Alex Marquez: "Il passaggio in LCR non sarà un reset"

Alex Marquez ha detto che il suo passaggio dalla Honda LCR non gli imporrà di ripartire da zero nella MotoGP 2021, perché conosce già bene la squadra.

Alex Marquez: "Il passaggio in LCR non sarà un reset"

Il campione del mondo della Moto2 2019 ha fatto il suo primo test in MotoGP con il team LCR a Valencia lo scorso anno e l'anno prossimo lavorerà con l'ex capo tecnico di Cal Crutchlow, Christophe Bourguignon.

La Honda ha deciso di trasferire Alex in LCR nel 2021 prima ancora che facesso il suo debutto con il team ufficiale, ma Marquez non ha mai avuto l'idea che fosse stata una scelta affrettata.

Dopo un inizio di stagione difficile, Marquez è andato forte nella seconda metà del 2020 ed ha conquistato gli unici due podi della Honda, piazzandosi secondo in Francia e ad Aragon.

Quando gli è stato chiesto se il passaggio in LCR avrebbe rappresentato un reset dopo i progressi fatti con la Honda ufficiale, Marquez ha risposto: "No, non credo che ripartirò da zero. Avro un tecnico, 'Beefy', che ha molta esperienza e in Honda parlano tutti bene di lui. Inoltre, come telemetrista arriverà David Garcia, che era il mio tecnico in Moto2".

"Lo conosco molto bene e può aiutare anche 'Beefy'. Possono formare un buon tandem per aiutarmi. Poi conosco tutte le persone del team, le ho incontrate a Portimao, ma diverse le conoscevo già. Inoltre non vedo l'ora di lavorare con una squadra in cui sicuramente ci sarà più tranquillità e meno pressione. Penso che questo possa aiutarmi a continuare come nella seconda parte del 2020".

Leggi anche:

COVID-19 permettendo, la stagione 2021 sarà composta da 20 gare, con Marquez che ha corso solamente su sette delle piste attualmente previste in calendario.

Ma, quando Motorsport.com gli ha chiesto se considererà il 2021 come una seconda parte della sua stagione da rookie, Marquez ha detto che ritiene che l'esperienza acquisita quest'anno sarà sufficiente per potersi adattare rapidamente alle piste su cui non ha ancora corso in MotoGP.

"E' un po' strano, perché in alcune piste sono stato veloce fin da subito. Quindi, dipende dalla pista, da come ci si trova e da come si gestisce la situazione".

"Ma no, non sarà come una stagione da rookie. Ho già esperienza, conosco già la moto e conosco un po' i segreti per gestire un weekend in MotoGP: come gestire le gomme, entrambe le moto ed il loro assetto".

"Quindi, sarà interessante andare su tutte le piste per accumulare esperienza, ma io ne ho già fatta un po'. Ho fatto un click nella seconda parte della stagione, quindi l'iportante è mantenere quello slancio e rimanere sempre tra i primi otto", ha concluso.

condividi
commenti
Fausto Gresini ricoverato in ospedale per COVID-19
Articolo precedente

Fausto Gresini ricoverato in ospedale per COVID-19

Articolo successivo

Test Sepang: la MotoGP lavora per evitare la quarantena

Test Sepang: la MotoGP lavora per evitare la quarantena
Carica i commenti