Le Mans, Libere 2: Kent si conferma il riferimento

Le Mans, Libere 2: Kent si conferma il riferimento

Secondo stupisce Loi, con Quartararo che risale terzo. Bastianini quinto davanti a Fenati, che è la miglior KTM

Danny Kent si è confermato il punto di riferimento della classe Moto3 anche nel secondo turno di prove libere del Gp di Francia, a Le Mans. Il piota del Leopard Racing ha mantenuto la sua Honda al comando della classifica, scendendo fino a 1'42"731 e precedendo di poco più di un decimo un sorprendente Livio Loi.

Rispetto a questa mattina ha fatto un bel passo avanti il rookie Fabio Quartararo, che si è arrampicato fino al terzo posto con la Honda del Team Monlau, precedendo le altre due moto giapponesi affidate ad Efren Vazquez ed Enea Bastianini, che quindi è stato il migliore degli italiani, pagando circa sei decimi.

Il più veloce tra i piloti della KTM è stato nuovamente Romano Fenati, settimo con la moto dello Sky Racing Team VR46, che ha inserito davanti alle due marchiate Ajo Red Bull affidate a Miguel Oliveira e Karel Hanika. Nono tempo poi per il pilota di casa Alexis Masbou, che nel finale si è anche reso protagonista di una scivolata, così come Jorge Navarro che lo segue.

Subito fuori dalla top ten c'è Francesco Bagnaia, ancora una volta il più rapido tra le Mahindra, mentre gli altri ragazzi di casa nostra purtroppo sono tutti piuttosto indietro: Andrea Migno è 18esimo, mentre il terzetto composto da Andrea Locatelli, Matteo Ferrari e Niccolò Antonelli occupa le posizioni comprese tra la 20esima e la 22esima, con il portacolori della Ongetta Rivacold che ha pagato una caduta.

26esimo crono per Alessandro Tonucci, mentre il quadro dei nostri si completa con Stefano Manzi. Bisogna aggiungere poi un altro paio di cadute che hanno animato il turno e che hanno avuto per protagonisti Maria Herrera e Tatsuki Suzuki.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto3
Piloti Danny Kent , Livio Loi
Articolo di tipo Ultime notizie