Moto3
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Gara in
04 Ore
:
17 Minuti
:
18 Secondi

Moto3: Dalla Porta completa la tripletta asiatica a Sepang!

condividi
commenti
Moto3: Dalla Porta completa la tripletta asiatica a Sepang!
Di:
3 nov 2019, 05:04

Il campione del mondo non si ferma più e a Sepang conquista la terza vittoria consecutiva, la quarta stagionale. Primo podio per Garcia, con Masia che risale da 30esimo a terzo. Peccato per Vietti: lotta per la vittoria, ma è quinto.

La tripletta asiatica è di Lorenzo Dalla Porta. La conquista del titolo iridato in Australia non ha placato la fame del pilota del Leopard Racing, che a Sepang ha conquistato la sua terza vittoria consecutiva (eguagliato il record della Moto3), portando a quattro lo score complessivo della stagione e dimostrando ancora una volta di essersi meritato il titolo.

Il pilota toscano ha gestito molto bene la seconda parte di gara, sfruttando il grande motore della sua Honda, che gli permetteva di rimanere davanti alla fine dei due lunghissimi rettilinei del tracciato malese anche senza avere a disposizione una scia.

Quello che più di tutti ha provato a dargli fastidio è stato senza ombra di dubbio Celestino Vietti, che negli ultimi giri si è alternato al comando più volte con Dalla Porta, ma poi probabilmente ha raccolto meno di quanto avrebbe meritato, chiudendo solamente in quinta posizione.

All'ultima tornata, infatti, il portacolori dello Sky Racing Team VR46 si era portato al comando con un bellissimo incrocio alla curva 4. Ma quando poi alla curva 9 Dalla Porta si è reinfilato all'interno, ci ha provato anche Albert Arenas e tra i due c'è stata una leggera carenata che ha permesso a Dalla Porta di prendere il largo in vista delle ultime curve.

 

Per Arenas e Vietti invece questo leggero contatto è stato l'inizio dell'incubo, perché lo spagnolo è finito ruote all'aria all'ultima curva quando era in seconda posizione, finendo solamente 12esimo. Celestino invece ha accusato il colpo ed ha perso ritmo, venendo sfilato da diversi avverarsi e chiudendo appunto quinto. Al pilota piemontese, tra le altre cose, ora manca solo un punto per essere "Rookie of the Year".

I più bravi ad approfittarne sono stati quindi Sergio Garcia, che si è portato a casa il primo podio in carriera dopo una gara disputata tutta nel gruppetto di testa, ma soprattutto Jaume Masia, autore di una vera e propria impresa. La sua KTM della Mugen Race si è ammutolita nel giro di schieramento, obbligandolo a prendere il via dal fondo dello schieramento. Lo spagnolo però non si è arreso ed ha sfoderato una rimonta clamorosa, risalendo di ben 27 posizioni (terza miglior rimonta della storia della Moto3) e prendendosi il gradino più basso del podio.

Ai piedi del podio per appena 82 millesimi c'è il giapponese Ai Ogura, che ha colto l'occasione di questo bel risultato per una dedica ad Afridza Munandar, il 20enne scomparso ieri per un tragico incidente avvenuto durante la gara dell'Asia Talent Cup.

Detto del quinto posto di Vietti, sono rimasti un po' più indietro i piloti in lotta per il secondo posto nel Mondiale. Il migliore alla fine è stato il poleman Marcos Ramirez, sesto al traguardo, mentre Aron Canet e Tony Arbolino hanno chiuso solamente in ottava e nona posizione, alle spalle anche di John McPhee. La situazione in campionato ora vede Canet a quota 190, con un margine di 15 punti su Arbolino e 16 su Ramirez. Lo spagnolo del Max Racing Team, dunque, potrà amministrare la situazione a Valencia.

Leggi anche:

Un applauso se lo merita anche Niccolò Antonelli, addirittura decimo a 7"7 dal vincitore con una clavicola ancora rotta. Il portacolori della SIC58 Squadra Corse si è messo dietro anche Romano Fenati 11esimo. Un punticino poi se lo è portato a casa anche Riccardo Rossi, 15esimo, mentre è stato disastroso il weekend di Dennis Foggia, 19esimo alla bandiera a scacchi.

