WRC, Rally Estonia: Tanak chiude al comando la prima tappa

Tanak e Jarveoja dominano la prima tappa davanti al compagno di squadra Breen. Neuville rompe una sospensione e si ritira. Ogier in zona podio davanti a Rovanpera. Crisi nera per M-Sport.

WRC, Rally Estonia: Tanak chiude al comando la prima tappa

Ott Tanak e Martin Jarveoja hanno iniziato il fine settimana del Rally Estonia, gara che ha fatto riprendere il Mondiale Rally 2020, da favoriti e stanno mantenendo le attese. L'equipaggio campione del mondo in forza alla Hyundai ha sino a ora compiuto un percorso perfetto, attaccando dove il percorso lo richiedeva e gestendo il vantaggio sugli avversari con maestria.

Tanak è balzato quasi subito in testa alla classifica generale, per poi mantenere un margine di circa 11" nei confronti del compagno di squadra Craig Breen, sino a qui perfetto scudiero e uomo squadra per Hyundai Motorsport, che cerca la riconferma nel Mondiale Costruttori dopo aver vinto il titolo lo scorso anno.

Per il team di Alzenau non è tutto oro ciò che luccica, perché mentre sembrava materializzarsi una clamorosa tripletta grazie al terzo posto di Thierry Neuville, il belga è stato autore di un piccolo errore, ma dalle conseguenze enormi. E' finito leggermente largo in una curva sinistrorsa veloce, mettendo la ruota posteriore destra nel fosso.

Questa, una volta entrata nel fosso ha urtato qualcosa nascosto dall'erba. L'impatto ha divelto la sospensione e costretto l'equipaggio belga al ritiro nella PS7, la prima del giro pomeridiano di oggi. Un vero peccato, perché ora la rincorsa al titolo di Neuville si fa ancora una volta in salita.

Ad approfittare dell'errore è stato Sébastien Ogier, bravo a evitare di commetterne a sua volta e a sfruttare ogni occasione che gli si presenta davanti. D'altronde, non si è 6 volte campioni del mondo per caso. Il transalpino ora è terzo, anche se ha dovuto fare i conti con due gomme delaminate nel giro pomeridiano.

Ottima la giornata di Kalle Rovanpera. Il giovane talento finlandese sta prendendo sempre più confidenza con la Yaris e oggi ha dato sfoggio del suo talento. Peccato per la foratura che lo ha rallentato questa mattina proprio mentre si trovava nelle posizioni di vertice e in piena lotta per il podio.

Giornata complicata per Elfyn Evans, che nel pomeriggio è stato costretto a getire una foratura e a perdere tanti secondi preziosi, venendo inoltre scavalcato nella classifica generale da Rovanpera. Nera è anche la giornata di M-Sport. Dopo un avvio promettente, le Fiesta sono progressivamente scivolate nelle zone meno nobili della Top 10 per una competitività decisamente più scarsa rispetto a Hyundai e Toyota.

Merita una citazione a parte Pierre-Louis Loubet. Il giovane talento francese, che in Estonia sta correndo con una Hyundai i20 Coupé WRC Plus privata per la prima volta nel Mondiale, è nono dopo aver stampato alcuni tempi degni di nota e aver mostrato una crescita significativa prova dopo prova. A conti fatti è presto per dare giudizi su un ragazzo alle prime armi con una vettura così performante, ma se il buongiorno si vede dal mattino, questa è un alba da lasciare senza fiato.

condividi
commenti
WRC, Rally Estonia, PS7-9: Neuville va KO. Ogier torna terzo
Articolo precedente

WRC, Rally Estonia, PS7-9: Neuville va KO. Ogier torna terzo

Articolo successivo

WRC, Rally Estonia, PS12-14: Toyota sugli scudi. Tanak controlla

WRC, Rally Estonia, PS12-14: Toyota sugli scudi. Tanak controlla
Carica i commenti