Test Sepang: la MotoGP lavora per evitare la quarantena

I promotori del Campionato del Mondo di MotoGP stanno lavorando con il governo malese su un piano per garantire che i test pre-campionato si svolgano a Sepang senza che i partecipanti debbano rispettare la quarantena.

Test Sepang: la MotoGP lavora per evitare la quarantena

Il circuito malese è la sede del primo test invernale del 2021, previsto per il 19, 20 e 21 febbraio. Pochi giorni prima, dal 14 al 16, deve aver luogo il cosiddetto 'Shakedown', una sorta di contatto, o anteprima, sostanzialmente riservato ai collaudatori.

Attualmente, la Malesia richiede a chiunque desideri entrare nel paese un periodo di quarantena che può variare, ma in nessun caso inferiore a sette giorni, a condizione che vi siano prove di un test COVID-19 negativo.

Da Dorna, promoter del campionato, all'IRTA, l'Associazione dei Team, passando per Razlan Razali, il team principal della struttura sponsorizzata da Petronas che compete in tutte e tre le categorie, è stata messa in atto da mesi una strategia per evitare che i membri dei team della MotoGP debbano affrontare questa quarantena.

Leggi anche:

L'obiettivo è che la bolla già creata nel paddock la scorsa stagione e che ha permesso lo svolgimento di 14 gare, tutte in Europa, venga applicata anche in Malesia, dove il numero di persone di ogni squadra autorizzate a viaggiare sarà ulteriormente limitato.

Dato l'impatto del Coronavirus e le limitazioni derivanti dalla diffusione della pandemia, è stata sempre presa in considerazione la possibilità di effettuare questi primi test a Jerez, dove si sono svolte con successo le prime due gare del 2020. Tuttavia, con il passare dei giorni e grazie a questi sforzi, tutto sembra essere al suo posto in modo che quando le moto torneranno in pista nel 2021, lo faranno a Sepang, dove tradizionalmente lo hanno fatto nella storia recente.

Allo stesso tempo, l'idea è che il secondo test, previsto per il 10-12 marzo, si svolgerà in Qatar, la pista che ospiterà il primo Gran Premio della nuova stagione il 28 marzo.

 

condividi
commenti
Alex Marquez: "Il passaggio in LCR non sarà un reset"
Articolo precedente

Alex Marquez: "Il passaggio in LCR non sarà un reset"

Articolo successivo

La maledizione del numero 1 in MotoGP

La maledizione del numero 1 in MotoGP
Carica i commenti