MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
Prossimo evento tra
47 giorni
G
GP della Thailandia
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
61 giorni
G
GP delle Americhe
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
75 giorni
G
GP d'Argentina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
89 giorni
G
GP di Spagna
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
103 giorni
G
GP di Francia
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
117 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
131 giorni
G
GP della Catalogna
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
159 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
173 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
201 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP di Aragon
01 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
257 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
271 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
285 giorni
G
GP di Valencia
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
299 giorni

Test MotoGP Jerez, Giorno 1, Ore 15: cade Marquez, migliora Vinales

condividi
commenti
Test MotoGP Jerez, Giorno 1, Ore 15: cade Marquez, migliora Vinales
Di:
25 nov 2019, 14:32

Alle ore 15 davanti a tutti ci sono ancora due Yamaha, con Vinales che si migliora e tiene a distanza Quartararo. Poi ci sono le due Suzuki e Morbidelli, mentre Marquez è in sesta posizione, ma è stato anche vittima di una caduta all'ultima curva. A terra anche Lecuona.

Non ci sono stati grossi cambiamenti nella classifica della prima giornata dei test collettivi di MotoGP a Jerez de la Frontera quando siamo arrivati allo scoccare delle ore 15.

Davanti a tutti c'è sempre la Yamaha di Maverick Vinales, con lo spagnolo che ha addirittura ritoccato il suo riferimento, scendendo fino a 1'37"187. Pur abbassando a sua volta il suo crono, Fabio Quartararo infatti rimane infatti distanziato di ben sette decimi con la M1 con i colori Petronas.

In terza e quarta posizione troviamo poi le due Suzuki, con Joan Mir che è stato più rapido di appena 77 millesimi nei confronti del compagno Alex Rins. La riprova dell'ottimo stato di forma delle Yamaha arriva poi dal quinto tempo di Franco Morbidelli. Dunque, sono tre le M1 nella top 5.

Sesto tempo per il campione del mondo Marc Marquez, che poco dopo l'ora di pranzo è incappato in una caduta all'ultima curva mentre si trovava in sella alla RC213V 2020. Il pilota della Honda ha preso una bella botta ed è stato portato anche al centro medico per un controllo perché era dolorante alla spalla destra. Successivamente, però, è tornato in pista, quindi non dovrebbero esserci grossi problemi per lui.

In settima posizione c'è la KTM di Pol Espargaro, ancora alle prese con comparative di telaio, così come Andrea Dovizioso, che lo segue in ottava piazza ed è il primo dei piloti Ducati.

Parlando della Casa di Borgo Panigale, bisogna segnalare anche lo stop in pista del collaudatore Michele Pirro, che ha portato anche all'esposizione di una bandiera rossa per il timore che la sua Desmosedici GP avesse perso olio in pista.

Così come un'altra bandiera rossa è arrivata praticamente a cavallo delle ore 15, quando Iker Lecuona è finito a terra alla curva 4. Per il pilota della KTM Tech 3 non sembrano esserci state grandi conseguenze, ma la sua RC16 è andata a danneggiare gli airfence, che quindi hanno richiesto il lavoro dei commissari per essere ripristinati.

Subito fuori dalla top 10 c'è Danilo Petrucci, che ha completato 36 giri, quindi sembra aver superato almeno la parte più dolorosa del problema alla spalla sinistra. Valentino Rossi invece continua ad essere attardato con la sua Yamaha: il "Dottore" è solo 14esimo, con un ritardo di 1"5 nei confronti del compagno di squadra.

Fa piccoli progressi invece Alex Marquez: il nuovo arrivato in casa Honda HRC è in 17esima posizione, anche se il suo ritardo è sempre di 2"3 dalla vetta, ma di 1"3 dalla RC213V gemella del fratello Marc.

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Maverick Vinales Yamaha 1’37”187 45
2 Fabio Quartararo Yamaha 1’37”887 51
3 Joan Mir Suzuki 1’38”012 40
4 Alex Rins Suzuki 1’38”089 56
5 Franco Morbidelli Yamaha 1’38”117 61
6 Marc Marquez Honda 1’38”227 48
7 Pol Espargaro KTM 1’38”348 47
8 Andrea Dovizioso Ducati 1’38”474 43
9 Jack Miller Ducati 1’38”492 38
10 Aleix Espargaro Aprilia 1’38”500 42
11 Danilo Petrucci Ducati 1’38”522 36
12 Cal Crutchlow Honda 1’38”690 43
13 Andrea Iannone Aprilia 1’38”751 44
14 Valentino Rossi Yamaha 1’38”784 38
15 Sylvain Guintoli Suzuki 1’39”148 41
16 Tito Rabat Ducati 1’39”460 27
17 Alex Marquez Honda 1’39”504 52
18 Michele Pirro Ducati 1’39”652 27
19 Bradley Smith Aprilia 1’39”759 46
20 Iker Lecuona KTM 1’39”933 37
21 Brad Binder KTM 1’39”980 55
22 Eric Granado Ducati 1’43”056 21
Articolo successivo
Test MotoGP Jerez, Giorno 1: Vinales comanda alle 12

Articolo precedente

Test MotoGP Jerez, Giorno 1: Vinales comanda alle 12

Articolo successivo

Test MotoGP Jerez, Giorno 1: Yamaha e Vinales sugli scudi

Test MotoGP Jerez, Giorno 1: Yamaha e Vinales sugli scudi
Carica i commenti