Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
45 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
52 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
66 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
80 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
94 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
101 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
115 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
129 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
136 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
150 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
157 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
171 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
185 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
213 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
220 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
234 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
241 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
255 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
269 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
276 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
290 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
304 giorni

McLaren: il roll hoop MCL35 simile a quello Alfa!

condividi
commenti
McLaren: il roll hoop MCL35 simile a quello Alfa!
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
14 gen 2020, 16:27

La squadra di Woking presenterà la MCL35 il 13 febbraio: la prima monoposto che sarà firmata da James Key avrà il roll bar a vela come sulla C38 di Hinwil. Scopriamo come mai la McLaren va incontro a questa soluzione lanciata dalla Mercedes nel 2010.

La McLaren MCL35 è destinata a cambiare faccia: la monoposto che nel 2019 ha riportato con Carlos Sainz e Lando Norris il team di Woking al ruolo di quarta forza nel mondiale Costruttori, sarà abbastanza diversa da quella che scopriremo il prossimo 13 febbraio.

Anche se il regolamento tecnico non ha subito grande cambiamenti, e saranno molte le macchine che saranno solo una evoluzione della monoposto 2019, la McLaren potrebbe essere sostanzialmente diversa perché è cambiato il capo progettista.

Non c’è più Pat Fry che ha firmato la MCL35 (l’inglese si è accordato con la Renault ma diventerà operativo a Enstone solo nella seconda parte dell’anno, quando avrà completato il periodo di gardening), perché la conduzione tecnica è passata nelle mani di James Key.

James Key, direttore tecnico McLaren

James Key, direttore tecnico McLaren

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Con Andreas Seidl, stimatissimo team principal tedesco, la McLaren ha cancellato il suo organigramma tecnico a matrice, tornando a un sistema più gerarchico e la riorganizzazione completata con successo da Andrea Stella ha certamente contribuito a rilanciare le quotazioni del team che ha in Zak Brown l’Executive Director.

Osservando con cura l’immagine twitter che Carlos Sainz ha postato sui social il giorno in cui è andato a fare il sedile nel moke-up della MCL35 non ci è sfuggito il fatto che il roll hoop avrà un disegno molto simile a quello dell’Alfa Romeo C38.

 

Vale a dire con il roll-bar in un unico elemento centrale che sarà contornato dalle prese d’aria che alimenteranno l’airscope del motore e i radiatori dell’ERS e del cambio.

McLaren MCL34: ecco la presa dinamica ovoidale del 2019

McLaren MCL34: ecco la presa dinamica ovoidale del 2019

Photo by: Giorgio Piola

L’anno scorso la MCL34 disponeva di una grande presa dinamica di disegno ovoidale in stile Renault che tendeva a coprire una sezione importante della parte centrale dell’alettone posteriore, per cui per migliorare l’efficienza aerodinamica è corretto seguire l’orientamento Alfa Romeo introdotto da Luca Furbatto, anche se l’idea originale resta della Mercedes e fu introdotta nel 2010 sull’evoluzione della MGP W01.

Mercedes MGP W01 con il roll bar a vela apparso nel 2010

Mercedes MGP W01 con il roll bar a vela apparso nel 2010

Photo by: Giorgio Piola

In realtà la scelta può essere il frutto anche di un’altra indicazione: la Renault può aver spostato più in alto alcuni elementi del raffreddamento della power unit e questa soluzione dovrebbe consentire di avere condotti di alimentazione dell’aria più corti e, quindi, pance più profilate e meno resistenti.

Related video

Articolo successivo
Kubica: “Williams disastrosa, Pirelli non ha colpe”

Articolo precedente

Kubica: “Williams disastrosa, Pirelli non ha colpe”

Articolo successivo

Haas: superati i crash test, omologato il telaio 2020

Haas: superati i crash test, omologato il telaio 2020
Carica i commenti