Valentino vuole creare un'accademia per i giovani

Valentino vuole creare un'accademia per i giovani

Per il 2014 il piano è già ambizioso: rilanciare Fenati ed Antonelli in Moto3 in sella a due KTM

Qualche giorno fa Valentino Rossi ha rivelato di voler continuare a correre in MotoGp fino al 2016, sperando di riuscire a concordare un altro contratto biennale con la Yamaha. Questo non vuol dire però che il pesarese non abbia già cominciato a pensare al suo futuro dopo le corse. Il "Ranch", ovvero il terreno dove ha realizzato due piste, una da motocross ed una da short track (che hanno già l'omologazione della FMI), smetterà di essere un luogo di divertimento per trasformarsi in qualcosa di più serio. Valentino, infatti, vuole dare vita ad un'accademia per sfornare giovani talenti ed ha già ricevuto la benedizione della Federazione Italiana. Il piano è semplice e lo ha rivelato questa mattina la Gazzetta dello Sport: far firmare un contratto di tre anni a dei giovani emergenti, fornendogli in questo lasso di tempo tutto ciò di cui hanno bisogno. Si parte dagli allenamenti in moto, passando poi per la preparazione fisica e anche quella mentale, con la speranza di raccogliere i frutti alla fine di questo percorso se i ragazzi vorranno restare legati alla VR46. Per il 2014 ci sarebbe già un piano ambizioso, che vuole portare al rilancio di Romano Fenati e Niccolò Antonelli in classe Moto3 dopo un 2013 avaro di soddisfazioni. Valentino avrebbe già prenotato due KTM (attualmente la moto di riferimento della categoria) per le due promesse italiane che già si allenano al "Ranch", oltre ad aver già bloccato un capo tecnico di grande esperienza. Sicuramente si tratterebbe di un'iniziativa importante anche per tutto il movimento tricolore, perchè c'è bisogno di una spinta di questo tipo per provare a contrastare il dominio spagnolo che sta caratterizzando queste ultime stagioni.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi , Niccolò Antonelli , Romano Fenati
Articolo di tipo Ultime notizie