MotoGP: tutte le presentazioni dei team, apre le danze la Ducati

La MotoGP è pronta a svelare i bolidi che scenderanno in pista nel 2020. Si parte il 23 gennaio con la Ducati a Bologna, poi tutte le altre.

MotoGP: tutte le presentazioni dei team, apre le danze la Ducati
Alex Marquez, Repsol Honda Team
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Alex Rins, Team Suzuki Ecstar
Joan Mir, Team Suzuki Ecstar

La MotoGP 2020 è ormai alle porte. Il Mondiale scatterà l'8 marzo dal circuito di Losail. Intanto però i team sono pronti a svelare le nuove livree. Ad aprire le danze ci penserà la Ducati, che a Bologna, il 23 gennaio, mostrerà i colori che vestirà la GP20.

Subito poi toccherà alla Honda, che dopo la presentazione trionfale di un anno fa a Madrid nel centro Repsol, quest'anno ha deciso di mostrare i fratelli Marquez al mondo a Jakarta il prossimo 4 febbraio.

Grande fermento però ci sarà due giorni dopo, il 6 febbraio, quando a Sepang vedranno la luce addirittura ben tre team di MotoGP. Suzuki, Yamaha e Petronas Yamaha SRT, infatti, mostreranno le proprie nuove livree a Sepang, il giorno prima dei test ufficiali pre-stagionali, che si svolgeranno dal 7 al 9 febbraio.

Leggi anche:

Non vi sono, invece, notizie per quanto concerne le presentazioni di KTM e Aprilia. Ad oggi però sembra esserci una tendenza dei team, almeno per questa stagione, a presentare le proprie squadre oltreoceano. L'unica, infatti, che mostrerà la propria moto in Europa al momento è la Ducati.

Come sappiamo molte volte queste scelte vengono dettate anche dal marketing. Marchi come Yamaha, Honda e Suzuki puntano molto sul mercato asiatico e quindi una presentazione oltreoceano gli garantisce sicuramente un impatto diverso su quei paesi.

 
condividi
commenti
Puig: “Marc più preoccupato se Alex debuttasse in un altro team”

Articolo precedente

Puig: “Marc più preoccupato se Alex debuttasse in un altro team”

Articolo successivo

Márquez: “Il recupero alla spalla è più complicato del previsto”

Márquez: “Il recupero alla spalla è più complicato del previsto”
Carica i commenti