Petrucci: "Voglio parlare con KTM, poi valuterei alternative"

Il pilota di Terni non ha ancora parlato con la KTM del suo futuro, ma non nasconde che sarà difficile trovare un accordo per il rinnovo. Una volta parlato con gli austriaci, valuterà tutte le eventuali alternative, ma una cosa è certa: vuole ancora correre nel 2022.

Petrucci: "Voglio parlare con KTM, poi valuterei alternative"

Quella che sta per cominciare potrebbe essere l'ultima metà di stagione in MotoGP per Danilo Petrucci e a confermarlo è stato il proprio il diretto interessato. Durante la pausa estiva non ci sono stati contatti con la Casa austriaca per discutere del suo rinnovo e, anzi, sembra che i vertici di Mattighofen abbiano convinto Raul Fernandez a fare il salto verso la classe regina, andando proprio a prendere il posto del pilota di Terni.

Al momento però non ci sono stati ancora annunci ufficiali e quindi anche Danilo, che ha riconosciuto che l'inizio dell'avventura sulla RC16 è stato più deludente delle aspettative, ha spiegato di voler parlare con la KTM prima di iniziare a valutare le eventuali alternative, ma di essere disposto a prenderle tutte in considerazione se la sua avventura in MotoGP dovesse arrivare al capolinea, perché la sua priorità è continuare a correre.

"Il lavoro del mio manager è quello di fare la mia volontà, che è quella di correre ancora. Non c'è stata alcuna comunicazione con KTM durante questo periodo di pausa, quindi non so quale sia la loro idea. Prima mi piacerebbe parlare con loro, anche per confrontarsi su quello che non è andato e che si potrebbe migliorare da qui in avanti se ci fosse la possibilità, e poi prendere una decisione", ha detto Danilo quando gli è stato chiesto del suo futuro oggi al Red Bull Ring.

"Loro mi hanno dato fiducia l'anno scorso e nessuna delle due parti si aspettava di fare così fatica quest'anno. Per rispetto, vorrei prima parlare con loro, poi chiaramente verrebbe presa in considerazione l'idea di correre in Superbike, qualora non ci fosse la possibilità di farlo da altre parti. Non mi aspetto che la settimana prossima mi offrano il rinnovo, ma prima vorrei capire quali sono le volontà della KTM e poi ci guarderemo intorno", ha aggiunto.

Leggi anche:

Sulle possibili alternative poi ha proseguito: "In questa fase sono io che devo capire cosa voglio fare: a me piace guidare le moto e provare ad andarci più forte possibile. L'ho fatto in MotoGP, ma non è escluso che io lo possa fare in altre categorie, dal campionato regionale di Motocross a salire. L'anno prossimo io vorrei correre, poi vediamo in che categoria".

Intanto il presente è il Gran Premio di Stiria, che si disputa sulla pista di casa della KTM, al Red Bull Ring. Un tracciato che sulla carta non è troppo congeniale alla stazza di "Petrux", che però ha giurato che proverà a fare del suo meglio.

"Comincio molto più rilassato rispetto alla prima parte di stagione, perché comunque so quali sono le aree in cui devo migliorare. Certo, questo sulla carta non è uno dei miei tracciati preferiti, ma è la gara di casa della KTM e questo mi spingerà a provare a fare qualcosa di più. Qui ho fatto solo una o due gare in maniera decente, quindi sarà difficile, ma partiamo già sapendo che cosa bisogna fare".

"E' chiaro che c'è un problema che è quello della velocità in rettilineo, che qui conta abbastanza, ma possiamo provare ad essere più incisivi sia in frenata che in accelerazione, ma dovremo fare il massimo sia io che al box per tirare fuori tutto. Mi piacerebbe fare una bella gara, sia per me che per KTM", ha concluso.

condividi
commenti
Biaggi su Rossi: "Mai stati amici, ma magari ci rideremo insieme"

Articolo precedente

Biaggi su Rossi: "Mai stati amici, ma magari ci rideremo insieme"

Articolo successivo

Pedrosa: “Ho bisogno di capire come sono le gare attuali”

Pedrosa: “Ho bisogno di capire come sono le gare attuali”
Carica i commenti