Jarvis: “Con Crutchlow non ripeteremo l’errore fatto con Lorenzo”

Lin Jarvis, Direttore Generale di Yamaha MotoGP, continua a pensare che Jorge Lorenzo sarebbe stato un eccellente collaudatore per Yamaha, ma non è stato possibile completare il suo programma di test a causa del Covid-19.

Jarvis: “Con Crutchlow non ripeteremo l’errore fatto con Lorenzo”

Jorge Lorenzo era tornato in Yamaha lo scorso inverno dopo il ritiro dalle corse avvenuto alla fine del 2019, ma ha provato la M1 dell’anno precedente solamente quattro volte in tutto l’anno. A causa della pandemia, lo staff giapponese del test team non ha potuto viaggiare in Europa per completare il programma previsto. Inoltre Lorenzo, dopo il test di Sepang a febbraio, non è più salito su una moto fino allo scorso ottobre, quando ha effettuato i test a Portimao, dove ha concluso ultimo a quattro secondi dal miglior tempo.

Nel 2021 il maiorchino sarà sostituito da Cal Crutchlow, che ha lasciato le gare alla fine del 2020. Questa scelta ha provocato il risentimento da parte del cinque volte campione del mondo. Lin Jarvis ammette che la mancanza di test ha messo in difficoltà la Yamaha nel 2020, come ha dimostrato l’irregolarità dei propri piloti durante la stagione.

Durante il GP del Portogallo, Jarvis ha parlato con Motorsport.com affermando: “Penso che quest’anno siamo stati in svantaggio, avevamo una nuova moto, con un motore e un telaio nuovi, ma non abbiamo fatto alcun test a parte quelli ufficiali con i piloti titolari. Ad inizio anno abbiamo ingaggiato Lorenzo e avevamo pianificato un programma di test, ma stavamo sfruttando il test team giapponese con alcuni europei e Jorge”.

“Alla fine – prosegue – abbiamo girato con lui solamente nei due giorni di test a Sepang e nel test pre-Portimao. Il resto delle attività previste quest’anno è stato cancellato, sfortunatamente. Questo è stato negativo per noi e ci ha condizionato molto, perché non abbiamo potuto lavorare sui problemi. Continuo a pensare che Jorge sarebbe stato un collaudatore eccellente per svolgere questo lavoro”.

Jarvis dice che Yamaha è pienamente fiducioso di aver fatto la scelta corretta ingaggiando Crutchlow come collaudatore per il 2021 e crede che con i suoi feedback e con quelli dei piloti, verranno risolti i problemi di grip che la M1 del 2020 ha accusato durante la stagione.

“Ingaggiare Crutchlow è un segnale delle nostre intenzioni in vista del prossimo anno – afferma Jarvis – siamo completamente sicuri di aver fatto una buonissima scelta con Cal. Penso che sia un vero lavoratore, ha molta voglia di impegnarsi in questo progetto. Non commetteremo lo stesso errore due volte, completeremo un programma di test più intenso l’anno prossimo e pensiamo che con i cambiamenti di ingegneri abbiamo molte informazioni, perciò i nostri ingegneri modificheranno il telaio e lavoreranno per migliorare in questo ambito. Inoltre, con le informazioni dei test di Cal e di quelli dei test invernali, siamo piuttosto sicuri di poter risolvere i problemi per il prossimo anno”.

Il mese scorso, Lorenzo aveva affermato di avere un’offerta come collaudatore per Aprilia, anche se questa opzione sembra essere svanita dopo che la Casa di Noale ha confermato Bradley Smith e Lorenzo Savadori, durante l’inverno che si giocheranno il posto da titolari nel 2021.

condividi
commenti
Schwantz su Marquez: "Più a lungo non guida, più sarà difficile il ritorno"
Articolo precedente

Schwantz su Marquez: "Più a lungo non guida, più sarà difficile il ritorno"

Articolo successivo

Suzuki: deadline ad aprile per il team satellite in MotoGP

Suzuki: deadline ad aprile per il team satellite in MotoGP
Carica i commenti