MotoGP
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
WU in
03 Ore
:
02 Minuti
:
00 Secondi

MotoGP, Sepang, Libere 2: Quartararo davanti a Dovi e Rossi

condividi
commenti
MotoGP, Sepang, Libere 2: Quartararo davanti a Dovi e Rossi
Di:
1 nov 2019, 08:09

Il pilota della Yamaha Petronas polverizza il record del tracciato malese, ma alle sue spalle c'è un terzetto tutto italiano con il ducatista, il "Dottore" e Morbidelli. Vinales e Marquez sono più indietro, ma non fanno il time attack.

Fabio Quartararo non avrebbe potuto chiedere un venerdì migliore al suo weekend di Sepang: oggi ha avuto la certezza che nel 2020 avrà a disposizione una Yamaha in versione factory ed ha festeggiato la cosa a modo suo, comandando entrambe le sessioni di prove libere del GP della Malesia e facendo segnare il nuovo record della pista in 1'58"576.

Nel turno di questa mattina il pilota del Team Petronas aveva ritoccato il record di Dani Pedrosa che resisteva dal 2015, ma nella FP2 è stato addirittura straripante, perché si è migliorato di mezzo secondo, diventando il primo capace di infrangere il muro dell'1'59" in un weekend di gara.

Alle sue spalle però c'è un bel terzetto di piloti italiani, che a loro volta si sono espressi ad alto livello, pur dovendo fare i conti con un ritardo importante su "El Diablo". Il primo degli inseguitori è Andrea Dovizioso, che con la sua Ducati ha scalato la classifica con il time attack, pur pagando 630 millesimi.

Sono 708 invece quelli che paga Valentino Rossi, che però almeno è riuscito ad inserirsi nelle prime posizioni con la sua M1, precedendo di un paio di decimi la seconda con i colori Petronas affidata a Franco Morbidelli.

A completare la top 5 c'è la Ducati Pramac di Jack Miller, che apre la schiera dei piloti distanziati di oltre un secondo e precede l'Aprilia di Aleix Espargaro, che ancora una volta è riuscito a fare un vero e proprio miracolo seguendo il "traino" giusto.

Settimo tempo per Cal Crutchlow, che quindi è risultato il migliore tra i piloti Honda nel turno pomeridiano. Tra le altre cose, il portacolori del Team LCR ha escluso dalla Q2 provvisoria Pecco Bagnaia a tempo scaduto per appena 63 millesimi. Un peccato per l'italiano della Ducati Pramac se domani dovesse arrivare la pioggia su Sepang.

Pur essendo alle sue spalle, infatti, Maverick Vinales, Alex Rins ed Alex Marquez, al momento figurano nella top 10 cumulativa grazie ai tempi che avevano fatto segnare nella FP1. In particolare, il pilota della Yamaha e quello della Honda sono accreditati di un ottimo passo gara, anche se hanno chiuso questa FP2 sola al nono ed al 13esimo posto. Il campione del mondo ha anche provato la leva aggiuntiva per il freno posteriore sul semi-manubrio sinistro della sua RC213V.

Davanti allo spagnolo ci sono pure la Suzuki di Joan Mir e la Ducati di Danilo Petrucci, che però al momento sarebbero costretti a passare dalla Q1, mentre subito dietro c'è la Honda LCR di Johann Zarco. Il francese sembra aver fatto dei progressi sulla RC213V, anche se non è riuscito a dimostrarlo fino in fondo, cadendo alla curva 1 quando è arrivato il momento del time attack.

Solo 16esima la prima delle KTM, che è sempre quella di Pol Espargaro, mentre bisogna ricordare che Miguel Oliveira è stato costretto al forfait, essendo ancora troppo dolorante a causa dell'incidente di Phillip Island per guidare la sua RC16 del Team Tech 3. Dietro allo spagnolo ci sono poi la Honda di Jorge Lorenzo e l'Aprilia di Andrea Iannone, staccati entrambi di oltre 2", con il pilota di Vasto che è anche incappato in una scivolata.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 France Fabio Quartararo
Yamaha 16 01'58.576 168.287
2 Italy Andrea Dovizioso
Ducati 17 01'59.206 00.630 00.630 167.397
3 Italy Valentino Rossi
Yamaha 17 01'59.284 00.708 00.078 167.288
4 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 15 01'59.502 00.926 00.218 166.982
5 Australia Jack Peter Miller
Ducati 16 01'59.593 01.017 00.091 166.855
6 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 14 01'59.707 01.131 00.114 166.697
7 United Kingdom Cal Crutchlow
Honda 16 01'59.711 01.135 00.004 166.691
8 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 16 01'59.774 01.198 00.063 166.603
9 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 18 01'59.845 01.269 00.071 166.505
10 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 17 01'59.849 01.273 00.004 166.499
11 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 19 01'59.984 01.408 00.135 166.312
12 Italy Danilo Carlo Petrucci
Ducati 16 02'00.057 01.481 00.073 166.211
13 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 16 02'00.215 01.639 00.158 165.992
14 France Johann Zarco
Honda 15 02'00.268 01.692 00.053 165.919
15 Czech Republic Karel Abraham
Ducati 15 02'00.477 01.901 00.209 165.631
16 Spain Pol Espargaró Villà
KTM 14 02'00.658 02.082 00.181 165.383
17 Spain Jorge Lorenzo Guerrero
Honda 16 02'00.705 02.129 00.047 165.318
18 Italy Andrea Iannone
Aprilia 9 02'01.190 02.614 00.485 164.657
19 Finland Mika Kallio
KTM 16 02'02.017 03.441 00.827 163.541
20 Malaysia Hafizh Syahrin Abdullah
KTM 14 02'02.429 03.853 00.412 162.990
Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 0

Articolo successivo
Yamaha conferma: Quartararo avrà una M1 factory nel 2020

Articolo precedente

Yamaha conferma: Quartararo avrà una M1 factory nel 2020

Articolo successivo

Quartararo: "Per la prima fila devo abbassare ancora il tempo"

Quartararo: "Per la prima fila devo abbassare ancora il tempo"
Carica i commenti