MotoGP | Fonsi Nieto sarà il nuovo team manager in Ducati Pramac

L’ex pilota spagnolo di 43 anni sarà il nuovo Team Manager del team Pramac e sostituirà Francesco Guidotti, passato a sorpresa in KTM.

MotoGP | Fonsi Nieto sarà il nuovo team manager in Ducati Pramac

Si attende ancora l’annuncio ufficiale, ma Fonsi Nieto ricoprirà il ruolo di team manager in Ducati Pramac. Questa decisione è stata già comunicata ai membri della struttura gestita da Paolo Campinoti, che quest’anno ha chiuso la stagione come quarto miglior team nel mondiale e miglior team privato in MotoGP.

Nieto, vicecampione del mondo 250cc nel 2002, si è ritirato dalle corse alla fine del 2010 ed è entrato nella struttura satellite di Ducati nel 2018, ricoprendo il ruolo di coach per Danilo Petrucci e soprattutto di Jack Miller, prima che l’australiano passasse al team ufficiale, dove corre attualmente.

Con l’arrivo di giovani talenti come Pecco Bagnaia nel 2019 e di Jorge Martin nella stagione appena conclusa, l’apporto dato da Nieto è cresciuto e il suo ruolo è stato sempre più rilevante. Questo ha portato Campinoti a offrirgli la direzione della struttura dopo l’inaspettato addio di Francesco Guidotti, riaggiustando alcune posizioni all’interno del team.

Leggi anche:

Nelle ultime settimane, erano state fatte speculazioni su cui avrebbe assunto il ruolo lasciato vacante dal toscano ed era emerso anche il nome dell’ex direttore Ducati e poi Honda Livio Suppo. Ma dall’inizio Campinoti aveva chiara l’idea che il sostituto fosse Nieto.

KTM ha dato l’annuncio ufficiale mercoledì scorso dell’arrivo di Guidotti come nuovo team manager nel team austriaco in MotoGP, dopo aver confermato una settimana prima l’addio di Mike Leitner. Questa manovra aveva colto di sorpresa il paddock del mondiale, anche lo stesso team Pramac e il suo associato Ducati. Non era stata accettato di buon grado il fatto che Guidotti non avesse mai informato sulle sue manovre e restasse al suo posto nonostante avesse accesso a tutte le informazioni del 2022 fino all’ultimo momento.

condividi
commenti
Rossi: "Le mie rivalità sono state qualcosa di speciale"
Articolo precedente

Rossi: "Le mie rivalità sono state qualcosa di speciale"

Articolo successivo

Raúl Fernández: “Anche Quartararo è arrivato in MotoGP senza aver vinto nulla”

Raúl Fernández: “Anche Quartararo è arrivato in MotoGP senza aver vinto nulla”
Carica i commenti