Hughes centra il primo successo in Gara 2 al Red Bull Ring, Pulcini ancora a podio

condividi
commenti
Hughes centra il primo successo in Gara 2 al Red Bull Ring, Pulcini ancora a podio
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
01 lug 2018, 08:37

Prima vittoria stagionale per l'inglese della ART Grand Prix che approfitta al meglio del crash al via tra Alesi, Tveter e Beckmann. Piquet è secondo davanti a Pulcini, mentre Lorandi regala spettacolo nel finale ed è quarto.

Callum Ilott, ART Grand Prix, guida il gruppo in curva 1 alla partenza della gara
Simo Laaksonen, Campos Racing, Anthoine Hubert, ART Grand Prix
Ryan Tveter, Trident, Alessio Lorandi, Trident
Niko Kari, MP Motorsport
Leonardo Pulcini, Campos Racing
Nikita Mazepin, ART Grand Prix
David Beckmann, Jenzer Motorsport
Callum Ilott, ART Grand Prix
Gabriel Aubry, Arden International
Julien Falchero, Arden International
Callum Ilott, ART Grand Prix

Jake Hughes ha dovuto attendere a lungo, ma alla fine è riuscito a centrare il primo successo stagionale in GP3 Series alla guida di una ART Grand Prix.

Il pilota inglese, tornato nella serie dopo una parentesi nella F3 Europea, sembrava la brutta copia di quello visto nel 2016. Mai incisivo, per nulla al livello dei compagni di squadra, lento in qualifica.

Poi la svolta è arrivata una volta messo piede in Austria. Secondo tempo in Qualifica, alle spalle di un mago del giro secco come Ilott, e vittoria in Gara 2.

Hughes ha certamente beneficiato del caos in partenza scatenato da Ryan Tveter. L'americano della Trident, autore di un buono spunto, ha subito affiancato il poleman Beckmann per poi chiudere la traiettoria al tedesco che, non sapendo dove andare, a mosso lo sterzo della sua Jenzer verso sinistra finendo per colpire l'incolpevole Giuliano Alesi protagonista di una grande start.

Il contatto tra le tre monoposto è stato inevitabile e Hughes ne ha approfittato per andare in testa alla gara seguito da Pedro Piquet e Leonardo Pulcini.

Il brasiliano della Trident ha compiuto la migliore corsa della stagione, restituendo a Pulcini il sorpasso subito al secondo giro, e mettendo una costante pressione a Hughes durante l'intera corsa.

Piquet, tuttavia, non ha gestito al meglio i DRS a disposizione e nel finale si è trovato in scia all'inglese della ART Grand Prix senza avere mai la concreta possibilità di superarlo.

Hughes è stato così in grado di conquistare il primo successo, anche se non ha fornito una prova del tutto convincente, mentre Leonardo Pulcini, dopo l'ottimo secondo posto di Gara 1, è salito nuovamente sul podio, questa volta sul terzo gradino.

Il pilota della Campos è stato protagonista di una grande corsa che l'ha visto lottare in modo duro con Callum Ilott. Pulcini è stato davvero bravo in molte occasioni, ma merita una menzione particolare quanto avvenuto al tredicesimo passaggio quando il pilota della FDA ha sfruttato il DRS per mettere la sua vettura davanti ma Leonardo non ha mollato tirando una staccata decisa che gli ha consentito di tenersi stretta la terza posizione.

Ilott avrebbe potuto chiuedere la giornata con un piazzamento ottimo in prospettiva campionato, ma a rovinare i piani dell'inglese ci ha pensato un Alessio Lorandi in forma super.

Il pilota del team Trident ha corso una gara dai due volti. La prima metà è stata tutta votata alla gestione, subendo anche il sorpasso di Mazepin che l'ha fatto retrocedere in settima piazza, mentre l'ultima parte ha visto Alessio all'attacco totale.

