SBK, Portimao: Razgatlioglu trionfa e ipoteca il titolo! Rea cade!

Toprak Razgatlioglu vince Gara 1 a Portimao beffando Scott Redding, secondo. Il pilota Yamaha incrementa il vantaggio in classifica e si porta a +45 su Jonathan Rea, scivolato nelle fasi iniziali di gara e andato al centro medico. Completa podio per Loris Baz, terzo con la Ducati del team Go Eleven.

SBK, Portimao: Razgatlioglu trionfa e ipoteca il titolo! Rea cade!

Gara 1 del round di Portimao regala subito spettacolo e grandi colpi di scena, che rappresentano un duro colpo per il mondiale. In una prima manche in cui non sono mancate dure battaglie, è Toprak Razgatlioglu a passare per primo sotto la bandiera a scacchi, beffando uno Scott Redding decisamente aggressivo e molto più in forma di quanto mostrato nelle prove.

Ma il vero momento chiave della gara si ha nelle fasi iniziali: nella bagarre per la prima posizione, Jonathan Rea scivola e finisce la sua prima manche nella via di fuga. Lo zero che incassa il campione in carica è decisamente pesante e potrebbe condizionare weekend e classifica: il pilota Kawasaki si reca al centro medico, dove gli vengono riscontrare diverse contusioni e un'abrasione al gomito sinistro. Si sottoporrà a nuovi controlli domani mattina prima del warmup. Ad ogni modo Rea scivola non sono in pista ma anche in classifica e ora si trova a -45 da Razgatlioglu, che mette la mano sul titolo. 

Il turco si appropria del feudo di Rea e ipoteca il titolo, riuscendo comunque a vincere davanti a Scott Redding, ottimo secondo nonostante un avvio di weekend in salita. Il pilota Ducati prova a insidiare il portacolori Yamaha, che però ne ha decisamente di più e fa la differenza ancora una volta. C'è tanta Borgo Panigale però sul podio, grazie a un grande Loris Baz che in sella alla quattro cilindri del team Go Eleven passa sotto la bandiera a scacchi in terza posizione. 

Il francese si fa notare anche a Portimao dopo le ottime prestazioni di Jerez e concretizza il lavoro con un podio che lo fa essere il "migliore degli altri". Tutto semplice per Baz nelle ultime due curve, quando il duello con Alvaro Bautista per la terza posizione svanisce perché il pilota Honda finisce nella via di fuga e getta alle ortiche una gara solida. 

E' così Michael Ruben Rinaldi che approfitta dello zero di Bautista e si porta in quarta posizione, precedendo il gruppo formato da Leon Haslam e Garrett Gerloff, quinto e sesto rispettivamente dopo una battaglia che ha infiammato il centro gruppo. Lo statunitense precede Axel Bassani, in risalita anche lui e settimo al traguardo. Nelle prime sette posizioni troviamo quindi ben quattro Ducati, una situazione poco immaginabile al termine delle prove. 

Leandro Mercado è autore della sua miglior prestazione della stagione ed è ottavo alla bandiera a scacchi, così come Christophe Ponsson, decimo. Tra i due si inserisce Eugene Laverty, unico pilota BMW ufficiale rimasto in gara e nono. Il suo compagno di squadra infatti si rende protagonista di un gesto tutt'altro che edificante. 

Finisce nella ghiaia e a spintoni la Gara 1 di Michael van der Mark e Andrea Locatelli. I due, in lotta per le posizioni del podio, si toccano a cinque giri dal termine e finiscono a terra. Nell'andare a recuperare le rispettive moto, l'olandese della BMW spintona il campione Supersport in carica, un gesto che la Direzione Gara ha deciso di mettere immediatamente sotto investigazione. L'episodio verrà analizzato al termine della gara. 

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco Ritirato Punti
1   54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Yamaha 20 34'01.250       25
2   45 United Kingdom Scott Redding Ducati 20 34'01.941 0.691 0.691   20
3   11 France Loris Baz Ducati 20 34'11.878 10.628 9.937   16
4   21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 20 34'14.151 12.901 2.273   13
5   91 United Kingdom Leon Haslam Honda 20 34'14.555 13.305 0.404   11
6   31 United States Garrett Gerloff Yamaha 20 34'14.846 13.596 0.291   10
7   47 Italy Axel Bassani Ducati 20 34'28.211 26.961 13.365   9
8   36 Argentina Leandro Mercado Honda 20 34'30.076 28.826 1.865   8
9   50 Ireland Eugene Laverty BMW 20 34'30.904 29.654 0.828   7
10   23 France Christophe Ponsson Yamaha 20 34'40.311 39.061 9.407   6
11   32 Spain Isaac Viñales Kawasaki 20 34'40.953 39.703 0.642   5
12   76 Italy Samuele Cavalieri Ducati 20 34'41.919 40.669 0.966   4
13   53 Spain Tito Rabat Kawasaki 20 34'42.525 41.275 0.606   3
14   3 Japan Kohta Nozane Yamaha 20 34'42.662 41.412 0.137   2
15   94 Germany Jonas Folger BMW 20 34'54.065 52.815 11.403   1
16   84 Belgium Loris Cresson Kawasaki 20 34'54.144 52.894 0.079    
  dnf 19 Spain Alvaro Bautista Honda 19 1 laps     Incidente  
  dnf 60 Netherlands Michael van der Mark BMW 15 5 laps     Ritirato  
  dnf 55 Italy Andrea Locatelli Yamaha 14 6 laps     Incidente  
  dnf 16 Italy Gabriele Ruiu BMW 8 12 laps     Ritirato  
  dnf 83 Australia Lachlan Epis Kawasaki 7 13 laps     Ritirato  
  dnf 1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 4 16 laps     Incidente
condividi
commenti
SBK, Portimao, Superpole: zampata record di Razgatlioglu, beffato Rea
Articolo precedente

SBK, Portimao, Superpole: zampata record di Razgatlioglu, beffato Rea

Articolo successivo

SSP, Portimao: Cluzel torna a vincere, Aegerter terzo

SSP, Portimao: Cluzel torna a vincere, Aegerter terzo
Carica i commenti