Hamilton: "Domani non sarà facile per chi deve inseguire"

Il pilota della Mercedes ha reagito alla grande alle difficoltà incontrate ieri, firmando la 102° pole position della sua carriera in Formula 1 e mettendosi in una posizione di vantaggio rispetto al rivale Max Verstappen, che rischia anche per non aver rispettato una bandiera gialla.

Hamilton: "Domani non sarà facile per chi deve inseguire"

Due settimane fa, in Messico, Lewis Hamilton e la Mercedes sembravano spacciati. Se è vero che i campioni si vedono nei momenti difficili, il 7 volte iridato ha dimostrato ancora una volta di che pasta è fatto. Nonostante fosse reduce dalla clamorosa doppia rimonta del Brasile, il weekend del GP del Qatar era iniziato in salita per il britannico, che però oggi ha reagito alla grande, andando a firmare la pole position numero 102 della sua straordinaria carriera.

"Ieri è stata una giornata molto difficile per me, perché non mi sono sentito a mio agio per tutta la giornata. Ho sofferto parecchio, quindi ho dovuto stringere i denti e sono rimasto qui fino a mezzanotte a lavorare con gli ingegneri. Ho trovato dei punti in cui potevo migliorare ed abbiamo fatto anche dei cambiamenti in vista delle libere 3", ha detto Hamilton durante l'intervista a caldo concessa appena arrivato al parco chiuso.

"A quanto pare funzionavano, quindi li abbiamo portati in qualifica. Sono davvero molto grato delle tempistiche con cui mi hanno messo in pista, perché non ho mai trovato traffico. Credo che l'ultimo giro sia stato bellissimo, davvero splendido. Questa è una pista fantastica, incredibilmente veloce, che ti fa provare delle bellissime sensazioni", ha aggiunto.

Leggi anche:

Quando gli è stato chiesto di entrare un po' più nel dettaglio dei problemi accusati ieri, Lewis ha rivelato di non essere completamente a posto neppure dal punto di vista fisico: "Avevo un po' di mal di pancia, che mi stavo portando dietro da mercoledì, ma ieri notte ho dormito benissimo e sono riuscito a riposarmi. Questo ha fatto la differenza".

Hamilton entrerà in gara con 14 punti da recuperare su Verstappen, ma con la sensazione di avere le carte giuste da giocare, anche se la strada da percorrere per arrivare alla prima curva è davvero tanta, quindi la partenza potrebbe sparigliare non poco le carte in tavola. Così come le strategie, che potrebbero anche essere a due soste.

"In gara non credo che sarà semplice seguire per chi starà dietro, ma non c'è neanche un grande degrado delle gomme. Davanti partiremo tutti e tre con le medie, poi la gomma dura è la C1, quindi non credo che sia utilizzabile. Vedremo se sarà una gara con una o due soste. Effettivamente c'è tanta strada da fare per arrivare alla curva 1 e c'è anche il vento alle spalle, quindi può succedere davvero di tutto", ha concluso.

Sir Lewis Hamilton, Mercedes W12

Sir Lewis Hamilton, Mercedes W12

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

condividi
commenti
Leclerc, 13° e sbigottito: "Questa volta non ho spiegazioni"
Articolo precedente

Leclerc, 13° e sbigottito: "Questa volta non ho spiegazioni"

Articolo successivo

Verstappen deluso, ma non molla: "E' ancora tutto da giocare"

Verstappen deluso, ma non molla: "E' ancora tutto da giocare"
Carica i commenti