MotoGP
25 mar
Prossimo evento tra
22 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
30 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Postponed
G
GP delle Americhe
15 apr
Postponed
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
44 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
57 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
71 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
85 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
92 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
106 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
113 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
127 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
162 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
176 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
190 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
197 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
211 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
232 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
239 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
253 giorni

MotoGP: protocollo speciale per evitare la quarantena in Qatar

Un protocollo specificamente progettato per la carovana del campionato del mondo MotoGP permetterà a tutti nel paddock di bypassare la quarantena all'arrivo in Qatar.

MotoGP: protocollo speciale per evitare la quarantena in Qatar

Nella sua lotta contro la diffusione del Coronavirus, il governo del Qatar sta obbligando qualsiasi viaggiatore che atterra all'aeroporto Hamad a sottoporsi a un periodo di quarantena di sei giorni.

A seconda dell'origine del volo, la quarantena può essere effettuata a casa o in un hotel, dalla quale possono uscire il settimo giorno, a condizione che i due test effettuati (dal secondo al sesto giorno dopo l'atterraggio) siano negativi.

Tuttavia, le autorità dell'Emirato hanno accettato di allentare le restrizioni su tutto il personale del paddock del campionato. Così, all'atterraggio in Qatar, piloti, tecnici, operatori, giornalisti e altri lavoratori accreditati dovranno presentare un test PCR negativo fatto nel loro paese d'origine prima di decollare.

Subito dopo, ognuno di loro sarà testato di nuovo, sorvegliato e portato nella sua stanza d'albergo, da dove potrà uscire solo quando otterrà un risultato negativo, una risoluzione che richiederà circa otto ore.

Leggi anche:

Da quel momento in poi, le regole all'interno del paddock saranno più o meno le stesse di quelle attuate l'anno scorso, che mirano a limitare il più possibile l'interazione tra membri di bolle diverse.

I primi ad arrivare in Qatar saranno i team della MotoGP, che faranno cinque giorni di test pre-stagionali tra il 5 e il 12 marzo, prima che i piloti della Moto2 e della Moto3 arrivino in Qatar dal 19 al 21 marzo, dopo che il test di Jerez è stato cancellato martedì e spostato a Losail. Una settimana dopo, il 28 marzo, la stagione prenderà ufficialmente il via con la prima di due gare back-to-back sulla pista qatariota.

Per evitare la possibilità di contagio, alcuni piloti passeranno quasi un mese intero in Qatar, mentre altri torneranno a casa. Al loro ritorno, tuttavia, dovranno passare attraverso lo stesso protocollo dell'hotel prima di potersi riunire alle loro squadre.

condividi
commenti
MotoGP: GP della Thailandia cancellato? "Un malinteso"

Articolo precedente

MotoGP: GP della Thailandia cancellato? "Un malinteso"

Articolo successivo

Uccio: "Futuro Rossi? La decisione dopo 6-7 gare"

Uccio: "Futuro Rossi? La decisione dopo 6-7 gare"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Qatar
Autore Oriol Puigdemont