Test SBK 2021, Jerez: Gerloff detta il passo nel Day 1

Garrett Gerloff firma il miglior crono del primo dei due giorni di test a Jerez de la Frontera. Alle sue spalle si piazza Jonathan Rea, in pista con la ZX-10RR 2020 che già monta il motore 2021, in attesa dell’uscita della nuova Kawasaki.

Test SBK 2021, Jerez: Gerloff detta il passo nel Day 1

È stato la rivelazione del 2020 ed inizia il 2021 continuando a stupire: Garrett Gerloff sembra davvero in ottima forma nel primo dei due giorni di test che il mondiale Superbike sta effettuando in questi giorni a Jerez de la Frontera. Dopo un mese dal termine della stagione, le derivate di serie sono tornate in pista per iniziare a lavorare in vista del prossimo anno, tra conferme e debutti. La giornata di lavoro è iniziata più tardi a causa dell’asfalto bagnato, che è andato via via asciugandosi, permettendo così a piloti e squadre di girare.

Gerloff, reduce dalla breve ma entusiasmante esperienza in MotoGP come sostituto di Valentino Rossi, ha firmato il miglior crono della giornata sul circuito andaluso in 1’39”571. Lo statunitense ha chiuso con il tempo più veloce anche il turno della mattina, confermandosi il più rapido nel pomeriggio e concentrando il lavoro sia sulla moto del 2019 sia sulla versione del 2020. Il pilota GRT è stato affiancato da Kohta Nozane, nuovo compagno di squadra per il 2021. Il giapponese ha esordito oggi in sella alla YZF-R1 Superbike, lavorando sull’adattamento alla categoria. Il debuttante ha completato ben 76 giri chiudendo in decima posizione.

Garrett Gerloff si è messo alle spalle anche il Campione del mondo in carica. Jonathan Rea, primo pilota a scendere in pista questa mattina, ha girato con la ZX-10RR in versione 2020, che però montava il motore 2021. La nuova Kawasaki è attesa il 23 novembre, ma il team con sede a Barcellona già inizia a testare quella che sarà la moto con cui Rea dovrà difendere il titolo. Il britannico ha avuto un problema alla curva 12 nella prima ora di sessione mattutina, ma è riuscito a tornare in pista, chiudendo la prima giornata  a quasi quattro decimi da Gerloff. Qualche problema di troppo anche per Alex Lowes, fermato da un guasto meccanico nelle fasi iniziali, ma poi rientrato per girare regolarmente. Il britannico ha chiuso la prima giornata con il quarto crono.

Il terzo tempo è di Toprak Razgatlioglu, attardato di quasi mezzo secondo dalla vetta. Si sa però che nei test il cronometro non è al centro dell’attenzione ed il lavoro del turco si è concentrato infatti sul grip al posteriore, oltre ad aver provato nuove pinze Brembo. Il pilota del team Pata Yamaha ha completato ben 84 giri ed è stato tra quelli che hanno trascorso più tempo in pista. È stata una giornata fruttifera anche per Andrea Locatelli, alla sua seconda uscita con la YZF-R1. Il campione del mondo Supersport in carica ha girato per la prima volta a fianco del nuovo compagno di squadra e continua l’adattamento alla Superbike con ben 77 giri all’attivo, chiudendo in settima posizione.

Primo dei piloti Honda in questa prima giornata di test è Leon Haslam. Il britannico ha chiuso il Day 1 con il quinto crono, proprio davanti al compagno di squadra Alvaro Bautista, sesto. La coppia HRC ha svolto oggi dei test su delle gomme Pirelli che hanno delle caratteristiche diverse dalle precedenti e, per quanto riguarda il lavoro sulla moto, si è concentrata sull’elettronica. Lo spagnolo è stato protagonista di una caduta alla curva 9 nella sessione pomeridiana, ma fortunatamente non ha riportato conseguenze ed è tornato ai box, dove è stato poco prima di rientrare in pista.

Tra i piloti indipendenti, il più rapido è stato Lucas Mahias, al debutto con la Kawasaki del team Puccetti. Il francese ha lavorato per risolvere il problema dell’anteriore scivoloso in ingresso di curva e al termine del Day 1 ha completato 66 giri. Subito dietro di lui troviamo l’altra Kawasaki di Isaac Vinales, anche lui al debutto in Superbike: lo spagnolo ha messo a segno 74 giri chiudendo in nona posizione. L’ultimo nella classifica dei tempi è Loris Cresson, nuovo esordiente nella classe regina delle derivate di serie. Il belga è caduto alla curva 6, ma il suo intento era quello di accumulare giri e familiarizzare con la Superbike.

condividi
commenti
SSP, ufficiale: Odendaal con Bardahl Evan Bros dal 2021

Articolo precedente

SSP, ufficiale: Odendaal con Bardahl Evan Bros dal 2021

Articolo successivo

SBK: ecco la nuova Kawasaki Ninja ZX-10RR per la stagione 2021

SBK: ecco la nuova Kawasaki Ninja ZX-10RR per la stagione 2021
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Location Circuito de Jerez
Autore Lorenza D'Adderio