Motorsport.com's Prime content
Topic

Motorsport.com's Prime content

Perché i rivali di Yamaha dovrebbero temere il ruolo di Crutchlow
Prime
MotoGP Analisi

Perché i rivali di Yamaha dovrebbero temere il ruolo di Crutchlow

Di:

La mossa di Yamaha di ingaggiare Cal Crutchlow come collaudatore è una importante dichiarazione di intenti, perché punta a rafforzare i punti deboli mostrati nella stagione 2020. Anche se non correrà, il britannico potrà avere un’influenza rilevante.

Un capitolo d’oro della storia della Gran Bretagna in MotoGP si è chiuso alla bandiera a scacchi del Gran Premio del Portogallo, quando Cal Crutchlow ha concluso la sua ultima gara da pilota titolare per ricoprire il ruolo di collaudatore Yamaha a partire dal 2021.

Il 35enne britannico è approdato alla classe regina nel 2011, dopo una sola stagione nel mondiale Superbike con Yamaha, con cui ha vinto il titolo Supersport nel 2009. L’anno di debutto in MotoGP è stato duro, ma Crutchlow è diventato rookie dell’anno, conquistando poi sei podi fra il 2012 e il 2013 con la M1 del team Tech 3, prima di passare al team Ducati nel 2014.

condividi
commenti

MotoGP: l'incubo è finito, Marquez è ancora il "Sachsenking"

A circa 11 mesi dall'infortunio, il pilota della Honda sfodera una prestazione e torna alla vittoria sul suo Sachsenring: per Marc è l'ottavo trionfo di fila in MotoGP in Germania. Un grande Oliveira centra il terzo podio consecutivo con la KTM, mentre Quartararo limita i danni con il terzo posto e guadagna qualche punto sui ducatisti. Bagnaia parte male, ma poi sfodera una gran rimonta e chiude quinto. Rossi chiude 14esimo.

LIVE MotoGP, Gran Premio di Germania: Gara

Seguite LIVE con Motorsport.com il Gran Premio di Germania, ottavo appuntamento della MotoGP 2021 sul circuito del Sachsenring.

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP, Germania, Warm-Up: Quartararo si rimette davanti

Il pilota della Yamaha chiude davanti alle due Honda di Espargaro e Nakagami, ma tutti e tre montavano una gomma soft al posteriore. Il primo con dura e media, che dovrebbe essere la scelta per la gara, è Mir in quarta posizione. Bagnaia è il miglior italiano in settima posizione davanti a Marquez. Rossi invece è 11esimo. Cade l'Aprilia di Aleix Espargaro.

Fotogallery MotoGP: Zarco nuovo padrone del Sachsenring

Ecco le più belle immagini delle qualifiche del Gran Premio del Sachsenring, in cui Johann Zarco ha interrotto l'egemonia di Marc Marquez conquistando la pole position davanti a Fabio Quartararo, secondo. Chiude la prima fila Aleix Espargaro, che regala un risultato storico ad Aprilia.

Petrucci striglia Bastianini: “Dormiva in pista”. Enea sanzionato

Danilo Petrucci ed Enea Bastianini si sono trovati in pista durante il Q1, con il rookie che ha tagliato la pista rovinando il giro al pilota KTM. La reazione del ternano è stata molto plateale in pista, con Enea che nella risposta ha invocato calma. La Direzione Gara però ha deciso di penalizzare il rookie, che perde tre posizioni in griglia di partenza.

Aleix Espargaró: “Prima fila Aprilia? Ce la meritiamo!”

Aleix Espargaró ha portato la Aprilia in terza posizione nelle qualifiche del Gran Premio di Germania ed è la prima volta che la Casa di Noale parte dalla prima fila nella storia della MotoGP.

Bagnaia: "Parliamo di sicurezza poi tanti fanno come in Moto3"

Il pilota della Ducati scatterà solo decimo al Sachsenring perché non è riuscito a trovare un giro pulito tra traffico e bandiere gialle, ma è stato molto critico sull'atteggiamento di molti colleghi. La consolazione è che per domani è convinto di avere un ottimo passo, soprattutto con le gomme usate.

Jarvis: "Rossi servirà allo sviluppo Yamaha anche nel 2021"

Articolo precedente

Jarvis: "Rossi servirà allo sviluppo Yamaha anche nel 2021"

Articolo successivo

Ezpeleta non concede deroghe: no alla terza Honda!

Ezpeleta non concede deroghe: no alla terza Honda!
Carica i commenti