WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
WU in
03 Ore
:
09 Minuti
:
41 Secondi
Moto3
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Gara in
04 Ore
:
49 Minuti
:
41 Secondi
Moto2
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Gara in
06 Ore
:
09 Minuti
:
41 Secondi
IndyCar
20 set
-
22 set
Evento concluso
Formula E
G
Ad Diriyah ePrix
22 nov
-
23 nov
Prossimo evento tra
4 giorni
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
60 giorni
FIA F3
26 set
-
29 set
Evento concluso
FIA F2
26 set
-
29 set
Evento concluso
G
Abu Dhabi
28 nov
-
01 dic
Prossimo evento tra
10 giorni
Formula 1
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Gara in
11 Ore
:
59 Minuti
:
41 Secondi
ELMS
20 set
-
22 set
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
WTCR
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
Dakar 2019: Moto
Topic

Dakar 2019: Moto

Dakar 2019, Cerutti: "Vorrei finire nella top 15, un obiettivo alla mia portata"

condividi
commenti
Dakar 2019, Cerutti: "Vorrei finire nella top 15, un obiettivo alla mia portata"
Di:
7 gen 2019, 10:23

Il pilota della Husqvarna è l'italiano con più occhi puntati addosso, dopo il 12esimo posto ottenuto al debutto due anni fa, però è consapevole che con 20 piloti ufficiali al via non sarà facile centrare l'obiettivo che si è prefissato.

Le speranze dell’Italia in moto sono riposte su Jacopo Cerutti, il 29enne di Lecco che dopo l’ottimo 12° posto al debutto nel 2016, lo scorso anno ha terminato come il migliore degli azzurri (20°) nelle due ruote. Pilota Husqvarna Italia, Jacopo affronta la sua quarta Dakar con il team Solaris insieme a Maurizio Gerini, 22° nel 2018 alla prima partecipazione.

Cosa si aspetta da questa Dakar?
"Sono fiducioso. Mi trovo bene con il team e con Gerry (Maurizio Gerini), mio compagno di squadra. Ci supporteremo e stimoleremo a vicenda. Non solo, quest’anno potremmo contare sulla nuova moto, esclusiva lo scorso anno per il team ufficiale".

È possibile per un amatore competere con gli ufficiali?
"Ogni anno il livello della competizione si alza ed aumenta il gap tra piloti ufficiali e privati. Non si tratta solo della moto. Avere un team esperto formato da professionisti fa la differenza, così come l’organizzazione, il budget, senza pensare al supporto prezioso del map man, di cui godono gli ufficiali. 

Leggi anche:

Ha debuttato con un ottimo 12° posto, è possibile ripetersi?
"Con 20 piloti ufficiali al via direi che è molto difficile, ma punto a metterne qualcuno dietro. Vorrei finire nei 15, un obiettivo alla mia portata".

Si preannuncia un percorso molto tosto...
"Ci aspettano 10 giorni di dune e sabbia. Sarà dura anche per il caldo e le speciali non vanno assolutamente sottovalutate dal numero dei chilometri, inferiori rispetto alle passate edizioni. Anno scorso ho faticato sulla sabbia, ma in Marocco sono andato bene per cui sono fiducioso".

Corsa di sprint o di strategia?
"Gli ufficiali partiranno all’attacco, io punto a fare la mia gara senza esagerare perché un errore può essere fatale. Sarà facile perdere tanto tempo, così come guadagnarlo. Voglio fare il mio ritmo senza esagerare".

Come vede il gruppo degli italiani?
"Siamo uniti e c’è un bello spirito. Chi sarà il migliore degli italiani? Ce la giocheremo con Gerry (Maurizio Gerini)!".

 
Articolo successivo
Dakar, Original by Motul: quando a fare la differenza è lo spirito di squadra

Articolo precedente

Dakar, Original by Motul: quando a fare la differenza è lo spirito di squadra

Articolo successivo

Ufficiale: Salvatierra escluso definitivamente dalla Dakar 2019. Lui annuncia un'azione legale contro l'ASO

Ufficiale: Salvatierra escluso definitivamente dalla Dakar 2019. Lui annuncia un'azione legale contro l'ASO
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Piloti Jacopo Cerutti
Autore Maria Guidotti