TT 2018: Michael Dunlop da record sulla Paton

condividi
commenti
TT 2018: Michael Dunlop da record sulla Paton
Michele Salvatore
Di: Michele Salvatore
27 mag 2018, 08:19

Il Tourist Trophy è iniziato con l'esordio da urlo del nord irlandese sulla moto italiana nella Lightweight, di 2 decimi più veloce del record di Hillier del 2015. In Supersport, Dean Harrison mette tutti in fila.

Michael Dunlop
Conor Cummins
Ivan Lintin
Dan Kneen
Dean Harrison
David Johnson
John Holden and Lee Cain take the Isle of Man TT sidecar newcomers on their speed-controlled lap
John Holden and Lee Cain take the Isle of Man TT sidecar newcomers on their speed-controlled lap
Isle of Man TT Rider Liaison officer Richard Milky Quayle gets proceedings underway by taking the Newcomers on their speed-controlled lap of the Mountain Course

Con Richard "Milky" Quale a scortare i Newcomers Adam Lyon, David Jackson e Davey Todd per il loro giro dello Snaeffel Mountain Course a velocità controllata è iniziato il Tourist Trophy 2018. Il programma di ieri prevedeva le prime sessioni di prove cronometrate per le classi Supersport e Lightweight.

A primeggiare nella classifica dei tempi sono stati Dean Harrison (Kawasaki) tra le 600cc (17:59.743 media 125.797mph) e Michael Dunlop che, nella Lightweight sulla Paton ufficiale, con il 18:43.708 alla media di 120.875mph ha fatto segnare il record (non ufficiale) della classe... Giusto per far capire agli avversari chi vuole essere il protagonista della gara del 6 giugno e che il feeling con la moto italiana già c'è.

Supersport, Dean Harrison subito in forma

I favoriti sono stati tra i primi a mettere le gomme sull'asfalto: Peter Hickman (Triumph) e Harrison hanno subito voluto saggiare le condizioni del tracciato, seguiti a ruota da Michael Dunlop (Honda), Conor Cummins (Honda) e Ian Hutchinson (Honda). Di questa nutrita pattuglia, il primo a completare gli oltre 60 km dello stradale dell'Isola di Man è stato il ragazzo di Ramsey con un ottimo 18:06.618 (125.00 mph di edia) migliorato ulteriormente al secondo passaggio (18:05.308, 125.15 mph di media).

Poi, però, Dean Harrison ha alzato il ritmo mettendo insieme 5 giri tutti in progressione che l'hanno portato in cima alla classifica dei tempi: 17:59.743 alla media di 125.80 mph il suo miglior rilievo cronometrico. Alle sue spalle si sono piazzati Michael Dunlop, Conor Cummins, Dan Kneen e Peter Hickman.

Lightwegiht, sarà Lintin VS Dunlop?

Ivan Lintin (Kawasaki) e il 15 volte vincitore del TT hanno mostrato un passo insostenibile per tutti nella loro prima uscita sulle bicilindriche. Il vincitore nel 2014 e nel 2015 della classe ha messo a referto 5 tornate, cominciando con un buon 19:09.173 alla media di 118.20 mph e limandolo fino al 18:45.706 (media di 120.66 mph) finale. Ma è stato il nord irlandese a impressionare sulla Paton: 6 giri, best di 18:43.708 alla media 120.87 di due decimi più veloce del record di Hillier del 2015... Se chi ben comincia è a metà dell'opera, Michael Dunlop può essere messo senza dubbio tra i favoriti della gara.

Se dal primo assaggio del cronometro due gradini del podio sono già assegnati, c'è un nutrito gruppo che si appresta a lottare per la terza piazza. McGee (Kawasaki), staccato di circa 23 secondi dal miglior tempo di giornata, comanda la pattuglia formata da Hickman (Kawasaki), Stefano Bonetti sulla seconda Paton ufficiale e David Johnson (Kawasaki).

I piloti torneranno in strada, per il secondo giorno di prove, lunedì 28 alle 19:20 ora italiana.

Classifica Supersport

Classifica Lightweight

Prossimo articolo Road racing

Su questo articolo

Serie Road racing
Evento Isle of Man TT
Sotto-evento Sabato, prove
Autore Michele Salvatore
Tipo di articolo Prove libere