Rossi e Marquez: il pilota fa ancora la differenza in MotoGP

L'avanzamento dello sviluppo delle MotoGP non ha tolto valore al pilota, secondo Valentino Rossi e Marc Márquez, anche se ha portato a dei cambiamenti nello stile di guida.

Rossi e Marquez: il pilota fa ancora la differenza in MotoGP

Negli ultimi anni lo sviluppo tecnico è diventato più importante nella MotoGP, dall'aerodinamica alle innovazioni come il dispositivo holeshot. Ogni produttore cerca di rimanere all'avanguardia dello sviluppo per fornire la migliore moto ai propri piloti, il che solleva domande sul ruolo che continuano a svolgere nelle prestazioni.

Testimone dell'evoluzione degli ultimi 20 anni, Valentino Rossi crede che la MotoGP sia ancora un campionato di piloti piuttosto che di ingegneri, ma riconosce che avere una moto buona è più importante ora rispetto al passato.

"Penso che sia diverso, sicuramente è diverso", ha detto il pilota italiano. "Non so se l'aspetto umano sia meno presente, non ne sono sicuro. Penso che sia più o meno lo stesso. Forse in passato il pilota poteva fare un po' più di differenza, diciamo 60% il pilota e 40% la moto. Ora è 50-50, quindi forse un po' meno. Ma non penso che sia cambiato molto, penso che i migliori piloti siano davanti e la situazione è più o meno la stessa, perché il miglior pilota sarà davanti alla fine".

Marc Márquez, l'unico pilota capace di vincere con la Honda negli ultimi anni, crede che ora i piloti siano ancora più capaci di imporre il loro talento e fare la differenza rispetto al passato, grazie a una griglia più competitiva che mai e all'uguaglianza tra i team ufficiali e satellite.

"Come ha detto Valentino, penso che il pilota faccia più o meno la differenza", ha detto il pilota #93. "Sicuramente ora, con l'elettronica allo stesso livello, le moto con quasi le stesse prestazioni tra le squadre ufficiali e le squadre satellite, tutto aiuta molto. Una squadra o un pilota di una squadra satellite, che non aveva alcuna possibilità di vincere dieci anni fa, avrà una possibilità ora, anche per il campionato perché le moto sono totalmente diverse da prima".

"Le cose nuove arrivano un po' dopo, ma non sono cose molto importanti. Aiuta. Le gomme sono migliorate, e con questo e un livello di grip molto alto, tutto è equilibrato, perché appena devi gestire l'acceleratore, la derapata, puoi fare la differenza, ma quando c'è molto grip e puoi accelerare subito, tutto è più equilibrato".

Lo stile di guida è cambiato secondo Rossi

Il #46 crede che il pilota faccia ancora la differenza, ma il modo di ottenere il meglio da una moto è cambiato radicalmente. Il nove volte campione del mondo ritiene che i prototipi attuali richiedano un modo diverso di fare le curve, ma non sa se questo è davvero una conseguenza della crescente importanza dell'aerodinamica.

"Per me negli ultimi anni lo stile di guida è cambiato, soprattutto la posizione sulla moto. Ora tutti guidiamo molto bassi, con la testa in avanti, le spalle e i gomiti. Ho davvero cambiato il mio approccio alle curve e alle traiettorie. Con queste moto, queste gomme e questi freni, puoi entrare in curva molto più forte. Si guida in modo un po' diverso rispetto a cinque anni fa".

"Ma non so quanto abbia a che fare con l'aerodinamica. Alla fine, l'aerodinamica permette una migliore accelerazione, quindi si entra nella curva successiva più velocemente, si ha più deportanza sul davanti, quindi si può frenare più forte. E la moto è più pesante quando si cambia direzione, quindi serve più potenza. È questo che cambia l'aerodinamica piuttosto che lo stile di guida".

Tuttavia, le moto sono più performanti che mai, e stanno raggiungendo velocità massime record quest'anno, con Johann Zarco e Brad Binder che hanno stabilito un nuovo primato di 362,4 km/h. Stanno anche causando pesanti incidenti e cadute, e stanno rendendo la moto più potenti che mai. Marc Márquez sta mettendo in discussione la saggezza dello sviluppo incessante. Il suo compagno di squadra Pol Espargaró è arrivato a incolpare l'holeshot per diverse cadute, mentre il pilota di Cervera ha incolpato l'elettronica per il suo spettacolare incidente ad Assen.

Anche le moto stanno diventando sempre più fisiche e stanno causando sempre più casi di sindrome compartimentale, ma Rossi è uno dei piloti che non ne è affetto. Nonostante abbia 42 anni e più di dieci anni in più del secondo pilota più anziano della classe, Aleix Espargaró, l'italiano non crede che l'età sia un fattore quando si tratta di guidare le attuali moto MotoGP, anche se riconosce che sono più esigenti a livello fisico rispetto al passato.

"Non credo che sia la cosa più importante. Ognuno ha il proprio stile e vedo molti piloti che sono comunque molto veloci e hanno una posizione più normale sulla moto, come Jack Miller o Franco Morbidelli. Dipende molto dal momento. Ma fisicamente è più difficile, soprattutto perché le moto sono più impegnative ora. Sono più veloci, hai l'aerodinamica e puoi frenare più forte. Non è solo la posizione, è più difficile fisicamente in generale".

Leggi anche:

condividi
commenti
Aleix Espargaro: "Dovizioso non è stato molto competitivo con l'Aprilia"

Articolo precedente

Aleix Espargaro: "Dovizioso non è stato molto competitivo con l'Aprilia"

Articolo successivo

Ducati, dietro le quinte dello sviluppo del motore Desmodromico

Ducati, dietro le quinte dello sviluppo del motore Desmodromico
Carica i commenti