.267  
6 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Yamaha 10 20'17.321 29.342 19.167  
7 19 Spain Alvaro Bautista Honda 10 20'17.544 29.565 0.223  
8 45 United Kingdom Scott Redding Ducati 10 20'21.340 33.361 3.796  
9 3 Japan Kohta Nozane Yamaha 10 20'21.654 33.675 0.314  
10 91 United Kingdom Leon Haslam Honda 10 20'22.750 34.771 1.096  
11 21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 10 20'24.430 36.451 1.680  
12 55 Italy Andrea Locatelli Yamaha 10 20'26.688 38.709 2.258  
13 94 Germany Jonas Folger BMW 10 20'29.167 41.188 2.479  
14 53 Spain Tito Rabat Ducati 10 20'39.954 51.975 10.787  
15 32 Spain Isaac Viñales Kawasaki 10 20'40.623 52.644 0.669  
16 50 Ireland Eugene Laverty BMW 10 20'40.891 52.912 0.268  
17 47 Italy Axel Bassani Ducati 10 20'55.308 1'07.329 14.417  
18 36 Argentina Leandro Mercado Honda 10 21'03.583 1'15.604 8.275  
19 23 France Christophe Ponsson Yamaha 10 21'04.438 1'16.459 0.855  
20 84 Belgium Loris Cresson Kawasaki 10 21'05.084 1'17.105 0.646  
  66 United Kingdom Tom Sykes BMW 7 3 laps      
  76 Italy Samuele Cavalieri Kawasaki 3 7 laps      
  44 France Lucas Mahias Kawasaki 2 8 laps    
condividi
commenti
Davies critico: “In Ducati SBK serve una spinta come in MotoGP”
Articolo precedente

Davies critico: “In Ducati SBK serve una spinta come in MotoGP”

Articolo successivo

SBK, Aragon: colpo di reni di Redding e Ducati, trionfo in Gara 2

SBK, Aragon: colpo di reni di Redding e Ducati, trionfo in Gara 2
Carica i commenti