Marc VDS in pole per diventare il team satellite Yamaha dal 2019

condividi
commenti
Marc VDS in pole per diventare il team satellite Yamaha dal 2019
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
20 mar 2018, 11:14

Stando a quanto ha appreso Motorsport.com, la Marc VDS sta definendo un accordo con la Yamaha per diventare la squadra satellite della Casa giapponese a partire dal 2019.

Franco Morbidelli, Estrella Galicia 0,0 Marc VDS
Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Franco Morbidelli, Estrella Galicia 0,0 Marc VDS
Lin Jarvis, team manager Yamaha
Franco Morbidelli, Estrella Galicia 0,0 Marc VDS
Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3
Franco Morbidelli, Estrella Galicia 0,0 Marc VDS
Lin Jarvis, Managing Director Yamaha Factory Racing
Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3

In attesa che l'operazione venga definitivamente chiusa e resa ufficiale, tutto sembra andare nella direzione giusta per far subentrare la squadra di Marc van der Straten al Team Tech 3, con la chiusura del rapporto con la Honda, che gli ha fornito le moto dal 2015.

La formazione belga non ha mai nascosto di non essere soddisfatta del trattamento ricevuto dalla Honda nelle ultime stagioni, anche se il cambio al vertice della HRC, con l'arrivo di Alberto Puig al posto di Livio Suppo, sembrava aver migliorato la situazione.

Tuttavia, con Tech 3 che ha deciso di non rinnovare il suo contratto con la Yamaha per passare alla KTM dal 2019, si è aperta una porta importante per i team privati per ottenere le M1 che in questa stagione sono affidate a Johann Zarco ed Hafizh Syahrin.

Dopo che il Team Angel Nieto e l'Avintia Racing hanno mostrato il loro interesse per queste due moto, ha fatto la sua parte anche Valentino Rossi, che giovedì scorso ha annunciato il suo rinnovo con la Casa di Iwata fino al 2020.

Franco Morbidelli, che è uno dei membri della VR Riders Academy, è uno dei due piloti titolari della Marc VDS (l'altro è Thomas Luthi), e di fatto esiste già una collaborazione tra la Yamaha e l'Academy del "Dottore" e questo rende ancora più facile la chiusura dell'accordo.

Lin Jarvis, direttore di Yamaha in MotoGP, ha infatti confermato questo concetto lo scorso fine settimana dopo la firma del rinnovo con il pilota di Tavullia.

"Abbiamo una relazione con la VR46 Academy. Analizziamo il mercato in generale, ma abbiamo questo accordo e l'idea è di avere con noi uno dei suoi piloti quando sarà il momento giusto. Un buon esempio è Morbidelli: c'era stata una possibilità ed eravamo molto interessati a lui. Ma allao stesso tempo, Jonas Folger e Johann Zarco avevano già firmato con Tech 3, e Rossi e Vinales avevano un contratto con noi, quindi non avevamo una moto per lui" ha spiegato Jarvis, quando gli è stato chiesto dei possibili candidati ad ottenere una Yamaha ufficiale in un team satellite.

"Bagnaia è un altro esempio interessante, perché quando Tech 3 ha deciso di lasciarci, eravamo in un momento in cui stavamo considerando la possibilità di affidargli Pecco" ha concluso il manager britannico.

Nonostante la Marc VDS avesse iniziato anche una conversazione con la Suzuki, l'attesa della Casa di Hamamatsu sulla decisione di schierare altre due GSX-RR sembra aver convinto Michael Bartholemy, team manager della Marc VDS, a puntare sulla Yamaha.

Prossimo articolo MotoGP
Morbidelli: "E' stato bello stare in mezzo a Lorenzo e Vinales"

Previous article

Morbidelli: "E' stato bello stare in mezzo a Lorenzo e Vinales"

Next article

Fotogallery: la MotoGP si tiene strette le grid girl, ecco quelle del Qatar

Fotogallery: la MotoGP si tiene strette le grid girl, ecco quelle del Qatar
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Team Marc VDS Racing Team Shop Now
Autore Oriol Puigdemont
Tipo di articolo Ultime notizie