MotoGP: GP della Thailandia cancellato? "Un malinteso"

La notizia che il Gran Premio di Thailandia di MotoGP 2021 si stato messo da parte dal governo è un "malinteso", secondo un portavoce del circuito di Buriram.

MotoGP: GP della Thailandia cancellato? "Un malinteso"

Martedì, la stampa di Bangkok ha riferito che il governo locale thailandese aveva preso la decisione di rinviare l'inizio del nuovo contratto con Dorna Sports al 2022 a causa della continua incertezza che circonda la pandemia del COVID-19.

La gara in Thailandia dello scorso anno è stata una delle prime ad uscire dal calendario originale quando la pandemia ha colpito per la prima volta, con l'evento di Buriram che non figurava nel programma rivisto, dopo che Dorna ha scelto di mantenere il campionato in Europa.

Motorsport.com ha raggiunto per un commento Dorna e il circuito di Buriram, ed entrambe le parti hanno negato la cosa.

"C'è stato un malinteso", si legge nella breve dichiarazione.

"In realtà, il governo stava annunciando il rinvio della gara del 2020, che sarà ospitata nel 2021".

"Continuiamo e non vediamo l'ora di ospitare il GP di Thailandia sul nostro circuito il prossimo ottobre".

Leggi anche:

La Thailandia è apparsa per la prima volta nel calendario della MotoGP nel 2018, con entrambe le edizioni corse finora che si sono rivelate immensamente lucrative per il paese - con la gara sostenuta dall'autorità locale.

Gran parte del mondo sta attualmente lottando contro una seconda ondata di COVID-19, poiché sono emerse nuove mutazioni di varianti più infettive del virus.

Questo ha già causato problemi per la MotoGP nel 2021, con il primo test pre-campionato di questo mese a Sepang cancellato a gennaio, quando la Malesia ha dichiarato lo stato di emergenza per i suoi crescenti casi di COVID.

Dorna ha annunciato alla fine del mese scorso che i GP degli Stati Uniti e dell'Argentina sono stati rinviati a una data non specificata nella seconda metà del calendario, sempre a causa della situazione del virus.

Questo ha spinto la MotoGP ad aggiungere una seconda gara in Qatar - il GP di Doha - da disputare una settimana dopo il round di apertura a Losail il 28 marzo, con il GP del Portogallo fissato per il terzo round in aprile.

Martedì, il circuito di Brno ha confermato che non ospiterà una gara nel 2021 in quanto i lavori in pista necessari non possono essere sostenuti a livello economico.

Dorna ha anche annunciato di aver spostato i test pre-stagionali di Moto2 e Moto3 da Jerez al Qatar, il 19-21 marzo, per garantire che l'intero paddock possa essere in Qatar per il primo mese del campionato.

condividi
commenti
MotoGP 2021: ecco gli ingegneri di pista dei 22 piloti
Articolo precedente

MotoGP 2021: ecco gli ingegneri di pista dei 22 piloti

Articolo successivo

MotoGP: protocollo speciale per evitare la quarantena in Qatar

MotoGP: protocollo speciale per evitare la quarantena in Qatar
Carica i commenti