Ritirati invece Andrea Migno e Stefano Nepa. Il pilota della Mugen Race è rimasto coinvolto in una carambola alla curva 4 con i giapponesi Kaito Toba ed Ayumu Sasaki. Nepa invece si è toccato con Tom Booth-Amos all'ultima curva e non ha preso per niente bene la cosa, con tanto di dito medio rivolto all'avversario.

Al sesto giro invece ci sono stati attimi di apprensione alla curva 4 quando è caduto il leader Gabriel Rodrigo e Tatsuki Suzuki, che era nella sua scia, non ha potuto fare nulla per evitare la sua Honda. Il rischio più grosso però c'è stato con l'arrivo di Alonso Lopez, che è passato proprio tra Rodrigo e Suzuki stesi al suolo, evitandoli per un soffio e decollando a sua volta su una delle due moto. Fortunatamente però si è risolto tutto solo con un grande spavento.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Italy Lorenzo Dalla Porta
Honda 17 38'01.355 148.6 25
2 Spain Sergio Garcia Dols
Honda 17 38'01.765 00.410 00.410 148.6 20
3 Spain Jaume Masia
KTM 17 38'02.158 00.803 00.393 148.6 16
4 Japan Ai Ogura
Honda 17 38'02.240 00.885 00.082 148.6 13
5 Italy Celestino Vietti Ramus
KTM 17 38'02.257 00.902 00.017 148.6 11
6 Spain Marcos Ramírez
Honda 17 38'02.450 01.095 00.193 148.6 10
7 United Kingdom John McPhee
Honda 17 38'02.697 01.342 00.247 148.6 9
8 Spain Aron Canet
KTM 17 38'03.608 02.253 00.911 148.5 8
9 Italy Tony Arbolino
Honda 17 38'04.390 03.035 00.782 148.4 7
10 Italy Niccolò Antonelli
Honda 17 38'09.081 07.726 04.691 148.1 6
11 Italy Romano Fenati
Honda 17 38'09.363 08.008 00.282 148.1 5
12 Spain Albert Arenas Ovejero
KTM 17 38'11.876 10.521 02.513 148.0 4
13 Czech Republic Filip Salač
KTM 17 38'16.897 15.542 05.021 147.6 3
14 Spain Raul Fernandez
KTM 17 38'17.228 15.873 00.331 147.6 2
15 Italy Riccardo Rossi
Honda 17 38'17.305 15.950 00.077 147.6 1
16 Kazakhstan Makar Yurchenko
KTM 17 38'17.419 16.064 00.114 147.6
17 Czech Republic Jakub Kornfeil
KTM 17 38'17.852 16.497 00.433 147.6
18 Japan Kazuki Masaki
KTM 17 38'17.922 16.567 00.070 147.6
19 Italy Dennis Foggia
KTM 17 38'25.516 24.161 07.594 147.1
20 Turkey Can Öncü
KTM 17 38'30.685 29.330 05.169 146.8
21 United Kingdom Tom Booth-Amos
KTM 17 39'23.557 01'22.202 52.872 143.5
South Africa Darryn Binder
KTM 10 22'54.276 7 Laps 7 Laps 145.2
Japan Ayumu Sasaki
Honda 8 17'57.954 9 Laps 2 Laps 148.0
Italy Andrea Migno
KTM 8 17'58.431 9 Laps 00.477 148.0
Japan Kaito Toba
Honda 8 17'58.620 9 Laps 00.189 148.0
Italy Stefano Nepa
KTM 7 16'33.109 10 Laps 1 Lap 140.6
Japan Tatsuki Suzuki
Honda 5 11'13.661 12 Laps 2 Laps 148.1
Argentina Gabriel Rodrigo
Honda 5 11'13.720 12 Laps 00.059 148.0
Spain Alonso Lopez
Honda 5 11'14.353 12 Laps 00.633 147.9

Articolo successivo
Moto3, Sepang: seconda pole di fila di Ramirez

Articolo precedente

Moto3, Sepang: seconda pole di fila di Ramirez

Articolo successivo

Mondiale Moto3 2019: Canet ipoteca il secondo posto

Mondiale Moto3 2019: Canet ipoteca il secondo posto
Carica i commenti