Mazepin sr. propone un piano di incentivi per la Haas nel '22

Dmitry Mazepin, padre di Nikita, ha proposto un piano di incentivi per i membri della Haas per convincere le eccellenze della squadra a restare con il team anche il prossimo anno.

Mazepin sr. propone un piano di incentivi per la Haas nel '22

Una stagione 2021 complicata, unita ad un calendario 2022 con un programma di 23 gara, ha posto alla Haas la sfida di riuscire a mantenere in squadra il personale migliore. Dmitry Mazepin, padre di Nikita, è determinato a fare tutto il possibile per aiutare la squadra  ed ha presentato un piano di incentivi per incoraggiare i membri del team a restare con la Haas ed essere pienamente motivati.

Mentre lo sponsor Uralkali non cambierà i termini dell’accordo con la scuderia, Mazepin crede che il nuovo piano possa rivelarsi una buona soluzione.

Intervenuto alla trasmissione televisiva Match TV, Mazepin senior ha dichiarato: “Il contratto esistente è ancora in vigore, ma per il prossimo anno stiamo proponendo un accordo aggiuntivo volontario per incentivare i membri dello staff a rimanere nel team, essere maggiormente coinvolti e comprendere le sfide rappresentate da un calendario con 23 gare”

“Il fattore umano è molto importante ed è per questo che vogliamo aumentare la motivazione dello staff. Noi, in qualità di sponsor, vogliamo essere parte della squadra”.

Nikita Mazepin, Haas F1, sulla griglia con suo padre Dmitry Mazepin

Nikita Mazepin, Haas F1, sulla griglia con suo padre Dmitry Mazepin

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Uralkali ha un contratto a lungo termine con la Haas e questo è stato possibile grazie all’arrivo nel team di Nikita Mazpein.

Nonostante i risultati in questa stagione siano altamente negativi, complice anche la volontà della Haas di non sviluppare la sua monoposto per concentrarsi totalmente sulla vettura 2022, Dmitry Mazepin ha guardato gli aspetti positivi.

“Siamo grati alla squadra per il duro lavoro svolto e continuando così, con questi sforzi congiunti, possiamo raggiungere risultati migliori il prossimo anno e cogliere grandi opportunità”.

Se lo sponsor Uralkali è strettamente legato alla carriera di Nikita Mazepin, il padre del pilota ha sottolineato come le ambizioni dell’azienda in Formula 1 non siano legato al figlio.

Leggi anche:

Dmitry Mazepin ha già provato in passato ad acquistare la Force India nel 2018 e non ha certamente rinunciato a questa idea.

“Abbiamo grandi ambizioni nel motorsport ed in passato abbiamo fatto un tentativo di acquistare una squadra di Formula 1. Questa è ancora una possibilità per noi e non è legata a Nikita ma è determinata dai nostri piani a lungo termine. Vogliamo espandere la nostra presenza in F1”.

“Abbiamo il team Hitech GP che compete in Formula 4, in Formula 3 ed in Formula 2. Il completamento di questo percorso sarebbe quello di possedere un team di Formula 1”.

Quando gli è stato chiesto se questi piani ruotino attorno alla Haas ha risposto: “Al momento non siamo in trattative con nessuna squadra perché tutti stanno aspettando di capire quali saranno i valori in campo il prossimo anno”.

“Se improvvisamente un piccolo team dovesse rivelarsi competitivo nel 2022, allora il suo valore e la sua attrattiva saranno maggiori”.

 

condividi
commenti
Mercedes: Bottas con noie di pescaggio, ma non cambierà motore
Articolo precedente

Mercedes: Bottas con noie di pescaggio, ma non cambierà motore

Articolo successivo

Pirelli: ecco "The Doggy" che misura la rugosità delle piste

Pirelli: ecco "The Doggy" che misura la rugosità delle piste
Carica i commenti