FIA F2
31 lug
Evento concluso
14 ago
Evento concluso
04 set
Evento concluso
11 set
Evento concluso
G
Sochi
25 set
Prove Libere in
2 giorni
25 set
Canceled
G
Abu Dhabi
27 nov
Canceled

Gara 2: Nato centra il successo, Giovinazzi ancora a podio

condividi
commenti
Gara 2: Nato centra il successo, Giovinazzi ancora a podio
Di:

Il francese della Racing Engineering prende il comando sin dal primo giro e coglie una vittoria perentoria. Gasly riscatta la beffa di Gara 1 con un ottimo secondo posto davanti a Giovinazzi ed adesso precede l'italiano in classifica di 10 punti.

Antonio Giovinazzi, PREMA Racing precede Daniel de Jong, MP Motorsport
Antonio Giovinazzi, PREMA Racing precede Alex Lynn, DAMS
Antonio Giovinazzi, PREMA Racing
Antonio Giovinazzi, PREMA Racing e Pierre Gasly, PREMA Racing
Norman Nato, Racing Engineering
Antonio Giovinazzi, PREMA Racing prende la bandiera a scacchi
Sergey Sirotkin, ART Grand Prix precede Norman Nato, Racing Engineering e Jordan King, Racing Engineering
Norman Nato, Racing Engineering
Pierre Gasly, PREMA Racing
Pierre Gasly, PREMA Racing

E' Norman Nato il vincitore di Gara 2 della GP2 sul tracciato di Monza. Il francese della Racing Engineering ha colto un successo meritatissimo, grazie ad una partenza semplicemente perfetta, complice anche il pessimo avvio del poleman Mitch Evans.

Il neozelandese, infatti, ha fatto pattinare eccessivamente le ruote posteriori ed è subito retrocesso in quarta posizione scavalcato sia dal duo della Racing Engineering che da un Pierre Gasly autore di una partenza strepitosa.

Evans, alla variante della Roggia è stato successivamente messo fuori dai giochi da Malja, ed identica sorte è toccata ad uno sfortunatissimo Luca Ghiotto. L'italiano del team Trident, dopo la beffa patita in Gara 1, avrebbe potuto riscattarsi nell'appuntamento odierno, ma è stato costretto al ritiro da Oliver Rowland.

Il britannico ha completamente sbagliato la frenata della Roggia, finendo col centrare la vettura di Ghiotto. Un errore che da un pilota dell'esperienza di Rowland non ci si attendeva e che ha finito per rovinare la gara di casa dell'italiano.

Gli scontri del primo giro hanno costretto la direzione gara a decretare la Virtual Safety Car per poi far riprendere le operazioni alla tornata successiva. 

Nato ha continuato a mantenere la leadership seguito da King e Gasly. Il britannico della Racing Engineering ha tuttavia faticato a mantenere il passo del compagno di team ed è stato preda di Gasly al giro 10.

Le difficoltà di King sono proseguite nei giri successivi ed hanno favorito Giovinazzi. Il vincitore di Gara 1, dopo aver perso l'upper flap dell'ala anteriore a seguito di un contatto con Malja nei momenti inziali, ha superato agevolmente il pilota della Racing Engineering al diciottesimo giro ed ha così conquistato il terzo gradino del podio alle spalle del compagno di team.

King, nonostante le difficoltà con gli pneumatici, ha concluso al quarto posto, grazie anche alla penalità di 10 secondi inflitta a Malja proprio per il contatto inziale con Giovinazzi, mentre alle spalle del britannico si è classificato un Artem Markelov autore di una gara finalmente pulita dopo i numerosi errori commessi nella Main Race.

Alex Lynn, Matsushita e Latifi hanno concluso in settima, ottava e nona posizione, precedendo Gusta Malja retrocesso in decima dopo la penalità di tempo. 

Weekend nerissimo quello vissuto da Sergey Sirotkin. Dopo il quindicesimo posto di Gara 1, il russo è stato costretto al ritiro e adesso vede allontanarsi il duo Prema in testa alla classifica.

Domenica sfortunata anche per Raffaele Marciello. Il pilota del Russian Time è rimasto fermo in griglia nel corso del giro di ricognizione ed è stato costretto a prendere il via dalla pit lane. Marciello è stato autore di una gara totalmente all'attacco chiusa in quindicesima posizione con molti rimpianti vista l'ottima performance di Gara 1.

Al termine della tappa italiana la classifica piloti vede Gasly sempre in testa con 174 punti davanti a Giovinazzi in ritardo di appena dieci lunghezze, mentre Marciello si conferma al terzo posto con 138 punti.

Cla #PilotaTeamGiriTempoGapDistaccoMphPitsRitiratoPuntiBonus
1   3  Norman Nato   Racing Engineering 21 -           15  
2   21  Pierre Gasly   Prema Powerteam 21 4.3 4.300 4.300       12  
3   20  Antonio Giovinazzi   Prema Powerteam 21 8.4 8.400 4.100       10  
4   4  Jordan King   Racing Engineering 21 12.7 12.700 4.300       8  
5   10  Artem Markelov   RUSSIAN TIME 21 12.8 12.800 0.100       6 2
6   5  Alex Lynn   DAMS 21 13.5 13.500 0.700       4  
7   1  Nobuharu Matsushita  ART Grand Prix 21 13.5 13.500 0.000       2  
8   6  Nicholas Latifi   DAMS 21 21.5 21.500 8.000       1  
9   11  Gustav Malja   Rapax 21 21.5 21.500 0.000          
10   19  Marvin Kirchhofer   Carlin 21 22.5 22.500 1.000          
11   22  Oliver Rowland   MP Motorsport 21 29.2 29.200 6.700          
12   12  Arthur Pic   Rapax 21 34.1 34.100 4.900          
13   24  Nabil Jeffri   Arden International 21 34.1 34.100 0.000          
14   18  Sergio Canamasas   Carlin 21 36.8 36.800 2.700          
15   9  Raffaele Marciello   RUSSIAN TIME 21 40.6 40.600 3.800          
16   8  Sean Gelael   Campos Racing 21 44.0 44.000 3.400          
17   14  Philo Paz Armand   Trident 21 48.6 48.600 4.600          
18   25  Jimmy Eriksson   Arden International 20 1 lap 1 Lap 1 Lap          
19   23  Daniel De Jong   MP Motorsport 20 1 lap 1 Lap 0.000          
  dnf 2  Sergey Sirotkin   ART Grand Prix 6 15 laps 15 Laps 14 Laps     Retirement    
  dnf 7  Mitch Evans   Campos Racing 0 21 laps 21 Laps 6 Laps     Retirement    
  dnf 15  Luca Ghiotto   Trident 0 21 laps 21 Laps 0.000

 

Giovinazzi e Marciello profeti in patria in Gara 1 a Monza

Articolo precedente

Giovinazzi e Marciello profeti in patria in Gara 1 a Monza

Articolo successivo

Cecotto torna in GP2 con la Rapax nel round di Sepang

Cecotto torna in GP2 con la Rapax nel round di Sepang
Carica i commenti