Giugliano: “Bel risultato, ma che paura stamattina!”

Giugliano: “Bel risultato, ma che paura stamattina!”

Davide è caduto malamente stamattina, battendo schiena e gamba destra. Secondo posto nel pomeriggio

Davide Giugliano si è presentato in sala stampa sensibilmente caracollante, frutto dei postumi della caduta che lo hanno visto sfortunato protagonista nel suo giro di installazione effettuato nelle Libere 1 di questa mattina sul tracciato di Misano Adriatico.

Il pilota della Ducati, dopo aver perso per intero la prima sessione di prove, è riuscito a tornare in pista nel pomeriggio, centrando una seconda posizione che lascia ben sperare il team di Borgo Panigale per la Superpole di domani e per le due manche di gara di domenica. Davide dovrà però intervenire sull'assetto della sua moto nelle libere di domani per perfezionarla e cercare di lottare con le Kawasaki e un sorprendente Max Biaggi.

Devo dire che è davvero bello essere qui a Misano Adriatico m anche essere qui a commentare le Libere 2 perché la caduta di questa mattina nel primo turno di libere è stata davvero brutta. Mi ha lasciato lividi e graffi in quasi tutto il mio fianco destro. Fortunatamente sono riuscito comunque a tornare in sella alla mia Panigale e a scendere in pista nel turno di questo pomeriggio. Stamattina ho avuto un po' paura perché nell'incidente ho battuto la schiera e la gamba destra, le stesse zone infortunate nell'incidente di Phillip Island nei test invernali. Bello essere qua tra i primi tre perché significa che il lavoro che abbiamo fatto è stato molto buono perché stamattina abbiamo perso tutto il primo turno. Il risultato di questo pomeriggio ci fa comunque ben sperare per domani, anche se dovremo sistemare ancora qualcosa nella moto per cercare di lottare per posizioni importanti nelle due manche di gara”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Evento Misano
Circuito Misano Adriatico
Piloti Davide Giugliano
Team Ducati Team
Articolo di tipo Qualifiche
Tag , davide giugliano, ducati, max biaggi