WRC: M-Sport prova ad avere Loeb part-time per il 2022

Malcolm Wilson è al lavoro per formare la line up piloti per il 2022, quella che correrà con la Puma Rally1 Hybrid, e ha confermato di essere in trattativa con Sébastien Loeb per averlo part-time su una delle 3 vetture.

WRC: M-Sport prova ad avere Loeb part-time per il 2022

M-Sport sta lavorando alacremente alla prossima stagione, il WRC 2022, stagione che vedrà esordire le nuove Rally1, le vetture di riferimento del Mondiale Rally destinate a prendere il posto delle attuali WRC Plus.

La Ford Puma Rally1 Hybrid ha già fatto il suo esordio nel corso delle ultime settimane, con alcune sessioni di test su asfalto e sterrato nelle mani di Adrien Fourmaux e Matthew Wilson, quest'ultimo il figlio di Malcolm.

Il boss di M-Sport - Malcolm, appunto - non è impegnato solo a definire il futuro tecnico della propria struttura, ma anche quello umano. A Cockermouth, settimana dopo settimana, sono al vaglio diversi nomi di piloti che potrebbero correre l'anno prossimo al volante di una delle tre Puma che saranno schierate.

Nel corso delle ultime ore, stando a quanto riportato dal portale Dirtfish, Wilson ha fatto sapere di essere interessato a far correre part-time niente meno che Sébastien Loeb.

Il 9 volte iridato, già qualche mese fa, aveva reso nota la sua volontà di correre ancora qualche rally nel WRC, forse demoralizzato dopo la difficilissima Dakar 2021 in cui ha accumulato penalità e guasti meccanici in serie nella sua nuova avventura in Prodrive con la Hunter.

Questa volontà, unita a quella di Wilson, ha dato vita a discorsi tutt'ora in essere. A confermarlo è stato proprio Malcolm Wilson: "Confermo, con Séb stiamo parlando. Ma al momento non saprete nient'altro che questo".

Un segnale d'apertura importante, perché M-Sport non solo si assicurerebbe un pilota di enorme talento, di grande esperienza, ma anche una persona in grado di far evolvere la Puma Rally1 e dare quella spinta in più che era servita tra il 2017 e il 2018 quando Ogier riuscì a portare a casa 3 titoli sui 4 disponibili per il team britannico, da semi-ufficiale.

Nella preparazione della Puma Rally1, M-Sport ha potuto fare affidamento sul massiccio aiuto di Ford Performance, capace di mettere a disposizione tutte le proprie risorse nella progettazione e nella realizzazione di ogni componente.

Qualora il progetto di Wilson andasse in porto, M-Sport si troverebbe già ad avere un equipaggio e mezzo già pronti per correre la prossima stagione. Adrien Fourmaux e Renaud Jamoul sono praticamente certi di essere titolari l'anno prossimo. Non è un caso che nel corso delle ultime settimane abbiano preso parte a diversi test al volante della vettura ibrida.

Loeb, poi, potrebbe davvero essere il riferimento per il francese, che nelle sue prime gare nel WRC ha mostrato un talento non indifferente, malgrado la mancanza d'esperienza al volante delle vetture regine del Mondiale Rally.

Nel corso delle ultime 2 stagioni, Sébastien Loeb ha difeso i colori di Hyundai Motorsport, anche in quel caso part-time, correndo al volante della terza i20 Coupé in coabitazione con Dani Sordo e Carlos Del Barrio.

Nella sua avventura con il team coreano, Loeb ha corso in 8 appuntamenti WRC sui 20 dei calendari 2019 e 2020. 2 i podi ottenuti: il primo in Cile nel 2019, l'ultimo in Turchia lo scorso anno, poi anche 2 quarti posti, un sesto, un settimo e un ottavo. Uno solo il ritiro, arrivato al Rally del Portogallo 2019.

condividi
commenti
Ora è Hyundai il riferimento prestazionale del WRC

Articolo precedente

Ora è Hyundai il riferimento prestazionale del WRC

Articolo successivo

WRC: Giappone in bilico. Altra chance per il Rally di Monza

WRC: Giappone in bilico. Altra chance per il Rally di Monza
Carica i commenti