Moto3: Bezzecchi vince in volata a Motegi e riapre il Mondiale con il ko di Martin

condividi
commenti
Moto3: Bezzecchi vince in volata a Motegi e riapre il Mondiale con il ko di Martin
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
21 ott 2018, 03:02

Il pilota della Prustel GP piega in volata Dalla Porta e Binder e torna solo ad un punto da Martin, caduto a 6 giri dalla fine. Peccato anche per Di Giannantonio, in ospedale per accertamenti dopo un brutto highside.

La caduta all'ultima curva in Thailandia era sembrata un colpo del ko per Marco Bezzecchi, ma questo Mondiale Moto3 sembra davvero degno di un thriller di Dan Brown, perché il GP del Giappone ha nuovamente riaperto tutto con la terza vittoria stagionale dell'italiano della Prustel GP ed il contemporaneo ritiro di Jorge Martin, che lascia solamente un punto di vantaggio allo spagnolo del Gresini Racing.

Proprio come a Buriram, anche a Motegi abbiamo assistito ad una vera e propria lotta senza esclusione di colpi nelle posizioni di vertice, dalla quale "Bez" ha cercato di restare fuori il più possibile, provando ad essere proprio lui la lepre da seguire al comando del gruppo per la maggior parte dei 20 giri in programma.

Con un gruppetto di una decina di piloti a darsi battaglia al vertice, la svolta in ottica iridata è arrivata a 6 giri dal termine, quando Martin ha provato a difendersi all'esterno della curva 11 dall'attacco di Tony Arbolino, perdendo l'anteriore e finendo ruote all'aria. 

Leggi anche:

A questo punto è stata importante anche la decisione della Prustel GP, che ha deciso di non comunicare in tabella a Bezzecchi che il rivale era finito ko. Per lui però non è stato assolutamente facile portarsi a casa questo terzo successo stagionale, perché ha dovuto fare i conti con un Darryn Binder agguerritissimo.

Il sudafricano della KTM, che stava vivendo una stagione molto deludente, ha avuto la chance di vincere e se l'è voluta giocare fino alla fine. All'ultimo giro, infatti, ha trovato il varco giusto alla curva 5 ed ha infilato Bezzecchi. Marco però ha avuto il merito di essere molto paziente ed aspettare il momento giusto per rispondere: in uscita dall'ultima curva è riuscito ad accelerare meglio e si è presentato per primo sotto alla bandiera a scacchi in volata.  

Un successo pesante, che gli permette di ridurre ad un solo punto il ritardo nei confronti di Martin. Occhio però, perché teoricamente in lizza per il titolo rimane anche Fabio Di Giannantonio, a -29, nonostante oggi sia stato vittima di un bruttissimo highside alla curva 12 dopo appena pochi giri. Il pilota del Gresini Racing è rimasto a terra privo di conoscenza, ma poi si è ripreso. In ogni caso è stato portato in ospedale per accertamenti, perché era anche dolorante ad un polso oltre ad avere un leggero trauma cranico.

Tornando alla volata finale, anche Lorenzo Dalla Porta è stato veramente bravo a crederci fino alla fine, beffando pure lui per un millesimo la KTM di Binder ed andando a prendersi un quarto podio stagionale che gli vale il quinto posto nella classifica iridata. Poco male comunque anche per Binder, perché quello di oggi è il suo primo podio iridato in carriera.

Leggi anche:

Ai piedi del podio c'è un Dennis Foggia che anche oggi ha confermato di aver fatto un bel click nelle ultime gare ed è arrivato veramente vicino a confermare il podio di due settimane fa a Buriram. Nel trenino di testa però c'erano anche Tony Arbolino ed Enea Bastianini, che hanno chiuso la gara rispettivamente in sesta e settima posizione, alle spalle anche di John McPhee. Solo ottavo invece il poleman Gabriel Rodrigo, che in gara non si è confermato incisivo come in qualifica.

A punti poi ci sono anche Andrea Migno in 13esima posizione, ma soprattutto Celestino Vietti Ramus, autore di un ottimo esordio come sostituto dell'infortunato Nicolò Bulega sulla KTM dello Sky Racing Team VR46, che si è concluso con un 14esimo posto che vale subito i primi due punti iridati. Al traguardo poi c'è anche Stefano Nepa in 20esima posizione.