Al dodicesimo giro Lorandi ha approfittato della dura lotta tra Mazepin e Niko Kari, con tanto di contatto, per infilare i due rivali in un colpo solo mettendo mezza macchina sull'erba replicando quanto fatto vedere ieri da Markelov in F2, mentre all'ultimo giro è riuscito a mettersi in scia a Callum Ilott e Dorian Boccolacci, con il francese in bagarre con Pulcini, ed ha beffato nuovamente due rivali in un colpo solo chiudendo con un grandissimo quarto posto.

Boccolacci è così rimasto a bocca asciutta quando pensava di poter salire sul terzo gradino del podio, mentre ancora più grande è stata la delusione per Ilott che, comunque, lascia l'Austria e si dirige verso Silverstone al comando della classifica piloti.

Gara anonima quella di Nikita Mazepin che sta confermando come la vittoria di inizio stagione a Barcellona sia stata frutto del caso, mentre NIko Kari è riuscito a tenere fuori dai punti Anthoine Hubert conquistato l'ottavo posto.

La classifica riservata ai conduttori vede adesso Ilott in testa con 69 punti, mentre Hubert è secondo a quota 63 davanti a Leonardo Pulcini terzo a quota 61.

Cla   # Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Pits Ritirato Punti Bonus
1   4 United Kingdom Jake Hughes  France ART Grand Prix 18 LAP           15  
2   5 Brazil Pedro Piquet  Italy Trident 18 0.8 0.800 0.800       12  
3   18 Italy Leonardo Pulcini  Spain Campos Racing 18 1.7 1.700 0.900       10  
4   8 Italy Alessio Lorandi  Italy Trident 18 2.2 2.200 0.500       8  
5   22 France Dorian Boccolacci  MP Motorsport 18 2.9 2.900 0.700       6  
6   1 United Kingdom Callum Ilott  France ART Grand Prix 18 3.4 3.400 0.500       4  
7   3 Russian Federation Nikita Mazepin  France ART Grand Prix 18 5.0 5.000 1.600       2  
8   24 Finland Niko Kari  MP Motorsport 18 6.1 6.100 1.100       1  
9   2 France Anthoine Hubert  France ART Grand Prix 18 6.6 6.600 0.500          
10   16 Australia Joseph Mawson  United Kingdom Arden International 18 7.6 7.600 1.000          
11   23 Canada Devlin DeFrancesco  MP Motorsport 18 9.0 9.000 1.400          
12   9 Colombia Tatiana Calderón  Switzerland Jenzer Motorsport 18 12.3 12.300 3.300          
13   10 United States Juan Manuel Correa  Switzerland Jenzer Motorsport 18 16.3 16.300 4.000          
14   15 France Julien Falchero  United Kingdom Arden International 18 16.9 16.900 0.600          
15   19 Finland Simo Laaksonen  Spain Campos Racing 18 18.4 18.400 1.500          
16   20 Mexico Diego Menchaca  Spain Campos Racing 18 22.6 22.600 4.200          
  dnf 14 France Gabriel Aubry  United Kingdom Arden International 2 16 laps 16 Laps 16 Laps     Retirement    
  dnf 11 David Beckmann  Switzerland Jenzer Motorsport   18 laps 18 Laps 2 Laps     Retirement    
  dnf 7 United States Ryan Tveter  Italy Trident   18 laps 18 Laps 0.000     Retirement    
  dnf 6 France Giuliano Alesi  Italy Trident   18 laps 18 Laps 0.000     Retirement
Articolo successivo
Ilott domina Gara 1 al Red Bull Ring, Pulcini e Lorandi salgono sul podio

Articolo precedente

Ilott domina Gara 1 al Red Bull Ring, Pulcini e Lorandi salgono sul podio

Articolo successivo

Nel 2019 la FIA F3 Internazionale userà nelle proprie monoposto motore e cambio delle attuali GP3

Nel 2019 la FIA F3 Internazionale userà nelle proprie monoposto motore e cambio delle attuali GP3
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie GP3
Evento Spielberg
Piloti Jake Hughes , Pedro Piquet , Leonardo Pulcini
Team ART Grand Prix
Autore Marco Di Marco