Barcellona, Libere 2: Luthi continua a dettare legge

Barcellona, Libere 2: Luthi continua a dettare legge

Nemmeno una scivolata gli ha impedito di mettere tutti in fila. In crescita Iannone e De Angelis

Thomas Luthi continua ad essere il mattatore del weekend di Barcellona della classe Moto2. Nemmeno una scivolata, comunque piuttosto innocua e arrivata nel finale della sessione, gli ha impedito di mettere tutti in fila nella seconda sessione di prove libere, mantenendo ancora un margine importante nei confronti di tutti gli inseguitori. Il pilota elvetico è stato l'unico capace di sfondare il muro dell'1'47", girando in 1'46"768. Parliamo quindi di un tempo più alto di quello di stamani, che comunque si può giustificare con l'elevatissima temperatura dell'aria e dell'asfalto e che gli ha consentito di tenere ad una distanza di oltre quattro decimi Scott Redding. In terza piazza, ma ad oltre otto decimi, troviamo il pilota di casa Pol Espargaro, tallonato da vicinissimo da Andrea Iannone ed Alex De Angelis. Un segnale importante da parte dell'italiano e del sammarinese, che sembranoa poter avere almeno il potenziale per battagliare per il podio. Perde leggermente terreno Johann Zarco, che scivola dal sesto al settimo posto, terminando alle spalle anche di Takaami Nakagami, con Simone Corsi che invece rientra nella top ten arrampicandosi fino al nono posto. Ancora in difficoltà, infine, il leader iridato Marc Marquez, che non è riuscito ad andare oltre al dodicesimo posto.

Moto2 - Barcellona - Libere 2

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Thomas Lüthi
Articolo di tipo Ultime notizie