Purtroppo è invece finita quasi subito la gara di Niccolò Antonelli, vittima incolpevole di un violento highside alla curva 11 dopo essere stato colpito da Vicente Perez. Il pilota della SIC58 Squadra Corse è stato quindi condotto al Centro Medico, dove gli è stata diagnosticata una frattura al piede sinistro, oltre ad una brutta botta alla schiena. Anche lui andrà in ospedale per accertamenti. 

 
Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Ritirato Punti
1   12 Italy Marco Bezzecchi KTM 20 39'35.653     145.5   25
2   48 Italy Lorenzo Dalla Porta Honda 20 39'35.694 0.041 0.041 145.5   20
3   40 South Africa Darryn Binder KTM 20 39'35.695 0.042 0.001 145.5   16
4   10 Italy Dennis Foggia KTM 20 39'35.865 0.212 0.170 145.4   13
5   17 United Kingdom John McPhee KTM 20 39'35.904 0.251 0.039 145.4   11
6   14 Italy Tony Arbolino Honda 20 39'36.003 0.350 0.099 145.4   10
7   33 Italy Enea Bastianini Honda 20 39'36.057 0.404 0.054 145.4   9
8   19 Argentina Gabriel Rodrigo KTM 20 39'37.214 1.561 1.157 145.4   8
9   71 Japan Ayumu Sasaki Honda 20 39'38.790 3.137 1.576 145.3   7
10   84 Czech Republic Jakub Kornfeil KTM 20 39'43.618 7.965 4.828 145.0   6
11   5 Spain Jaume Masia KTM 20 39'44.017 8.364 0.399 144.9   5
12   42 Spain Marcos Ramírez KTM 20 39'44.088 8.435 0.071 144.9   4
13   16 Italy Andrea Migno KTM 20 39'44.214 8.561 0.126 144.9   3
14   31 Celestino Vietti KTM 20 39'44.694 9.041 0.480 144.9   2
15   24 Japan Tatsuki Suzuki Honda 20 39'44.890 9.237 0.196 144.9   1
16   65 Germany Philipp Ottl KTM 20 39'45.551 9.898 0.661 144.9    
17   27 Japan Kaito Toba Honda 20 39'46.550 10.897 0.999 144.8    
18   72 Spain Alonso Lopez Honda 20 39'51.344 15.691 4.794 144.5    
19   7 Malaysia Adam Norrodin Honda 20 39'51.357 15.704 0.013 144.5    
20   81 Italy Stefano Nepa KTM 20 39'59.838 24.185 8.481 144.0    
21   41 Thailand Nakarin Atiratphuvapat Honda 20 40'00.234 24.581 0.396 144.0    
22   22 Japan Kazuki Masaki KTM 20 40'17.581 41.928 17.347 142.9    
23   13 Japan Shizuka Okazaki Honda 20 41'23.989 1'48.336 1'06.408 139.1    
24   36 Yuto Fukushima Honda 19 39'40.420 1 Lap 1 Lap 137.9    
  dnf 88 Spain Jorge Martin Honda 14 27'43.562 6 Laps 5 Laps 145.4 Accident  
  dnf 75 Spain Albert Arenas Ovejero KTM 10 20'18.689 10 Laps 4 Laps 141.8 Retirement  
  dnf 21 Italy Fabio Di Giannantonio Honda 5 9'58.476 15 Laps 5 Laps 144.3 Accident  
  dnf 23 Italy Niccolò Antonelli Honda 1 2'07.274 19 Laps 4 Laps 135.7 Accident  
  dnf 77 Spain Vicente Perez KTM 1 2'07.681 19 Laps 0.407 135.3 Accident  
  dns 44 Spain Aron Canet Honda          
Articolo successivo
Moto3, Motegi: prima pole stagionale per Rodrigo, Bezzecchi in prima fila

Articolo precedente

Moto3, Motegi: prima pole stagionale per Rodrigo, Bezzecchi in prima fila

Articolo successivo

Mondiale Moto3 2018: solo un punto tra Martin e Bezzecchi a 3 GP dalla fine

Mondiale Moto3 2018: solo un punto tra Martin e Bezzecchi a 3 GP dalla fine
Carica i commenti