WSBK
G
Phillip Island
28 feb
-
01 mar
Prossimo evento tra
40 giorni
G
Losail
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
54 giorni
WRC
13 feb
-
16 feb
Prossimo evento tra
25 giorni
WEC
12 dic
-
14 dic
Evento concluso
22 feb
-
23 feb
Prossimo evento tra
34 giorni
MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
Prossimo evento tra
46 giorni
G
GP della Thailandia
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
60 giorni
IndyCar
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
54 giorni
G
Birmingham
03 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
75 giorni
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
17 gen
-
18 gen
Evento concluso
Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
53 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
60 giorni
Dakar 2019: Moto
Topic

Dakar 2019: Moto

Dakar, Cerutti guida la pattuglia tricolore: "Mi hanno dato un'ora per errore, ma sono 30°"

condividi
commenti
Dakar, Cerutti guida la pattuglia tricolore: "Mi hanno dato un'ora per errore, ma sono 30°"
Di:
7 gen 2019, 22:17

Il pilota dell'Husqvarna risultava 129°, ma ha spiegato che c'è stato un errore nella classifica. Bene anche Maurizio Gerini, 37esimo, mentre stupisce Nicola Dutto, primo paraplegico alla Dakar, che è 108°.

Nella classifica provvisoria è 129° a 1h12m52s da Joan Barreda (Honda HRC) ,il vincitore della prima speciale di questa Dakar 2019. In realtà Jacopo Cerutti (Husqvarna), è 30° e il più veloce degli italiani, seguito dal compagno di squadra, Maurizio Gerini (37°), sempre su Husqvarna.

"Mi hanno dato un’ora in più per errore. Tranquilli sono trentesimo". Jacopo è soddisfatto della prima giornata di gara. "E’ stata una bella tappa con un bell’assaggio dei terreni che incontreremo in questi 10 giorni", ha commentato, "Tante dune, ma anche piste veloci e attraversamenti di letti di fiumi. Molto divertente. È stato difficile mantenere la concentrazione sul road book per le tante tracce sulla pista".  Al via della Dakar senza aver avuto la possibilità di provare la nuova moto, Cerutti è contento anche per il feeling incontrato con la sua Husqvarna, molto simile a quella dei piloti ufficiali. “E’ un bel passo avanti”.     

Leggi anche:

Al settimo cielo Nicola Dutto (KTM), il primo paraplegico a sfidare in moto una gara estrema come la Dakar. "Mi sono divertito tantissimo. E’ la prima volta che affronto il deserto peruviano e le dune alte ti permettono di studiare meglio la salita. Ho fatto tre scivolate stupide. La vera gara inizia domani". Nicola condivide questa straordinaria avventura con tre piloti spagnoli, ex rivali dei tempi in cui correva nelle Baja prima dell’incidente del 2010. Tre angeli che letteralmente lo sollevano e lo rimettono in sella ad ogni caduta. Nicola Dutto ha chiuso 108°, 113° Gabriele Minelli, alla sua seconda partecipazione dopo la bellissima esperienza dello scorso anno. "Sono contentissimo. Per me la Dakar è una vacanza ed un modo per conoscere persone nuove e paesi diversi".

Nella categoria Original by Motul, il migliore degli italiani è Mirko Pavan (Beta), 85° e al debutto. E’ arrivato invece abbastanza provato al bivacco di Pisco Mirco Miotto (121° su Beta). "Per scansare una moto, sono finito in una buca e mi è costato molto uscirne". 125° Elio Aglioni, dentista di Lodi, al debutto e proprio nella categoria senza assistenza. 

 
Articolo successivo
Dakar, Camion, Tappa 1: Nikolaev su Kamaz precede un tris di Iveco Powerstar

Articolo precedente

Dakar, Camion, Tappa 1: Nikolaev su Kamaz precede un tris di Iveco Powerstar

Articolo successivo

Dakar, Barreda: "Ora ho una grande sensazione di controllo, di poter anticipare quello che succederà"

Dakar, Barreda: "Ora ho una grande sensazione di controllo, di poter anticipare quello che succederà"
Carica i commenti