A 6 ore dalla fine solo 15" tra Audi e Peugeot

Quella di quest'anno rischia di diventare una delle Le Mans più combattute di sempre

A 6 ore dalla fine solo 15
Dopo una nottata abbastanza tranquilla, le prime luci del giorno hanno decisamente ravvivato l'edizione 2011 della 24 Ore di Le Mans. Basta pensare che quando mancano circa 6 ore alla bandiera a scacchi, ci sono appena circa 15" a separare l'Audi R18 TDI dei battistrada dalla prima delle Peugeot 908 HDI ufficiali. Un distacco praticamente inesistente dopo oltre 18 ore di gara! A girare le cose a favore delle vetture della Casa del Leone è stato un nuovo ingresso della safety car, avvenuto nel corso della 17esima ora e dovuto ad un brutto incidente che ha avuto per protagonista Jan Magnussen. Il pilota della Corvette, che insieme a Oliver Gavin e Richard Westbrook comandava la classifica della GTE-Pro, è finito in testacoda nei pressi della Virage Porsche ed è finito addosso alla Porsche della Proton Competition. L'intervento della safety car è stato inevitabile perchè i commissari non riuscivano ad estrarre il pilota di quest'ultima, che era stata colpita proprio dal lato di guida. Fortunatamente però anche in questo caso non ci sono state conseguenze di tipo fisico, ma solamente un grande spavento. Come detto, ad approfittare di questa situazione sono state le Peugeot, che hanno potuto sfruttare la sosta extra a cui è stata obbligata l'Audi per rifarsi sotto. Anzi, posticipando il loro pit-stop, Marc Gene, Alex Wurz ed Anthony Davidson avevano portato al comando la loro 908 HDI. Una volta che anche loro si sono fermati, però, l'equipaggio Treluyer/Fassler/Lotterer ha ripreso il comando, con il francese che ha ripreso a martellare su tempi importante per provare a costruirsi un margine sulla Peugeot di Pagenaud/Bourdeais/Lamy, anche perchè ormai è chiaro che la R18 ha bisogno di qualche sosta in più (al momento il conto è 23 a 20). Da segnalare poi lo stop and go che è stato inflitto alla Peugeot "francese", cioè quella di Sarrazin/Montagny/Minassian: per loro c'è stato uno stop forzato di un minuto a causa di un'infrazione commessa nelle fasi di pit stop, che li ha fatto precipitare al quarto posto a 2 giri. Dietro di loro è risalita al quinto posto l'altra Peugeot della Oreca (Panis/Duval/Lapierre), che dopo l'incidente avvenuto intorno alle 2 ha dovuto sudare sette camicie per riportarsi davanti alla Pescarolo-Judd di Jousse/Collard/Tinseau, ora sesta e sempre prima tra le LMP1 a benzina. Tra le LMP2 continua a comandare invece la Zytek-Nissan della Greaves Competition, che con Ojjeh, Kimber-Smith e Lombard è riuscita a mettere la bellezza di 4 giri tra sé e gli inseguitori. L'incidente di Magnussen ha invece regalato su un piatto d'argento la leadership della GTE-Pro alla Ferrari 458 dell'AF Corse. Ora Giancarlo Fisichella, Gianmaria Bruni e Toni Vilander comandano con un giro di vantaggio sull'altra Corvette ufficiale (Beretta/Milner/Garcia). Battaglia interna in casa Larbre Competition, infine, nella GTE-Am. Al momento la sta spuntando la Corvette (Bornhauser/Canal/Gardel), che ha un giro di vantaggio sulla "sorella" della Porsche (Bourret/Gibon/Belloc). Più staccati invece tutti gli altri.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Le Mans
Piloti André Lotterer , Marcel Fässler , Benoit Tréluyer
Articolo di tipo Ultime notizie