Gulf 12 Hours: a metà gara guida la Ferrari Kessel

Gulf 12 Hours: a metà gara guida la Ferrari Kessel

Dopo la neutralizzazione di 90 minuti saranno quattro le vetture che ripartiranno nello stesso giro

Dopo aver ottenuto il secondo posto nell'edizione dell'anno scorso, la Kessel Racing sembra determinata a fare sua la Gulf 12 Hours 2013. La Ferrari 458 affidata a Broniszewski/Peter/Zampieri è arrivata al comando al raggiungimento della sesta ora, ovvero quando scattava la neutralizzazione di 90 minuti imposta dal regolamento, mettendo insieme ben 155 giri. Purtroppo per loro, non avendo mantenuto il giro di vantaggio sugli inseguitori, quando la gara ripartirà si ritroveranno con l'altra 458 della AF Corse con Ardagna/Bruni/Vilander incollata agli scarichi: a metà gara, infatti, era risalita fino al secondo posto, staccata di 37"6. Sono quattro però le vetture comprese tutte nello stesso giro e pure le altre due sono delle Rosse, la 458 AF Waltrip dei poleman Popow/Dalziel/Kaffer. Dopo essere rimasta in seconda posizione fino a pochi giri dall'interruzione, è scivolata al terzo posto a causa di un contatto che ha coinvolto Popow mentre effettuava il doppiaggio della Mercedes SLS AMG della Black Falcon, che ha consentito a Vilander di trarre vantaggio. In quarta piazza poi c'è la seconda 458 della AF Corse, ovvero quella di Sarrazin/Minassian/Potolicchio. La schiera delle vetture doppiate si apre invece con la Porsche dell'Autorlando di S. Bleekemolen/Di Guida/J. Bleekemolen, attardata da uno stop and go di 60 secondi, rifilato per aver superato la soglia dei 75 minuti per la prima sosta obbligatoria. Dopo un grande primo stint con Ivan Bellarosa, la Wolf GB08 dell'Avelon Formula è scivolata al settimo posto, con gli altri due membri dell'equipaggio che non hanno retto il passo dell'italiano, ma rimane comunque al comando della classe CN2. Nella GTX invece comanda la Porsche 997 Cup della Ebimotors con Beretta/Benucci/Silva/Scanzi. Dopo un lunghissimo pit stop, è poi riuscita a riprendere la via della pista la McLaren MP4-12C della ASM, anche se distanziata di ben 58 giri. Attardata da noie al cambio anche l'Audi R8 LMS della United Autosports, che chiude con 39 giri di ritardo.

Gulf 12 Hours - Classifica dopo 6 ore

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT
Piloti Daniel Zampieri
Articolo di tipo Ultime notizie