MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
7 giorni
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
14 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
27 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
34 giorni
G
GP di Stiria
21 ago
-
23 ago
Prossimo evento tra
42 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
62 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
70 giorni
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
77 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Canceled
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
91 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
98 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
105 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
-
08 nov
Prossimo evento tra
119 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
126 giorni
20 nov
-
22 nov
Canceled

KTM: “La lamentela di Oliveira su Binder è stata sgradevole”

condividi
commenti
KTM: “La lamentela di Oliveira su Binder è stata sgradevole”
Di:
Co-autore: Gerald Dirnbeck
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
12 nov 2019, 14:49

Il direttore sportivo di KTM Pit Beirer afferma che il malcontento manifestato da Miguel Oliveira nei confronti della promozione di Brad Binder nel team ufficiale sia stato un momento davvero spiacevole.

KTM ha annunciato di aver ingaggiato Brad Binder, attualmente in Moto2, come sostituto di Johann Zarco nel team ufficiale a partire dal 2020 e la reazione di Miguel Oliveira non si è fatta attendere. Il portoghese, che quest’anno ha stupito alla sua prima stagione in MotoGP, a Phillip Island ha affermato che questa decisione lo ha fatto sentire poco meritevole e che aveva senso solo per KTM.

La squadra ha prontamente chiarito che ad Oliveira era stato offerto un posto durante una riunione tenuta a Misano nel fine settimana di gara, ma a cui lui ha rinunciato. Inoltre Pit Beirer, che non era presente in Australia, ha ora ammesso che i commenti del portoghese lo hanno colto di sorpresa.

Il direttore del team ha dichiarato a Motorsport.com: “È stata una delle cose che mi ha sorpreso maggiormente, quando all’improvviso in Australia Miguel ha detto ai microfoni, con me lontano, che era molto deluso e che lo vedeva come un chiaro segnale di KTM, che lo ignorava e non avrebbe contato su di lui. Sono scioccato! Ha ricevuto un’offerta per unirsi al team ufficiale e secondo me ha fatto una buona scelta nel rimanere in Tech 3, perché non avrà nessuno svantaggio”.

Leggi anche:

“Ma questo discorso pubblico è stato un po’ scorretto in quel momento. Avevamo già parlato e sicuramente ricorderà la conversazione di Misano. È stato un momento davvero spiacevole per me trovarmi a casa e sentire quelle parole, perché l’unica ragione dietro all’incontro di Misano era prevenire proprio questa situazione. Ora la questione è chiusa, ci abbiamo messo un punto”.

Oliveira ha affermato che si sarebbe aspettato qualcun altro come il tester Mika Kallio, non il nuovo arrivato Binder, ma Beirer ha insistito sul fatto che non sono usciti nomi di piloti a Misano: “Oliveira era felice, lo eravamo tutti. Successivamente è andato da Herve Poncharal e gli ha confermato che sarebbe rimasto. Era tutto chiaro, per noi era anche evidente che dovessimo trovare un secondo pilota per il team ufficiale. Ma ovviamente non possiamo andare da Miguel a dirgli tutti i nomi dei piloti che prendiamo in considerazione e chiedergli se vuole che vengano o meno”.

Leggi anche:

Oliveira si è sottoposto ad un intervento chirurgico alla spalla infortunata nell’ultima parte della sua stagione d’esordio e questo gli ha impedito di correre a Phillip Island e Sepang. Essendosi operato lunedì scorso, verrà sostituito da Iker Lecuona, che sarà il suo compagno di squadra nel 2020, in occasione dell’ultima gara a Valencia.

A questo proposito, Berier ha affermato che sperano di avere Oliveira di nuovo in forma per l’inizio del 2020, quando ci saranno i primi test invernali a Sepang, a febbraio: “Per noi è stata una decisione complicata, al momento siamo sotto pressione da tutti i punti di vista e le cose non stanno andando troppo bene. Ma abbiamo bisogno di Miguel in forma per i test di Sepang. Poi sarà meglio uscire dalla situazione in cui siamo ora per non mettere a rischio il programma di lavoro dei test in Malesia”.

Articolo successivo
Ezpeleta: "Il dominio di Marquez mostra l'influenza del pilota in MotoGP"

Articolo precedente

Ezpeleta: "Il dominio di Marquez mostra l'influenza del pilota in MotoGP"

Articolo successivo

Taramasso: "La nuova posteriore inciderà sui regimi dei motori"

Taramasso: "La nuova posteriore inciderà sui regimi dei motori"
Carica i commenti