SBK, Donington, Superpole Race: Rea trionfa, Redding in crisi

Jonathan Rea trionfa nella Superpole Race riprendendo margine in classifica su Razgatlioglu, sesto. Grande festa BMW, che sale sul podio con entrambi i piloti. Tom Sykes è secondo davanti a Michael van der Mark, terzo. Ancora disastro Redding, che monta una gomma sbagliata e chiude ultimo.

SBK, Donington, Superpole Race: Rea trionfa, Redding in crisi

Il meteo della Gran Bretagna, si sa, riserva sempre grandi sorprese e anche nella Superpole Race a Donington le condizioni della pista erano piuttosto incerte. Uno scroscio di pioggia questa mattina aveva inzuppato l’asfalto, che però pian piano si è asciugato nel corso delle ore, tanto da mettere in dubbio i piloti sulla scelta delle gomme. Ma se il meteo lascia dubbi, Jonathan Rea li dissipa: è il pilota Kawasaki ad imporsi nella gara sprint di questa domenica inglese.

Il campione in carica, con gomme intermedie, parte bene e inizia da subito a mettere margine tra sé e gli avversari, inanellando giri veloci e tagliando il traguardo davanti a tutti con 2.5 secondi di vantaggio sul primo dei suoi inseguitori. Rea è tornato a dominare e prende qualche punto di margine su un Toprak Razgatlioglu che non riesce a replicare la stratosferica rimonta di ieri, chiudendo la Superpole Race in sesta posizione e tornando a +24 nella generale.

A Donington sorride BMW, che per la prima volta in questa stagione concretizza il potenziale e conquista un doppio podio. Tom Sykes passa sotto la bandiera a scacchi in seconda posizione relativamente in scioltezza e precede il suo compagno di squadra. Michael van der Mark riesce per tutti i dieci giri di gara a contenere gli attacchi di un arrembante Garrett Gerloff e sale sul terzo gradino del podio, il suo primo da pilota BMW.

L’olandese regala alla Casa tedesca un gran risultato, dal suo rientro è la prima volta che sale sul podio con entrambe le moto. Contribuisce alla festa BMW anche Alex Lowes, che nelle prime fasi di gara era minaccioso su Jonathan Rea dopo una grande partenza. Il britannico stava regalando una seconda doppietta al team Kawasaki, salvo poi cadere dopo pochi giri e gettare la gara alle ortiche. Fortunatamente illeso, riprende la via della pista, ma taglia il traguardo in 14esima posizione. 

Resta ai piedi del podio per mezzo secondo Leon Haslam, che riesce ad avere la meglio su Gerloff nel finale e ottiene il suo miglior risultato stagionale con la Honda. Sulla pista di casa, l’inglese riesce a sfruttare le condizioni miste dell’asfalto e si tiene dietro lo statunitense. La prima Yamaha al traguardo è appunto quella di Gerloff, quinto al traguardo ma primo degli indipendenti. L’alfiere GRT precede di nove decimi il compagno di marca Razgatlioglu, che nelle ultime fasi di gara si libera di un Lucas Mahias in forma e settimo al traguardo.

La prima Ducati a passare sotto la bandiera a scacchi è quella di Chaz Davies, che limita i danni di un weekend decisamente negativo per la Rossa di Borgo Panigale. Il gallese chiude in ottava posizione, mentre chiudono la top 10 uno stoico Andrea Locatelli, nono dopo una brutta caduta di ieri in cui ha rimediato una contusione alla coscia, e Michael Ruben Rinaldi, decimo tra le enormi difficoltà.

Crisi profonda per Scott Redding invece, che in griglia di partenza decide di montare una gomma da bagnato andando in controtendenza rispetto alle scelte degli avversari, che invece viaggiavano sull’intermedia. La scelta del pilota Aruba.it Racing – Ducati si è rivelata sbagliata da subito e, pur partendo dalla seconda fila, si è trovato ben presto nelle retrovie, girando a metà gara dieci secondi più lento di Rea. Redding ha poi tagliato il traguardo in 18esima e ultima posizione, in un weekend decisamente negativo per lui.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 1 United Kingdom Jonathan Rea Kawasaki 10 -      
2 66 United Kingdom Tom Sykes BMW 10 2.531 2.531 2.531  
3 60 Netherlands Michael van der Mark BMW 10 3.409 3.409 0.878  
4 91 United Kingdom Leon Haslam Honda 10 3.955 3.955 0.546  
5 31 United States Garrett Gerloff Yamaha 10 4.067 4.067 0.112  
6 54 Turkey Toprak Razgatlıoğlu Yamaha 10 5.011 5.011 0.944  
7 44 France Lucas Mahias Kawasaki 10 6.461 6.461 1.450  
8 7 United Kingdom Chaz Davies Ducati 10 11.599 11.599 5.138  
9 55 Italy Andrea Locatelli Yamaha 10 20.284 20.284 8.685  
10 21 Italy Michael Ruben Rinaldi Ducati 10 24.865 24.865 4.581  
11 47 Italy Axel Bassani Ducati 10 25.318 25.318 0.453  
12 50 Ireland Eugene Laverty BMW 10 25.584 25.584 0.266  
13 32 Spain Isaac Viñales Kawasaki 10 40.885 40.885 15.301  
14 22 United Kingdom Alex Lowes Kawasaki 10 > 1'      
15 19 Spain Alvaro Bautista Honda 10 > 1'      
16 94 Germany Jonas Folger BMW 10 > 1'      
17 12 United Kingdom Luke Mossey Kawasaki 10 > 1'      
18 45 United Kingdom Scott Redding Ducati 10 > 1'      
  84 Belgium Loris Cresson Kawasaki 0        
  23 France Christophe Ponsson Yamaha 0        
  53 Spain Tito Rabat Ducati 0      
condividi
commenti
Disastro Redding a Donington: “Non ho feeling, è dura per me”
Articolo precedente

Disastro Redding a Donington: “Non ho feeling, è dura per me”

Articolo successivo

SBK, Donington, Gara 2: Razgatlioglu vince ed è leader, Rea cade!

SBK, Donington, Gara 2: Razgatlioglu vince ed è leader, Rea cade!
Carica i commenti