Horner: "Nel 2021 dobbiamo essere competitivi su ogni pista"

La Red Bull ha concluso la stagione 2020 con una vittoria schiacciante di Max Verstappen ad Abu Dhabi e Christian Horner si aspetta per il prossimo anno di avere una monoposto competitivi sin dall'inizio.

Horner: "Nel 2021 dobbiamo essere competitivi su ogni pista"

Il team di Milton Keynes ha concluso la stagione 2020 in crescendo grazie al convincente successo conquistato da Max Verstappen ottenuto nell’ultimo appuntamento di Abu Dhabi.

Tuttavia nessuno in Red Bull si illude del gap ancora esistente dalla Mercedes e degli step necessari da compiere per mettere fine al dominio della scuderia diretta da Toto Wolff che per il settimo anno di fila ha conquistato il titolo riservato ai costruttori.

Il team di Christian Horner ha iniziato la stagione con una monoposto, la RB16, non perfettamente efficiente dal punto di vista aerodinamico. Sia Max Verstappen che Alexander Albon, infatti, hanno sofferto in molte occasioni nel trovare un corretto bilanciamento.

Il duro lavoro di sviluppo ha consentito al team di comprendere le lacune aerodinamiche ed ha concesso alla Red Bull di fare dei buoni progressi nel corso dell’anno chiudendo parzialmente il gap dalla Mercedes.

Il responsabile della squadra, Christian Horner, si è detto consapevole dello stato di forma del suo team alla fine di questo 2020, ma ha anche sottolineato di voler iniziare il prossimo anno con una monoposto che sia in grado di sfidare la Mercedes su ogni tipo di tracciato.

“Siamo riusciti a migliorare la macchina in modo significativo e credo che siamo riusciti a capire quali siano stati i problemi. Spero che non si ripresentino la prossima stagione”.

“Abbiamo bisogno di una monoposto che sia performante su ogni tipologia di pista, fattore sul quale la Mercedes è stata al top. Questo è il punto di partenza per essere competitivi, soprattutto considerando un calendario con 23 gare”.

“Ad ogni modo riuscire a chiudere la stagione con un successo così convincente come quello di Abu Dhabi è qualcosa di molto incoraggiante”.

La pandemia da COVID-19 ha stravolto i piani delle scuderie e la Federazione ha imposto un congelamento degli sviluppi delle monoposto 2021.

Nonostante ciò sarà consentito apportare modifiche aerodinamiche ed i team potranno spendere due gettoni in aree limitate.

La Red Bull dovrebbe presentarsi con una vettura che sarà identica a quella vista nel 2020 al 60% e questo dovrebbe consentire al team di Milton Keynes di poter iniziare la stagione senza quelle difficoltà divenute ormai un classico di ogni anno.

“Ovviamente buona parte della monoposto sarà simile a quella vista quest’anno – ha proseguito Horner – ma quando scenderemo in pista a Barcellona ci troveremo con la vettura che ha corso ad Abu Dhabi con i relativi aggiornamenti”.

Max Verstappen, Red Bull Racing, primo classificato, festeggia al Parc Ferme
Max Verstappen, Red Bull Racing, primo classificato, festeggia al Parc Ferme
1/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, primo classificato, prende la bandiera a scacchi
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, primo classificato, prende la bandiera a scacchi
2/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, primo classificato, spruzza Champagne
Max Verstappen, Red Bull Racing, primo classificato, spruzza Champagne
3/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
4/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing RB16
Alex Albon, Red Bull Racing RB16
5/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing RB16
Alex Albon, Red Bull Racing RB16
6/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
7/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
8/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
9/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
10/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Polesitter Max Verstappen, Red Bull Racing
Polesitter Max Verstappen, Red Bull Racing
11/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
12/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
13/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
14/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
15/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing RB16
Alex Albon, Red Bull Racing RB16
16/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing RB16
Alex Albon, Red Bull Racing RB16
17/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
18/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Alexander Albon, Red Bull Racing RB16
Alexander Albon, Red Bull Racing RB16
19/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
20/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
21/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
22/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

 

condividi
commenti
Andreas Seidl: l'uomo dietro la rinascita McLaren
Articolo precedente

Andreas Seidl: l'uomo dietro la rinascita McLaren

Articolo successivo

I piloti votano la Top-10: non ci sono Bottas, Vettel e Norris!

I piloti votano la Top-10: non ci sono Bottas, Vettel e Norris!
Carica i commenti