F2, Silverstone: monologo di Richard Verschoor in Gara 2

In una gara caratterizzata da due lunghe neutralizzazioni con safety car il pilota della MP Motorsport è stato impeccabile ed ha conquistato il primo successo nella serie. Piastri aumenta il vantaggio in classifica con il quarto posto ed i punti del giro più veloce.

F2, Silverstone: monologo di Richard Verschoor in Gara 2

La seconda gara del weekend di Silverstone, complice una temperatura dell’asfalto di ben 50 gradi, ha offerto poco spettacolo se paragonata a quella della mattina. In una corsa caratterizzata da due lunghe neutralizzazioni con safety car è stato Richard Verschoor a conquistare il primo successo nella categoria in modo netto.

L’olandese della MP Motorsport ha sfruttato il vantaggio di partire dalla pole e non ha mai mollato il comando recitando un monologo praticamente perfetto.

Verschoor è stato impeccabile in entrambe le ripartenze ed ha tagliato il traguardo con un margine di poco superiore al secondo su un Marcus Armstrong finalmente a podio.

Il neozelandese della DAMS ha però dovuto faticare non poco nel resistere alla pressione sempre più forte di Ticktum. Il pilota di casa sembrava avere un passo decisamente più rapido di Armstrong, ma non è mai riuscito ad indurre in errore il portacolori del team francese, né ad indurlo in errore.

Spettacolo ben diverso è arrivato per le posizioni ai piedi del podio. Dopo essersi già incrociati al mattino, Oscar Piastri e Liam Lawson si sono trovati nuovamente ai ferri corti anche al pomeriggio ed ancora una volta è stato l’australiano ad avere la meglio.

Piastri ha dovuto attendere sino al diciottesimo giro per avere la meglio sul pilota della Hitech GP, ma quando ha trovato il varco non si è fatto intimorire dalla chiusura dura ma corretta di Lawson.

Il campione 2020 della Formula 3, così come visto al mattino poi, ha ottenuto nuovamente i due punti messi in palio per il giro più veloce giocando di strategia. Dopo aver scavalcato Lawson ha preso il margine necessario per non stressare le gomme e chiedere tutto agli pneumatici all’ultimo passaggio strappando il crono di riferimento ad Armstrong.

In casa Hitech GP ci si è dovuti accontentare del quinto e del sesto posto con Lawson e Vips. Entrambi i piloti hanno sofferto le temperature più elevate dell’asfalto rispetto al mattino e l’estone ha faticato nel resistere nel finale al pressing di Drugovich.

Il brasiliano della UNI-Virtuosi ha cercato di sfruttare a proprio vantaggio il DRS, ma Vips si è dimostrato un muro invalicabile ed ha portato a casa punti fondamentali in ottica campionato.

Ottima la prova di David Beckmann che ancora una volta dimostra di essere una delle migliori realtà di questa stagione. Il pilota tedesco è riuscito a recuperare subito 5 posizioni in partenza ed ha concluso la seconda gara del weekend in settima piazza davanti al compagno di team Zendeli ed a Theo Pourchaire.

Il tedesco ed il francese hanno potuto beneficiare dell’errore commesso da Shwartzman all’ultimo giro quando, dopo aver aggredito il cordolo in modo esagerato, ha perso il controllo del retrotreno finendo in testacoda per poi retrocedere sino alla quindicesima piazza alle spalle di Nannini.

Fuori dai punti anche Guanyu Zhou. Il cinese, scattato dal fondo della griglia, ha approfittato dei vari scontri che hanno messo fuori dai giochi molti dei rivali che lo precedevano, ma il secondo zero di questo sabato rischia di pesare a fine stagione.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph Punti
1 Netherlands Richard Verschoor
Netherlands MP Motorsport 21 - 15
2 New Zealand Marcus Armstrong
France DAMS 21 1.200 1.200 1.200 12
3 United Kingdom Dan Ticktum
United Kingdom Carlin 21 2.300 2.300 1.100 10
4 Australia Oscar Piastri
Italy Prema Powerteam 21 7.700 7.700 5.400 8
5 New Zealand Liam Lawson
United Kingdom Hitech Racing 21 12.100 12.100 4.400 6
6 Estonia Jüri Vips
United Kingdom Hitech Racing 21 14.800 14.800 2.700 4
7 Brazil Felipe Drugovich
United Kingdom UNI-Virtuosi 21 15.500 15.500 0.700 2
8 Germany David Beckmann
Czech Republic Charouz Racing System 21 16.500 16.500 1.000 1
9 Germany Lirim Zendeli
Netherlands MP Motorsport 21 18.100 18.100 1.600
10 France Théo Pourchaire
France ART Grand Prix 21 18.600 18.600 0.500
11 China Guan Yu Zhou
United Kingdom UNI-Virtuosi 21 19.500 19.500 0.900
12 Israel Roy Nissany
France DAMS 21 21.100 21.100 1.600
13 Denmark Christian Lundgaard
France ART Grand Prix 21 21.800 21.800 0.700
14 Italy Matteo Nannini
Spain Campos Racing 21 23.000 23.000 1.200
15 Russian Federation Robert Shwartzman
Italy Prema Powerteam 21 24.300 24.300 1.300
16 Japan Marino Sato
Italy Trident 21 26.700 26.700 2.400
17 Brazil Guilherme Samaia
Czech Republic Charouz Racing System 21 33.000 33.000 6.300
18 United Kingdom Jack Aitken
HWA Racelab 21 35.900 35.900 2.900
19 India Jehan Daruvala
United Kingdom Carlin 21 42.300 42.300 6.400
Netherlands Bent Viscaal
Italy Trident 5 16 laps
Switzerland Ralph Boschung
Spain Campos Racing 0
Italy Alessio Deledda
HWA Racelab 0
condividi
commenti
F2, Silverstone, Gara 1: Shwartzman domina, Zhou sbaglia

Articolo precedente

F2, Silverstone, Gara 1: Shwartzman domina, Zhou sbaglia

Articolo successivo

F2, Silverstone: Zhou si riscatta nella Feature Race

F2, Silverstone: Zhou si riscatta nella Feature Race
Carica i commenti