Indy 500: pole a sorpresa per Ed Carpenter!

Indy 500: pole a sorpresa per Ed Carpenter!

Stupisce anche Munoz, secondo davanti ad Andretti. Solo motori Chevrolet nelle prime tre file

Tutti si aspettavano un pilota della Andretti Autosport o magari Will Power, ma le qualifiche dell'edizione 2013 della 500 Miglia di Indianapolis hanno regalato una clamorosa sorpresa: a scattare dalla pole position sarà infatti un pilota che non aveva brillato particolarmente nelle giornate di prove libere, ovvero Ed Carpenter. Difficile dire se il portacolori dell'omonima squadra si fosse solo nascosto facendo pretattica o se nel Top 9 Shootout ha pescato un jolly clamoroso, ma sta di fatto che è stato capace di sfoderare una grande prestazione, anche se probabilmente nessuno avrebbe scommesso 1 dollaro sulla sua pole, anche perchè in passato non era mai riuscito a fare meglio dell'ottavo posto in qualifica ad Indianapolis. Carpenter ha ottenuto la media sui quattro giri più alta con 228,762 miglia orarie (la migliore dal 2006 ad oggi), ma ha anche realizzato il miglior giro del segmento conclusivo in 229,347 miglia orarie. In questo modo si è portato a casa anche i 100.000 dollari di premio per la pole ed i 15 punti extra per il campionato. Ma le sorprese non finiscono qui, perchè al secondo posto si è piazzato il rookie Carlos Munoz. Il pilota della Andretti Autosport è stato velocissimo fin dalle prime libere, ma la prima fila è un risultato davvero clamoroso per un ragazzo che quest'anno disputerà solamente la Indy 500 in Indycar, affiancandola al suo programma in Indy Lights. La prima fila di una griglia che vede solo vetture motorizzate Chevrolet nelle prime tre file si completa poi con il figlio d'arte Marco Andretti. Dopo essere stato il più veloce nella prima parte delle qualifiche, ha un po' deluso Will Power: il portacolori della Penske è sceso in pista per ultimo, ma non è riuscito a fare meglio del sesto posto, quindi si andrà a schierare in seconda fila, accanto ad EJ Viso ed AJ Allmendinger, che a sorpresa è stato quindi il migliore tra i piloti della squadra di patron Roger. Sul più bello poi non sono riusciti a dare il meglio di loro neppure il campione in carica Ryan Hunter-Reay ed Helio Castroneves, che si sono dovuti accontentare rispettivamente della settima e dell'ottava posizione. Il quadro dei piloti che hanno avuto accesso alla caccia alla pole si completa poi con il vincitore della gara scorsa a San Paolo James Hinchcliffe, che però ha a malapena sfondato il muro delle 227 miglia orarie. Con la decima prestazione JR Hildebrand è stato il primo a mancare l'accesso al Top 9 Shootout, ma anche il primo di quelli che si sono in ogni caso già garantiti un posto sulla griglia di domenica prossima: il portacolori della Panther aprirà quindi la quarta fila. Accanto a lui ci sarà il primo dei motorizzati Honda, ovvero Alex Tagliani, un pilota che in passato aveva già provato il brivido della pole position nella grande classica dell'Indiana. La quarta linea dello schieramento poi si completa con Tony Kanaan. In difficoltà anche tutti i piloti della Ganassi Racing, che pagano anche loro probabilmente il fatto di montare dei propulsori Honda: Scott Dixon ed il vincitore dell'edizione 2012 della Indy 500 Dario Franchitti si andranno a schierare solo in sesta fila, rispettivamente 16esimo e 17esimo, mentre è andata anche peggio al rientrante Ryan Briscoe, qualificatosi per un pelo in 23esima piazza. Non se la passa tanto meglio il leader del campionato Takuma Sato, che non ha potuto fare meglio del 18esimo posto, mentre i suoi diretti inseguitori Andretti ed Hincliffe scatteranno entrambi dalle prime file. Per ora solamente una delle donne al via è riuscita ad ottenere già la certezza della qualificazione e si tratta di Simona De Silvestro, accreditata della 24esima posizione con la Dallara-Chevrolet della KV. Le sue colleghe Pippa Mann, Ana Beatriz e Katherine Legge invece se la dovranno guadagnare domani nel Bump Day. Sulla loro strada troveranno però parecchi avversari agguerriti come Michel Jourdain Jr o il deludente Graham Rahal. Senza dimenticare poi il rientrante Buddy Lazier, ma anche i rookie Tristan Vautier e Conor Daly. Uno di loro però dovrà accontentarsi di fare da spettatore domenica prossima, visto che saranno in dieci a contendersi gli ultimi nove posti in griglia. Indycar - 500 Miglia di Indianapolis - Griglia di Partenza (dal primo al 24esimo)

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IndyCar
Piloti Ed Carpenter
Articolo di tipo Ultime notizie