Rins: "Nessuno mi ha considerato per il podio e questo mi ha dato una motivazione extra"

condividi
commenti
Rins:
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
04 nov 2018, 09:25

Lo spagnolo della Suzuki è stato protagonista di una bella rimonta che gli ha regalato il quarta podio stagionale. Rins ha affermato come l'essere stato snobbato da tutti i rivali per la lotta per il podio lo abbia caricato ulteriormente.

Podio: il secondo classificato Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Podio: il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, il secondo classificato Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, il terzo classificato Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3
Podio: il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, il secondo classificato Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, il terzo classificato Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Second place Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Grazie al secondo gradino del podio ottenuto in Malesia, Alex Rins è riuscito a salire al quinto posto nella classifica piloti a pari punti con Johann Zarco ed ha superato il suo compagno di team, Andrea Iannone, caduto al primo giro e rimasto così in nona posizione in campionato con un ritardo di 16 punti dallo spagnolo.

Dopo il terzo posto in Argentina, il secondo in Olanda ed il terzo in Giappone, Rins è salito sul podio per quarta volta in stagione nel suo secondo anno in MotoGP, riscattando così un passato condizionato da numerosi infortuni.

Lo spagnolo è stato protagonista di una seconda fase di gara formidabile. Ha sfruttato la caduta di Valentino Rossi ed è stato in grado di raggiungere e superare Johann Zarco per artigliare il secondo posto.    

Leggi anche:

“Sono davvero contento perché ho dato il massimo e quello che mi ha motivato maggiormente è stato vedere Zarco davanti e riuscire a rimontare. Fino a ieri nessuno parlava di me come un possibile protagonista per il podio”.   

“Gli altri piloti non mi hanno tenuto in grande considerazione per un piazzamento tra i primi tre e questo mi ha caricato. Adesso andiamo a Valencia e speriamo di divertirci, sul quel tracciato possiamo lottare per la vittoria”.

La gara dello spagnolo della Suzuki è stata grandiosa. Rins è partito dall’ottava casella, una posizione dietro Marquez, e giro dopo giro è riuscito a migliorarsi.

“Quando ero dietro Pedrosa ci ho messo più di un giro per superarlo ed ho dubitato sul fatto di poter recuperare terreno su Zarco, ma quando sono riuscito a passare Dani ho dato il massimo per avvicinarmi a Johann”.

La gara malese è stata anticipata di due ore per evitare il rischio acquazzoni ed il caldo è stato un elemento duro da affrontare per tutti i piloti. Rins ha dovuto affrontare l’handicap di correre senza acqua per idratarsi.

“E’ stato il giorno più caldo dell’intero weekend ed ho corso senza acqua. Non ho potuto indossare il “camel bag” ed ho deciso di correre senza borraccia”.

Questo nuovo podio evidenzia l’ottimo stato di forma della Suzuki.

“Dopo Assen e Misano abbiamo fatto un grande passo avanti con la moto. Sta crescendo bene”.

Ad evidenziare questo momento, è anche arrivato il giro più veloce in gara ottenuto al quinto passaggio.

Articolo successivo
Valentino: "Peccato, sarebbe stata una grande lotta con Marquez e me la sarei giocata"

Articolo precedente

Valentino: "Peccato, sarebbe stata una grande lotta con Marquez e me la sarei giocata"

Articolo successivo

Alma Pramac Racing festeggia in Malesia il titolo tra i team Indipendenti

Alma Pramac Racing festeggia in Malesia il titolo tra i team Indipendenti
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP della Malesia
Sotto-evento Domenica, post-gara
Location Sepang International Circuit
Piloti Alex Rins
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Oriol Puigdemont
Tipo di articolo Intervista